CALCIO & CALCIO ESTATE/ LEONARDI SPIEGA: “CHIBSAH AL SASSUOLO, TRA VANTAGGI ECONOMICI E MAGGIORE ESPERIENZA DA ACQUISIRE” – Fotogallery amatoriale dal backstage

DSC00225(Lorenzo Fava) – E’ ancora tempo di maturare. E’ questa, di fatto, la sentenza che ha espresso nei confronti di Raman Chibsah – in queste ore passato, o meglio ritornato, al Sassuolo l’AD del Parma, Pietro Leonardi, in esclusiva nell’ultima puntata di Calcio & Calcio Estate (che da lunedì 26 agosto cederà il posto alla classica edizione che ci accompagnerà fino a fine maggio), la trasmissione condotta da Michele Angella, in onda su Teleducato. Il dirigente, collegato telefonicamente, dopo aver annunciato che Sansone era stato tolto dal mercato, nonostante la ragguardevole offerta del Sassuolo, (clicca qui per vedere il video con imagel’intervento integrale dell’AD), ha rivelato che la trattativa per riportare il talento ghanese, scuola Juve, nella giovane compagine modenese è di vecchia data;: «Noi da tempo avevamo intavolato col Sassuolo un’operazione su Chibsah. Nello stesso tempo è stata fatta una richiesta e, conseguentemente, un’offerta su Sansone, secondo me valida».

DSC00230Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.it, non ha taciuto le sue perplessità sul fatto che il centrocampista africano strappato ai bianconeri sia poi stato ceduto, secondo la logica del meglio l’uovo oggi della gallina domani, al Sassuolo. Ma il Plenipotenziario gli ha ribattuto che quella di Chibsah è stata una grande operazione di mercato: «L’intero cartellino del giocatore è stato acquistato a 1 milione circa e ora ne è stata rivenduta per 2 milioni e mezzo la metà, mantenendo comunque il diritto di controriscatto tra 12 mesi. Ciò significa che metà del valore del cartellino è stata venduta a più del doppio di quello che avevamo speso poco prima per riscattarlo. Si è ritenuto opportuno – Presidente, sottoscritto e staff tecnico – per il giocatore completare il processo di maturazione, mandandolo a giocare un leonardi-e-majo-a-teleducato2altro anno in Serie A e consentendo al Parma di incassare una bella somma di denaro. Bisogna conoscere la materia: quando parlo di 2,5 parlo della metà, e il prezzo totale è di 5 milioni di euro. Non mi sembra che ci sia niente di strano che si pianifichi il lavoro tutti quanti insieme. Vogliamo iniziare con entusiasmo questa avventura del Centenario e invece sembra che si vada ad un funerale. Ho saputo che oggi è salito lo spread, sarà anche quello DSC00245colpa di Ghirardi e Leonardi… Ogni cosa è sempre colpa del Parma». Michele Angella ha poi proposto il nome di Walter Gargano, ma Leonardi, rispondendo, ha congelato, per il momento, la questione: «Noi abbiamo una rosa dove ci sono 5 centrocampisti, oltre a Mauri e Jankovic. Noi ora vogliamo iniziare il campionato e verificare. Se ci sarà la necessità di fare ancora qualcosa, lo valuteremo. Il Presidente Ghirardi non si è mai tirato indietro su queste cose, anzi, ha sempre rilanciato…».

DSC00232Il Saltimbanco Enrico Boni, secondo cui in serie B ci sarebbero 20 Sansone, e che per questo motivo non capisce la rivolta del popolo del web, ha asserito che la conferma dell’ex giocatore del Bayern Monaco è dovuta alla imminente partenza del francese Jonathan Ludovic Biabiany: «Si va dicendo da mesi che uno dei 2 gioielli di famiglia – tralasciamo il terzo, o presunto tale, che ha il nome di Paletta – se ne andrà via. Non credo che il direttore Leonardi e il presidente Ghirardi abbiano fatto un passo indietro per far contenti 10 tifosi in protesta sul web. Fidatevi, lo scrive anche TuttoSport, è arrivato un segnale da Torino per Biabiany!». In ogni caso il fantasioso opinionista riteneva sbagliato da parte del Parma l’aver ceduto alle pressioni popolari su Sansone.

DSC00244Nel frattempo un telespettatore da casa ha consigliato a Leonardi (e a Ghirardi) una dose di Valium. E anche Majo non ha capito il risentimento della dirigenza del club per la sollevazione popolare sulla questione Sansone: «Se veramente la società aveva preso in considerazione e accettato l’opportunità di cedere Sansone (e poi non ha trovato l’accordo), non capisco perché i tifosi non possano prendersela. Credo che abbiano pieno diritto di dire la loro. E se l’operazione fosse stata giustificata per un motivo di carattere economico, allora avrei potuto anche benedirla, per quanto possa contare il mio parere, di meno, invece, se si fosse trattato di una bocciatura tecnica, pur se gli avessero preferito, magari, un giocatore anche di nome tipo Quagliarella. Ma la cessione di Chibsah image ha affermato il direttore di www.stadiotardini.itper me è stata ancor più grave, perché lui ha dei margini di crescita, e quindi di valorizzazione economica, superiori a quelli di Sansone: Chibsah è stato davvero valutato non ancora pronto per un campionato di A col Parma oppure si è trattata di una vantaggiosa operazione di carattere economico?».

