DOVE STA CASSANO? IN SARDEGNA CON LEONARDI O A CENA CON PREZIOSI A FORTE DEI MARMI?

piovani gdp leonardi in sardegna incontra cassano(gmajo) – Ne saprà di più il buon Sandrone Piovani della Gazzetta di Parma che sul giornale di oggi azzarda un possibile incontro in Sardegna tra Leonardi e Cassano, oppure il Secolo XIX, secondo cui stasera Fantantonio interromperà le vacanze vere tra Cannes e Grecia per una cena “di lavoro” a Forte dei Marmi con il suo agente Bozzo e secolo XIX giorno di cassanoPreziosi? L’interrogativo, magari futile, nasconde, invece, la domanda classica di questo periodo: il Discolo di Bari Vecchia, tra le due nobili decadute, sceglierà per rigenerarsi il secolare Parma, desideroso di riassaggiare grazie a lui l’epoca della Grandeur, finita sotto le macerie del crac Parmalat, o il Genoa che, con la gestione del Re dei Giocattoli  ha vissuto le ultime stagioni ballando pericolosamente sul baratro? Certo il clima ligure è assai più appetibile di quello padano (lo stesso ragionamento vale per i Centri Sportivi per il centro sportivo cataniaritiro estivo, ché, con tutto rispetto parlando per la moderna propaganda Luce, un conto è il clima caldo, ma asciutto, catanese, un conto quello altrettanto caldo, ma spesso umido, mediopadano. Dunque non ci sarà nulla di strano sotto il sole della serie A, ma se vengono elencate solo Milan, Catania e  Parma significa che ci sono altre 17 squadre che hanno fatto valutazioni differenti, e non credo che la cassano crociatodiscriminante siano solo le strutture a disposizione) e magari evitare discussioni con la moglie (che preferirebbe la convivenza sotto lo stesso tetto coniugale marittimo) è un buon esercizio per il mantenimento della quiete famigliare, però, indubbiamente, a oggi il progetto calcistico che possono offrire Ghirardi e Leonardi, pur ondivago, mi pare un po’ più appetibile rispetto a quello di Preziosi. Il Secolo XIX, però, pur sostenendo la pista secolo XIX percentuali cassanoGenoa, (al punto da titolare: “Genoa, è il giorno di Cassano”) asserisce che il Parma resta in vantaggio: ha l’ok dell’Inter nell’affare Belfodil e ha accettato l’idea di un triennale a cifre sostanziose come quelle guadagnate in nerazzurro. Tanto che se l’entourage del giocatore parla di 50 e 50, tra Parma e Genoa, Pietro Leonardi, ad dei ducali, si sarebbe sbilanciato con un 90% per i gialloblù”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

14 pensieri riguardo “DOVE STA CASSANO? IN SARDEGNA CON LEONARDI O A CENA CON PREZIOSI A FORTE DEI MARMI?

  • 22 Giugno 2013 in 14:51
    Permalink

    Beh, a sto punto se vince preziosi non mi dispiacerebbe neanche così tanto. Con quei 10 milioni risparmiati di ingaggio qualcosina si potrebbe fare …. poi non lo so, son ripetitivo, se l’affare è solo mediatico e commerciale (lo saprà Ghirardi) allora a me frega poco, se invece (cosa che auspico assai) Cassano viene a Parma per provare a partecipare ai mondiali dell’anno prossimo allora ci potremmo divertire. E il Leo potrebbe guadagnare l’anno prossimo cedendolo al Genoa. Nello spirito e nella politica (quella apparente, quella enunciata) del Parma A.C. Cassano non ci entra molto, ma se le motivazioni son forti e la condizione fisica non è compromessa allora avremo un fuoriclasse che fà la differenza. Ma vedremo, vedremo, comunque vada sarà un successo, se arriva o se non arriva, se vendiamo le magliette ai cinesi o se andiamo in Europa, se vedremo le Cassanate o se vedremo il fuoriclasse. Lo scopriremo solo giocando. Fra due mesi.

  • 22 Giugno 2013 in 15:33
    Permalink

    china secondo me su Cassano non è più possibile fare plusvalenza, oramai non ha più un costo in cartellino dato l’ingaggio pesante.

    Cioè non vedo come si possa vendere l’anno prossimo e fare plusvalenza, se Cassano arriva rimane per qualche anno a meno che non rompa con l’ambiente, in quel caso può andar via ma sicuramente non si avrebbe nulla in cambio di cartellino ma solo lo scollarsi dell’ingaggio pesante.

  • 22 Giugno 2013 in 17:12
    Permalink

    Se vuole venire ben venga, altrimenti vada a Genova a rischiare il linciaggio dai Doriani.
    Ancora qualche giorno e poi secondo me anche la gente di Parma si stancherà come con Cavani a Napoli.

    • 22 Giugno 2013 in 17:33
      Permalink

      Caro Giova:

      credo che le situazioni Cavani/Napoli e Cassano/Parma siano del tutto incommensurabili. Se non altro perché l’uno dovrebbe andare, mentre l’altro dovrebbe venire

      A parte che la gente di Parma non è come la gente di Napoli: il calcio lo vivono con un certo distacco, non con un caldo coinvolgimento.

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Giugno 2013 in 19:09
        Permalink

        Ultim’ora : Avvistato Cassano all’Autogrill di Medesano che addentava una barra di Toblerone compresa la stagnola con una mano mentre con l’altra sfogliava una margherita….parma no, genoa si , parma si genoa nooooo…..

  • 22 Giugno 2013 in 18:40
    Permalink

    la solita gestione ad minchiam ….a proposito intenditores de noantri ve lo dico in tono aulico….sapete dove potete metterlo miccoli ? no perche’ se volete vi faccio uno schizzo

  • 22 Giugno 2013 in 20:19
    Permalink

    AGGIORNAMENTO (DA TUTTOMERCATOWEB) – PER CASSANO PREZIOSI SI RITIRA…

    Importanti dichiarazioni rilasciate dal presidente del Genoa Enrico Preziosi dopo l’incontro con l’avvocato Giuseppe Bozzo, agente di Antonio Cassano. Queste le sue parole ai microfoni di Sky Sport: “Bozzo è un agente, non ha solo Cassano. Però abbiamo parlato anche di lui. Si tratta di un calciatore che piace a tutti gli amanti del calcio, ma credo che la trattativa col Parma sia in uno stato molto avanzato e un nostro inserimento non ha molta logica. Non amo inserirmi in queste situazioni”.

  • 23 Giugno 2013 in 00:05
    Permalink

    Giuro che mi sta simpatico, un po patetico ma simpatico, il monocrate della retorica, l’onanista della polemica, decisamente importante, illuminante e afasico. Bravo.

  • 23 Giugno 2013 in 00:38
    Permalink

    Leggo ora da Repubblica :” Amicizie pericolose e insulti verso uno dei massimi simboli della lotta alla mafia. E’ bufera su Fabrizio Miccoli, il capitano del Palermo scivolato maldestramente sulle sue frequentazioni con il nipote di Matteo Messina Denaro e con il figlio del boss della Kalsa, Antonino Lauricella, detto “Scintilluni”, con cui si divertiva a cantare “Quel fango di Falcone”.
    Ovvio che di fronte a queste accuse, nemmeno smentite ma quasi confermate da un silenzio troppo lungo del calciatore, non vorrei mai vederlo giocare con la crociata. Anche se mi pare strano che certe frequentazioni note non siano mai state rese pubbliche prima d’ora. Almeno in Emilia.

    • 23 Giugno 2013 in 00:49
      Permalink

      C’entra fino lì, CHina, ma io ho appena finito di vedere su Rai Tre “un giorno in pretura” con rivissuta la vicenda Calciopoli, con il famoso Lecce-Parma 3-3 diretto dallo scientifico De Santis… Che skifo. Un grande Vignaroli, il miglior teste tra quelli “crociati”, senza reticenze e col coraggio di dire le cose come stavano. Tra Bologna e Parma finiti allo spareggio cuginicida e la Fiorentina dei Della Valle condannati in primo grado (appello sempre in divenire) a livello di giustizia penale, avrebbe meritato la retrocessione quest’ultima…
      Cordialmente
      Gmajo

    • 23 Giugno 2013 in 00:55
      Permalink

      Aggiungo che nel frattempo mi sono letto l’articolo completo della vicenda Miccoli sulla GdS: un motivo in più perché se ne stia lontano di qua…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Giugno 2013 in 09:04
    Permalink

    giuro che invidio la capacita’ di taluni di scrivere concetti senza comprenderne il significato,mi tocchera’ fare uno schizzo sulla lavagna e allegarlo in formato pdf, il significao di onanista e’ per caso “seguace di berlusconi ?”,afasico sicuramente rispetto ad un sistema trifasico squilibrato che induce correnti dannose,sono contro la settima armonica urge una rifasata.

  • 23 Giugno 2013 in 13:50
    Permalink

    Chiedersi il significato di onanista e poi fare uno schizzo non ha prezzo. Grande umorista.

  • 23 Giugno 2013 in 17:52
    Permalink

    piuttosto vorrei sapere chi non e’ passato per l’onanismo praticato forse a qualcuno che non tira mai …tipo biabiany

I commenti sono chiusi.