IL MEMORIAL SAPONARA NEL RACCONTO DI UN PENNIVENDOLO ANONIMO

DSC00002(pennivendolo anonimo) – E vabbè, terzo posto. "Medaglia di legno", ha scritto Gabriele Majo nel suo pezzo, privandoci anche di un meritatissimo bronzo e, di fatto, relegandoci al quarto posto nella classifica di un triangolare. Del resto, Gabriele, nel mestiere di noi pennivendoli refusi e boiate assortite sono all’ordine del giorno, e non poteva non mancare anche da parte di chi ha scritto delle nostre gesta nel terzo Memorial Saponara di sabato scorso ad Alberi.

DSC09983Francesco – c’è da dire – si sarebbe divertito un mondo anche per questo, perché si può essere seri e professionali, pur senza prendersi sul serio e sorridendo di un errore. Noi pennivendoli, però, quel bronzo lo vogliamo, altro che legno. Perché quel bronzo è un po’ argento, dal momento che la stampa parmigiana ha dimostrato ancora una volta la sua scarsa incisività, DSC09987incapace di mettere pressione sull’arbitro come invece, si suppone, siano riusciti a fare i politici. Perché, quando dagli spalti è partito un "ma che punizione è, devi farti togliere una multa?", il buon De Matteis non ha potuto che abbozzare. Ed espellere, successivamente e senza il minimo ammortizzatore sociale, uno dei giornalisti. Segno inequivocabile della crisi del mercato editoriale.

DSC00300Con un Gabriele Majo presente sì, ma solo nella foto di rito, un Matteo Billi organizzatore-allenatore-non giocatore e con l’obiettivo di ricordare al meglio non solo Francesco Saponara, ma anche l’indimenticabile ‘mister’ Pino Colombi, i giornalisti hanno giocato per lo spettacolo più che per i punti. E’ quello che si dice quando si perde. Ben DSC00227allenato in merito dal ruolo avuto in Municipio, dove c’era da bloccare tiri ben più potenti, Monguidi ha parato tutto nella sfida con i politici, arrendendosi ad un rimpallo e ad una rete all’ultimo minuto, questo nonostante la squadra dei giornalisti abbia condotto in vantaggio gran parte della gara. Ma quella maglietta rossa con la scritta CCCP comparsa sulla panchina DSC00304pennivendola subito dopo la rete segnata dal giornalista più a sinistra del gruppo, un gol ribattezzato il "tacco di Breznev" (qualcosa a metà fra il "tacco di Allah" di Madjer in una vecchia finale di Coppa Campioni, il tacco di Crespo una sera al Delle Alpi e – perdonate il francesismo – un classico gol di culo), deve avere… rinsaldato le larghe intese e unito i politici. Centrodestra e centrosinistra, tutt’insieme appassionatamente...

DSC00341Il 2-3 subito dai giornalisti contro i politici, o quel che ne restava, ha rappresentato la gara più combattuta del torneo. Gli ‘Amici di Francesco’, infatti, hanno rullato gli avversari, strameritando il trionfo: se ho contato bene (e non ci scommetterei) le loro sfide le hanno vinte con un doppio 8-0. Roba che manco con la nazionale di Tahiti… Ma nel conteggio lo scrivente DSC00308(che in campo era in debito d’ossigeno) potrebbe essersi perso qualche gol, soprattutto nel finale della partita contro i giornalisti. I quali, vedendo ormai tutto perduto, negli ultimi cinque minuti dell’ultima gara contro gli Invincibili, hanno schierato prima otto, poi nove, poi dieci uomini. L’obiettivo era fare ricorso ed ottenere la sconfitta a tavolino: sarebbe stato un ben più onorevole 3-0. De Matteis, però, guardava altrove…

DSC09978(gmajo) – La medaglia di legno l’ho attribuita in piena coscienza alla formazione di cui ho indossato la maglia, ma per la quale non ho giocato neppure un secondo (ero infortunato, ma meglio così, se no la nostra medaglia manco avrebbe avuto la nobiltà del legno, viste le mie qualità agonistiche…): non si tratta, dunque, di un refuso, come sostiene, erroneamente, il pennivendolo DSC00253anonimo estensore del reportage sopra riportato, né di una boiata. Perché la medaglia di legno e non il bronzo? Semplice: perché se si arriva terzi tra tre competitor si è ultimi, e la medaglia di legno, più del bronzo, rimarca l’insuccesso. Alla prossima tenzone bisognerà arrivare più preparati e meno raccogliticci, per non sembrare l’ItalRugby al Sei Nazioni

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOVIDEO GALLERY DEL III MEMORIAL SAPONARA

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL MEMORIAL SAPONARA RACCONTATO DA MATTEO AGOLETTI

GLI ‘AMICI DI ALBERI’ SI AGGIUDICANO ANCHE LA III EDIZIONE DEL MEMORIAL SAPONARA. RICORDATO ANCHE “THE VOICE” PINO COLOMBI – Foto e video gallery amatoriale

IL VESCOVO SOLMI AL MEMORIAL SAPONARA, VIDEO E FOTOGALLERY

GOSSIP WRITER / L’ARBITRO DE MATTEIS VUOLE IL VESCOVO AD OFFICIARE LE SUE NOZZE. INTANTO, PERO’, LO AMMONISCE…

AGLI “AMICI DI ALBERI” IL PRIMO “MEMORIAL SAPONARA”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “IL MEMORIAL SAPONARA NEL RACCONTO DI UN PENNIVENDOLO ANONIMO

  • 3 Luglio 2013 in 10:06
    Permalink

    indimenticabile Francesco Saponara, come pure PIno. Come Gianluca Bacchi Modena, Anghinetti, il fotografo di cui mi sfugge sempre il nome. il pennivendolo si riconosce benissimo…

    • 3 Luglio 2013 in 10:19
      Permalink

      Claudio Piola e Marco Badolati sono i due fotografi (il primo era anche un dj e programmatore radio) che seguivano il Parma prematuramente scomparsi
      Ciao Gmajo

I commenti sono chiusi.