DSC00221Luciano Foschi, allenatore professionista ed ex collaboratore tecnico di Di Carlo al Chievo, ha sposato la linea societaria, dichiarandosi soddisfatto che tra i due a restare sia stato il giocatore che nello scorso giugno aveva fatto parte della spedizione dell’Under21 che agli Europei in Israele si era fermata solo in finale al cospetto dei pari età spagnoli: «Sansone è un ragazzo che il Parma già conosce bene; se devo cambiare tanto per cambiare, vado incontro a rischi inutili. E’ giovane, emergente, ha ampi margini di miglioramento e in rosa non c’è nessun altro atleta che abbia le sue caratteristiche».

DSC00240A proposito di Chievo, nel week end inizia il campionato di Serie A, e il Parma, domenica alle 20.45, ospiterà i veronesi di Sannino nella gara inaugurale. Il Saltimbanco Boni si è presentato negli studi di via Barilli con una rete con cinque palloni al suo intero, mostrandola alle telecamere: «Questo è il mio gadget, Angella: sono 5 palloni, il numero esatto di palloni che finirà alle spalle di Puggioni domenica. Per quello che riguarda il Parma sarà una formalità, perché dopo 30′ potremmo anche pensare di andare a raccogliere le margherite…». «Sicuramente vincerà 5-6-7 a 0 il Parma…» ha convenuto ironicamente Riccardo Verzè, collaboratore della scaligera TeleArena. Il giornalista  ha DSC00251poi tracciato un bilancio del precampionato dei Mussi: «Si respira una certa aria di curiosità e attesa. Ci sono state tante novità: l’arrivo di Sannino, che da anni era un obiettivo della dirigenza clivense, il ritorno al 4 4 2, che non si vedeva dai tempi di Del Neri, i tanti nuovi giocatori. C’è una punta di ottimismo, considerato il buon precampionato, ma la partita in Coppa Italia contro l’Empoli ha fatto registrare qualche perplessità riguardo la difesa, che sembra sguarnita. Per la storia che ha il Chievo ogni partita è come una finale di Champions. Tutti riconosciamo al Parma un’ottima ultima annata e soprattutto un eccellente mercato (basti citare Cassano). Sappiamo di DSC00243partire sfavoriti, ma il Chievo è consapevole anche dei propri mezzi»,  ha concluso Verzè. Gabriele Majo, ha quindi trovato fuori luogo parlare di “ansia da prestazione” prima della gara che segnerà il debutto in campionato, pur essendoci l’obbligo di vincere: «Semmai dopo il match, qualora dovesse esserci un intoppo, potrebbe subentrare un po’ di ansia. Anche perché la prima non la puoi sbagliare, perché alla 2° giornata vai a Udine e poi c’è la Roma, che non è una passeggiata».

DSC00188Mostradamus Boni, da Sant’Ilario, si è sbilanciato con una delle sue previsioni sul finale di campionato, pronosticando un futuro roseo (come la tshirt da lui sfoggiata nel corso della diretta) per l’équipe di Donadoni: «I quotidiani nazionali dicono che ci sono 7 sorelle: le 2 di Milano, le 2 di Roma, la Juve, il Napoli, la Fiorentina. Di queste io escludo la Juve, il Napoli, la Fiorentina e il Milan, che sono sicuramente superiori; dopo di che, delle altre 3 squadre noi esibiremo lo scalpo, così come fanno i cacciatori. Perché quest’anno il Parma arriverà sopra di loro».

DSC00242Majo ha quindi risposto a una telespettatrice che gli chiedeva un parere sulla cessione di Stefano Morrone, capitano di tante battaglie, trasferitosi al Latina, compagine fresca di promozione in Serie B: «Di Morrone penso la stessa cosa di Pavarini e Lucarelli, che a propria volta potrebbero cambiare aria. Che senso aveva rinnovare il contratto in scadenza dei senatori per poi mandarli via perché viene tutta questa voglia di tornare a giocare? Non capisco tutto il cinema fatto prima e dopo… Secondo me, anche in questo caso, ci potrebbero essere motivazioni di michele angella calcio e calcio 21 08 2013carattere economico». Anche nella sua ultima puntata (la dodicesima) Calcio & Calcio Estate ha fornito molti spunti che hanno creato il dibattito tra i tifosi crociati; l’appuntamento con la squadra di Michele Angella si rinnova a lunedì 26 agosto 2013 con la prima stagionale del talk show sportivo di Teleducato. E’ stato Enrico Boni a lanciare il messaggio promozionale, con tanto di sorpresa finale: «Cari DSC00186telespettatori, a me l’onore di annunciarvi che Calcio & Calcio – che alcuni davano per moribondo, per spacciato – non solo ripartirà regolarmente lunedì, ma quest’anno raddoppia!!! Andrà in onda al lunedì e al giovedì. Ora voglio ben sentire i nostri nemici, quelli che non ci potevano vedere, che avranno l’abbonamento gratuito in chiaro su Teleducato». «Grazie Enrico, ma ti annuncio che tu al giovedì non ci sarai…» ha celiato il conduttore Michele Angella. Lorenzo Fava


ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CALCIO & CALCIO ESTATE / IL VIDEO INTEGRALE CON LA TELEFONATA DI PIETRO LEONARDI CHE CONFERMA SANSONE AL PARMA E SPIEGA I MOTIVI DELLA CESSIONE DI CHIBSAH AL SASSUOLO

LEONARDI A CALCIO & CALCIO: “SANSONE RESTA A PARMA. DECISIONE COMUNE DI PRESIDENTE, ALLENATORE, GIOCATORE E MIA: RESPINTA L’OFFERTA DEL SASSUOLO”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO ESTATE/ LEONARDI SPIEGA: “CHIBSAH AL SASSUOLO, TRA VANTAGGI ECONOMICI E MAGGIORE ESPERIENZA DA ACQUISIRE” – Fotogallery amatoriale dal backstage

  • 22 Agosto 2013 in 09:50
    Permalink

    Il Parma calcio si piega al popolo del web? Credo sia stato il Ghiro a ripensarci, più attento al consenso popolare e a mio parere meno ‘arrogante’ del Plenipotenziario.
    Il popolo del web non esiste, semplicemente i tifosi non hanno altro mezzo che internet per esprimere le loro opinioni. E anche su internet lo spazio scarseggia: c’è solo Stadio Tardini, poi i commenti sul sito della Gazza e i social network.
    Se questa è la NOSTRA VITTORIA, è anche la sconfitta dei siti Luce e dei gruppi del tifo, che sono rimasti in assoluto silenzio senza dare alcuna rappresentaza alle istanze dei tifosi. Evidentemente quando si è troppo vicini alla società ci si allontana dai tifosi.

  • 22 Agosto 2013 in 12:43
    Permalink

    che e’ esattamente il contrario di quello detto in presentazione davanti al gatto e mezzo,ma va bene cosi’ io tifo voi lavorate

    salutami la fornero

  • 22 Agosto 2013 in 12:44
    Permalink

    Bravo Marcello! Dov’era il Coordinamento? Dov’erano i Boys? Dov’era Settore Crociato quando a Sansone gli avevano già preparato le valigie. Viva i tifosi indipendenti e senza il paraocchi societario.
    Ps Ho ascoltato l’intervento di Leonardi ieri a Teleducato, addirittura ha fatto la vittima dando la colpa ai mezzi di informazione, a internet e anche ai tifosi colpevoli a suo dire di essere troppo critici. Una roba inascoltabile, camomilla please!

    • 24 Agosto 2013 in 00:49
      Permalink

      Ha avuto il coraggio di dire a noi giornalisti di stare sereni. E chi era animato? Lui, forse…

      Sul fatto di Sansone, però, condivido il concetto (non certo la forma) espresso dal Saltimbanco: la piazza, con questa sollevazione, ha un po’ esagerato. Siamo di fronte a uno di quegli innamoramenti collettivi, che romanticamente ci possono stare. Ma la ragion di stato dice che è stato un errore (non certo tecnicamente parlando, ma dal punto di vista della virtuosa strategia economica) trattenerlo, sull’onda della emotività e per dare un contentino alla piazza. Una società forte non si lascia condizionare…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 23 Agosto 2013 in 09:06
    Permalink

    La rabbia di Leonardi, io la capisco. Poniamo che Sansone, quest’anno, venga poco utilizzato dal mister. Il suo valore, ovviamente, non sarebbe più medio-alto come quello che ha avuto durante questa estate, successiva ad una stagione in cui il ragazzo ci ha lasciato capire quali fossero le sue potenzialità. Ecco, se dovesse giocar poco nella stagione che inizierà domani, venderlo l’anno prossimo ci procurerebbe meno soldini rispetto a quelli che avremmo potuto ricevere dandolo via in questa sessione di mercato. È normale che il Sommo sia incazzato: una ricca plusvalenza in meno sul suo curriculum.

    • 23 Agosto 2013 in 09:24
      Permalink

      Specifico, Luca, che questa interpretazione della sua incazzatura è mia, nel senso che non è che me l’abbia svelata Leonardi…

      Comunque per le ragioni che tu hai perfettamente sintetizzato in questo tuo intervento, reputo, come ho già scritto ieri, un errore la conferma di Sansone, se la sua cessione era stata programmata, pianificata in ossequio alle esigenze economiche.

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI