venerdì, Giugno 21, 2024
News

L’INSEDIAMENTO DI PENOCCHIO AL PADOVA: “L’ESPERIENZA AL PARMA MI HA DATO L’OPPORTUNITA’ DI IMPARARE, VEDERE E CONOSCERE COME MUOVERSI NEL MONDO DEL CALCIO”. APERTURA A BARALDI

padova goal penocchio cestaro live(gmajo) – Grazie ai colleghi di Padova Goal, che nella sezione Live24H hanno proposto in tempo reale la cronaca della conferenza stampa d’insediamento di Diego Penocchio al Padova, avvenuta stamani all’Euganeo, siamo in grado di riportare le frasi salienti di rilievo parmigiano dell’ex vice presidente crociato. E proprio a proposito del suo improvviso, e per certi versi clamoroso, abbandono, a marzo 2013, all’alba del Centenario, il nuovo proprietario padova goal presentazione penocchio livedel club veneto ha affermato (alle 11.33): “Ho dovuto lasciare la vicepresidenza del Parma effettivamente per motivi di lavoro perché ero spesso in India, ma adesso che le mie aziende sono avviate sarò un presidente molto presente”…  “Quando feci la scelta di abbandonare Parma era per via di un progetto importante che sarebbe dovuto partire in India. A me piace esserci, in quel momento non potevo essere presente come avrei voluto. Adesso il progetto è partito e io ho deciso di tornare in prima persona con grande entusiasmo…”

imageCirca i rapporti che manterrà col club ducale, Penocchio ha affermato: “Sapete che ho fatto calcio a Parma"… ”L’esperienza del Parma mi ha dato l’opportunità di imparare, vedere e conoscere come muoversi nel mondo del calcio e come gestire la squadra”. Anche se, onestamente, nella società di Ghirardi i suoi compiti erano più d’immagine e rappresentanza che non di gestione sportiva/operativa, specie durante la gestione del Plenipotenziario Leonardi. “Uno – ha proseguito Penocchioentra nel mondo dello sport per vincere e non per arrivare ultimo! E negli sport di squadra ci vuole sacrificio e solidità”.

ghirardi tira volata a penocchioPenocchio, il cui nome, negli ultimi mesi, era stato abbinato a quello di tante squadre, in primis quella della sua città, il Brescia, ha spiegato (ore 11.40): “Perché ho scelto il Padova? Va detto che quando ho lasciato il Parma sul mercato c’erano delle opportunità. Quella del Brescia è nata per una battuta di Ghirardi! L’amico Ghirardi mi lanciò la volata, da lì in poi si scatenò un putiferio mediatico. Non si sono mai create le condizioni giuste per fare degli affondi altrove nelle piazze a cui sono stato accostato, cosa che invece è accaduta a Padova."

luca baraldi a un giorno in preturaIn questi giorni c’è stato il tam tam, sui media patavini, circa nuovi possibili ingressi in società: Penocchio si è preso “sette giorno da oggi” per scegliere i protagonisti attivi della sua nuova avventura (dirigenti, tecnici, e i primi calciatori): interessante la non chiusura nei confronti di Luca Baraldi, il cui mandato al Padova è terminato proprio ieri, con la scadenza del contratto. Baraldi, su incarico del presidente uscente Cestaro, aveva trovato il nuovo compratore:Baraldi? E’ un’ottima persona con cui lavorare. Se in futuro ci saranno degli spazi e collimeranno con i suoi impegni ne parleremo”… “ E’ un professionista serio e ha dato la sua disponibilità, io raccolgo e poi valuterò. Abbiamo diverse candidature e sceglieremo cosa fare”.

padova goal rivoluzione penocchioDiego non si è sbilanciato con altri nomi: “Novità su organigramma societario e staff tecnico? Leggo di nominativi in pole position (Spalenza, Antonelli e Secco, nda) di gente che magari neanche conosco… Il mio pensiero fa scopa col pensiero ‘grande società=grandi risultati"’. Per questo, poco dopo mezzogiorno, avrebbe sancito: “Dirigenti e allenatore? Scommesse non ne vogliamo, andremo sul sicuro con nomi che almeno sulla carta garantiscano solidità”. Penocchio, che vorrebbe “una struttura societaria snella, perché più è snella e meglio è”, ha anche sostenuto di non essere il capo fila di una cordata (magari dei conquistatori bresciani. C’è chi pensa che possa aver dietro Ghirardi, anche se noi di  stadiotardini.it  abbiamo già espresso qualche dubbio al riguardo): “Altri soci? Sono solo, non ci sono altri soci dietro o in arrivo”.

images (2)Penocchio, da buon uomo di mondo, ha confermato la nostra sensazione circa la buona volontà di mantenere ottimi rapporti con la stampa, in una piazza che nel recente passato aveva visto scintille, addirittura arrivando alle mani: “Non è per essere reticente e non voler scucire notizie, ma al momento non ne ho”…. “Voglio avere con la stampa un rapporto franco, sono a a vostra completa disposizione! Sto lavorando per ‘noi’…”. Il mio intento, quando mi venni affidato il ruolo di capo ufficio stampa e comunicazione del Parma Calcio, era quello di essere un trait d’union tra due sponde spesso in battaglia, società e giornalisti (lo dichiarai in una intervista a Paolo Grossi della GdP, appena dopo l’inizio del mio servizio): penso che dovrà fare altrettanto chi Penocchio chiamerà al Padova, piazza ancor più difficile, considerati quei burrascosi trascorsi…

