“PADOVA SOLO AMICO, MA NON SATELLITE DEL PARMA”, CI HA DETTO VALENTINI. PERO’ SECONDO DI MARZIO AMPUERO POTREBBE ESSER PRESTATO DA GHIRARDI A PENOCCHIO…

VALENTINI PADOVA GOAL (gmajo) – Nell’intervista esclusiva che Andrea Valentini – neo AD del Padova, e presidente della ghirardiana  STS – ha concesso a stadiotardini.it, (e immediatamente ripresa da Padova Goal, ha rivendicato la totale indipendenza del club patavino dal Parma: “Amici sì, ma non satelliti”. E proprio in nome di questa buona amicizia potrebbero arrivare nel club veneto, già lo scorso anno colonia preferenziale dei gialloblù, a stretto giro di posta, ben tre rinforzi. Lo ha scritto sul proprio sito il sempre molto informato Gianluca Di Marzio, uno dei dee jay più gettonati di Radio Mercato, il quale ha sempre avuto uno stretto rapporto con i vertici societari del Parma (anche se si sussurra VALENTINI STADIOTARDINI ITche ultimamente i nostri abbiano avuto una crisi di gelosia, per via di un suo feeling con il Genoa). Ebbene, secondo Di Marzio il Padova oggi “avrebbe provato a chiudere per Ampuero. Se il giocatore accetterà la destinazione, arriverà in prestito dal Parma. Insieme a Santacroce e Modesto”. Pazienza per questi ultimi due, ma su Ampuero ci sarebbe da riflettere bene: è chiaro che è irrazionale un innamoramento per un centrocampista che ha collezionato appena 5 gettoni di presenza, però rimane lo stesso uno dei giovani che più favorevolmente ha colpito la platea del Tardini dal palato non proprio facile. E quindi la decisione di privarsene potrebbe non essere accolta favorevolmente. Soprattutto considerando che nella mediana, il reparto che ha comportato maggiori problemi durante il periodo di flessione della passata stagione, non sono arrivati (ancora) dei rinforzi, a parte il rientro per fine prestito di Chibsah. Ma anche dalla sponda patavina del terzetto in arrivo dal Parma quello che arrapa di più sembra esser proprio il giovane peruviano, di cui Padova Goal ha immediatamente pubblicato una scheda di presentazione per i propri affamati (di notizie) lettori. Eccola:

padova goal ampuero

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo ““PADOVA SOLO AMICO, MA NON SATELLITE DEL PARMA”, CI HA DETTO VALENTINI. PERO’ SECONDO DI MARZIO AMPUERO POTREBBE ESSER PRESTATO DA GHIRARDI A PENOCCHIO…

  • 11 Luglio 2013 in 18:39
    Permalink

    Superara quota 5000 abbonati. Effetto Cassano. Ancora una volta il buon Boni sembra il piu’ lungimirante

    • 11 Luglio 2013 in 20:01
      Permalink

      Beh, Frank, gli aggettivi ed avverbi buon e lungimirante non mi paiono azzeccati – a prescindere – per il Saltimbanco Boni. Comunque, ad onor del vero, “BoccaDiRosa” aveva vaticinato un crollo verticale degli abbonamenti, salvo poi cambiar registro dopo l’arrivo di Cassano.

      Poi che ci sia stato o meno l’effetto Cassano sulla campagna le anticipo che sarò l’oggetto del mio prossimo articolo…

      Cordialmente

      gmajo

  • 11 Luglio 2013 in 20:46
    Permalink

    se questo e’ l’effetto cassano non basta neanche a pagargli meta’ dell’ingaggio,non ci resta che piangere quello e’ aggratis

  • 11 Luglio 2013 in 22:43
    Permalink

    Io ai 10000 abbonati non credo visti i tempi molto grami ma 8000 e forse forse 9000 sarebbe un successone. Ricordiamo i che i soldi prima servono per Imu,IRPEF,mutui,bollette e balzelli vari, pane,pasta,latte e spese per i ragazzi(per chi c’è liha). Cosa resta poi.
    Diceva Marziale:”Sacculum meum aerenarum plenum est”(il mio borsellino e’ pieno di ragnatele).
    Accontentiamoci dai

  • 11 Luglio 2013 in 23:38
    Permalink

    Sì forse c’è stato l’effetto Cassano, perchè altrimenti ora a pochi giorni dalla chiusura della prelazione saremmo a 3.000/3.500. così è una buona media che dovrebbe farci arrivare sui 9000 di un anno fa e io sarei contento perchè credevo ci fosse un altro calo che ci portasse a 7000.

I commenti sono chiusi.