AL CRISTALLO DI FIDENZA IL TRIBUTO AI PINK FLOYD DEI ‘RASTEROIDS’ CON LA STORIA DELLA ROCKSTAR PINK IN “THE WALL”: I VIDEO DELL’EVENTO

Locandina(gmajo) – Sperando che non si sia trattato dell’ultima volta “definitiva” – ché l’allarme che avevamo lanciato un paio di settimane fa circa gli ampi dubbi sul futuro dello storico “Cine di Prêt” (come lo ha definito su Nave Corsara, in calce al nostro articolo ben titolato “Le anime sono salve, il cinema un po’ meno”, la nota fidentina Claretta Ferrarini, aggiungendo un significativo “ät fâgh tant ävgüri, cum tütt èl cör”)  non è affatto superato, e forse addirittura amplificato – venerdì sera, 14 giugno 2013, si è chiusa la stagione “invernale” del Cristallo di Fidenza con il “tribute” ai Pink Floyd del gruppo pramzàn dei Rasteroids. Alla programmazione cinematografica, sostanzialmente ridotta, circa i giorni di proiezioni, rispetto al recente passato, FIAMMETTA ANTOZZI l’Associazione Fidenza Cultura che da un paio di anni ha ereditato la gestione, un tempo appannaggio dell’esperto Don Mario Fontanelli, della sala ultracinquantenne con un comodato gratuito concesso dalla proprietà (una fondazione che fa riferimento soprattutto alla Curia locale) che però ora pare abbia altri progetti che noi abbiamo definito un po’ più “secolari” che non favorire l’accrescimento culturale della comunità ha aggiunto un allarme cristallocartellone di eventi musicali, sfruttando il palco del teatro per proporre dei concerti (per l’assistenza tecnica no problem, giacché il presidente Gilberto Berzolla è un esperto del settore). Per l’estate Fidenza Cultura, dopo un accordo raggiunto con l’amministrazione municipale borghigiana, proporrà, nel cortile delle Orsoline, ormai consolidata location, un ciclo di claretta ferrariniotto pellicole, che si concluderà a Ferragosto. L’idea iniziale era quella di bissare le proiezioni all’aperto con altre al chiuso del Cristallo il giorno successivo, ma poi è sfumata: la vetusta sala cinematografica, però, rimarrà a disposizione per eventuali proiezioni in caso di maltempo. L’autunno successivo, però, chissà anime salve cinema un po menose riaprirà i battenti: il bilancio economico del biennio della gestione da parte dell’associazione culturale non è confortante (purtroppo i numeri sono quelli che sono: la piazza non risponde, per tutta una serie di svariate motivazioni, e così gli “economi” hanno buon gioco nel continuare a sostenere che è inutile continuare) e in più ci sarebbe da aggiungere l’alto costo per l’adeguamento delle apparecchiature di proiezione dopo lo switch off dalla pellicola al digitale che necessiterebbe di almeno cinque anni di tranquillità di esercizio per essere ammortizzato. Insomma, speriamo che “The Wall” dei Pink Floyd non sia stata la colonna sonora del funerale…

DSC09890I "Rasteroids", l’altra sera, condividendo il rischio di impresa (i 40 componenti del gruppo sono tornati a casa con circa 150 euro da spartirsi, e direi, quindi, che hanno da evacuare sottile) altrettanti sono andati a Fidenza Cultura, giacché i paganti erano circa un’ottantina, per un incasso attorno ai 300 euro) hanno proposto la storia di Pink, una rockstar che durante un massacrante tour riflette sul rapporto con sua moglie ormai giunto al termine. Nelle lunghe giornate passate in solitudine in una anonima stanza di DSC09878albergo tra un concerto e l’altro, Pink, nel vano tentativo di mettersi in contatto con la moglie, rievoca i fantasmi della sua esistenza: la morte del padre in guerra e l’infanzia difficile, stretta tra l’atteggiamento iper-protettivo della madre e l’indottrinamento da parte di professori psicopatici. Simbolicamente le difficoltà e i traumi esistenziali di Pink sono stati rappresentati con dei mattoni che hanno costruito un muro di isolamento che lo allontanano dalla realtà, fino a un completo DSC09892isolamento. Alla fine, in uno spietato processo introspettivo, Pink ha affrontato i propri traumi fino alla caduta del muro che lo ha riportato a contatto diretto con i propri simili. I Rasteroids hanno proposto questo concept album per invitare a riflettere sulla paura dell’uomo di non riuscire a comunicare col prossimo, quindi di restare solo in un mondo che non lo comprende e che lo emargina. Tema sviluppato negli anni ’70, ma ancora attuale, nonostante (o complice?) l’avvento dei social networks.
DSC09883La formazione: oltre ai Rasteroids le voci erano di Arnaldo Sacchelli e Patrizio Parisi; basso: G.Paolo Bizzaro; batteria: Tino Carretta; chitarra acustica: Alessandro Bonati; chitarra elettrica: Giuseppe Castagnetti; piano e tastiere: l’applauditissimo profeta in patria Luca Pollastri; le coriste: Annalisa Parisi, Casey Dickey e Luana Villani e, ospiti speciali, gli "Juvenes Cantores" della Cattedrale di Fidenza e la Compagnia Teatrale "Al Tremlo’n" con la regia di Annamaria Musi.

ESCLUSIVA STADIOTARDINI.IT: I VIDEO DELL’INTERA SERATA

1.

 

2.

 

3.

 

4.

5.

 

6.

 

7.

 

8.

9.

10.

 

11.

 

12.

 

13.

 

VIDEO AMATORIALI DI WWW.STADIOTARDINI.IT

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

AL CRISTALLO DI FIDENZA IL TRIBUTO A DE ANDRE’ DELLE ANIME SALVE: I VIDEO DEL CONCERTO. MA LA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA RISCHIA LA CHIUSURA…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.