CESTARO E PENOCCHIOPenocchio, per dimostrare la sua ambizione, non ha lesinato una iperbole, pur sapendo di spararla grossa (ore 11.52): “La mia idea di calcio? Dico il Barcellona, ma è una battuta! Il concetto di calcio è molto articolato… Noi vogliamo dare soddisfazioni calcistiche a questa città, perché se lo merita”: insomma, un po’ di  sana piaggeria, arte che Penocchio  non può che aver appreso nella sua images (3)esperienza nel Ducato (dove c’era a che fare con i tanti supporter della parmigianità, quelli dalla visione un po’ Parma-centrica per cui Parma è al centro del mondo): “Qui è nato calcisticamente Del Piero, io di origine di tifo sono sempre stato bianconero, ma con l’esperienza a Parma ho capito che si entra in un determinato meccanismo. Questa avventura mi ha preso anima e cuore, sarò sicuramente il primo tifoso di questa squadra”. "(ore 11.22): “Sapete che ho fatto a calcio a Parma… I colori di questa città hanno tradizione e storia! Ci sono tutti i presupposti per fare bene…”

maura e diego penocchioDal punto di vista personale Penocchio si è presentato con queste parole (ore 12.03 e ore 12.10):Ho 57 anni, sono sposato con Maura, ho due figlie Elisa e Alice. Sono sposato una volta sola, merce rara eh?”. Deliziosa famiglia che ha lasciato il segno anche a Parma, come testimoniato anche dal commento postato su stadiotardini.it, nei giorni scorsi, da Mario Robusti, ex consulente della struttura comunicazionale del Parma. Elisa, infatti,  si era occupata alice penocchioanche della gestione dell’area hospitality del Tardini, specie per la ristorazione e l’accoglienza, Alice, invece, aveva partecipato alla tournée in Cina, dopo la retrocessione della stagione 2007-08. La signora Maura era presenza fissa in trasferta e in casa al fianco del marito Diego. “Risiedo in provincia di Brescia, sono diplomato, ma a pochi passi dalla laurea ho mollato per aiutare mio padre che aveva appena aperto la nostra azienda. (ore 11.23): “Io lavoro sulla lavorazione dell’acciaio con accordi importanti in India e in molti altri luoghi. Abbiamo guardato molto all’estero per la nostra attività e questo credo sia stata una carta 41722_1448782434_831741632_qvincente”. “Lavoro nel settore della meccanica e ho aziende che operano nel settore della siderurgia”. “Sono sempre stato uno sportivo. Il calcio è sempre stata una passione, ma alla luce del mio metro e novanta di altezza ho giocato a basket a discreti livelli  ”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GHIRARDI SI CONGRATULA CON PENOCCHIO: “ERA DA TEMPO CHE AVEVA IN MENTE DI FARE QUALCOSA DI IMPORTANTE NEL CALCIO”. GLI ASPETTI LEGALI CURATI DA ZAGLIO, ALTRO EX DEL PARMA. DI CARLO L’ALLENATORE?

PENOCCHIO, CHE SI ERA DIMESSO DALLA VICEPRESIDENZA DEL PARMA, ALL’ALBA DEL CENTENARIO, HA ACQUISTATO IL PADOVA. BARALDI, TERZA VOLTA AL BOLOGNA?

DOPO LE IMPROVVISE DIMISSIONI DI DIEGO PENOCCHIO E’ VACANTE LA CARICA DI VICE PRESIDENTE DEL PARMA: IL NOSTRO CANDIDATO IDEALE E’ L’UNICO SOCIO PRAMZAN MARCO FERRARI

L’ASSIST DI GHIRARDI: “SAREI FELICE SE PENOCCHIO DIVENTASSE IL PRESIDENTE DEL BRESCIA”

QUEI CAMBIAMENTI NEL CDA DEL PARMA FC, IN ATTESA DEL VERNISSAGE DEL PIANO INDUSTRIALE QUINQUENNALE LEONARDIANO

MEDEGHINI E’ FALLITO. MA NON ANGELO…

RILEGGI DA STADIOTARDINI.COM LA TELENOVELA PENOCCHIO AL BRESCIA

(CLICCANDO SUI LINK SOTTO RIPORTATI DI ACCEDE AL RICHIESTO CONTRIBUTO MULTIMEDIALE CORRELATO)

CARISSIMO PENOCCHIO…

BRESCIA ALLA PARMIGIANA / PENOCCHIO E’ AL RIGAMONTI: “SONO QUI PER ASSISTERE ALLA PARTITA”

BRESCIA ALLA PARMIGIANA / LA TELENOVELA APPRODA ANCHE SUL IL “GIORNALE”: “IL PARMA VUOLE SALVARE IL BRESCIA. TIFOSI IN RIVOLTA”

PENOCCHIO E L’ACQUISIZIONE DEL BRESCIA: A CHE GIOCO GIOCHIAMO?
TRA GLI INGREDIENTI DEL BRESCIA ALLA PARMIGIANA SPUNTA PURE ZAGLIO
QUEI CAMBIAMENTI NEL CDA DEL PARMA FC, IN ATTESA DEL VERNISSAGE DEL PIANO INDUSTRIALE QUINQUENNALE LEONARDIANO
L’ASSIST DI GHIRARDI: “SAREI FELICE SE PENOCCHIO DIVENTASSE IL PRESIDENTE DEL BRESCIA”
SCENARI / BRESCIA SUCCURSALE DEL PARMA SUL MODELLO DELL’OSPITALETTO CON IL BOLOGNA?
GHIRARDI E LA SOLITA MINACCIA DEL PASSO INDIETRO
CALZONI, EX AMMINISTRATORE DELEGATO DELLE FIERE DI PARMA, ORA PLENIPOTENZIARIO DEL BRESCIA, CI SPIEGA PERCHE’ HA SCELTO RODIO

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".