E SE GIORNALISTI E DISABILI VENISSERO DELOCALIZZATI NEL “SETTORE BORTOLON” DEL TARDINI?

DSC00463(gmajo) – Sì, certo, il titolo è volutamente provocatorio, è inutile star qui a nascondersi dietro uno stecchino e negarlo, ma proprio non vorrei che il trasloco forzoso nel settore Bortolon di giornalisti e disabili un giorno diventasse davvero l’ultima frontiera strologata dal Parma FC e da G Sport per venire incontro ed accontentare le sempre più pressanti richieste di spazi per l’Upper Class allo stadio Ennio Tardini. Quando si tratta di costruire G Box, G Lux e compagnia cantante, risorse, progetti ed autorizzazioni non mancano mai: l’ultima novità, che abbiamo potuto constatare DSC00461direttamente ieri sera, in occasione di Parma-Olympique Marsiglia, è lo smantellamento della residua porzione della pre-esistente porzione centrale di tribuna stampa (un tempo vanto ed esempio degli stadi d’Italia) ora smontata e rimontata (anche se ancora inagibile) sull’estrema destra, in una zona di tribuna laterale assai prossima alla Curva Sud, e di conseguenza ben distante dalla Curva Nord, ma anche dalla linea equatoriale del campo (come la definiva il mitico Pino Colombi, che sta rivivendo sul web grazie al nipote). A prima vista, però, non dovrebbero esser calati né le postazioni di lavoro, né in generale la capienza: anche al Tardini, tuttavia, come è accaduto anche in altri stadi d’Italia, i giornalisti hanno perso la propria centralità. “E’ un segno dei tempi e della profonda crisi DSC00421della nostra professione”, sospirava ieri sera Sandrone Piovani, mentre cercava di prender dimestichezza con la nuova casa. E così laddove prima penne più o meno pregiate narravano le epiche imprese del Parma Anni 90 ora i possidenti potranno gozzovigliare o abbeverarsi di bollcine guardando la partita o dal vivo attraverso le vetrate o sul grande schermo al plasma (e non al plasmon…). Poi non si venga a dire che i cronisti hanno una visuale distorta delle cose… Quello che si sta materializzando è l’ultimo colpo di mano verso i pennivendoli, già da qualche tempo esiliati verso Sud. Alcuni anni fa, infatti, per trovare nuovi spazi per i vip (anche se la tribunetta ricavata senza comfort avrebbe finito per esser sempre  un po’ snobbata anche perché lontana dal cuore della mondanità) i banchi centrali vennero fatti sloggiare e appunto riposizionare al Centro Sud, cioè in quell’unico settore ribattezzato “E”, agibile ieri (come premurosamente era stato scritto da fcparma,com il giorno prima di Parma-OM: “Sempre ai media si segnale che la tribuna DSC00447stampa del Tardini è attualmente interessata da lavori di ristrutturazione ed è pertanto solo parzialmente agibile. Il settore che accoglierà giornalisti ed addetti ai lavori impegnati a seguire Parma-Olympique  sarà quello contraddistinto dalla lettera "E". Parma Fc si scusa per eventuali disagi che potranno verificarsi”. Meno male che la ristrutturazione non ce l’hanno contrabbandata, come era di moda dire ai tempi di Parma Città Cantiere, per “riqualificazione”: anche perché di riqualificato non c’è un bel niente…). Qualche anno fa raccontai la storia della “fu camera oscura”, poi trasformata in una ennesima saletta (G Gold) di ristoro del Gran Ristorante Parma, che offre tavole in bella vista sul campo, vanto del Presidente Ghirardi, che non a caso ritiene il Tardini il secondo più bel stadio d’Italia dopo lo Juventus Stadium… Bella forza: frequentando solo i lussuosi DSC00458spazi per l’Upper Class capisco anch’io che ci si possa fare una idea del genere, ma basterebbe uscire dalla campana di vetro e fare due passi in Nord, o nei distinti per capire come invece il povero Ennio sia uno dei più obsoleti. E non parlo solo della copertura della Nord, opera impegnativa, per la quale Leonardi si era prima sbilanciato (“E’ una vergona che nel 2012 piova in testa ai nostri tifosi. Il nostro prossimo obiettivo, anche a discapito di qualche risultato, sarà quello di sistemare e mettere a posto lo stadio Tardini”), salvo poi fare una precipitosa marcia indietro, trincerandosi dietro la foglia di fico della mancata entrata in vigore della Legge sugli Stadi (che peraltro non sarebbe poi così fondamentale, come dimostrato dall’Udinese, e da come aveva affermatocontinuato a ribadire Andrea Valentini, uno che se ne intende, essendo stato presidente del Credito Sportivo nell’intervista esclusiva concessa a  stadiotardini.it, allorquando è diventato AD del Padova), ma perfino di quella piccola tettoia che possa finalmente andare a proteggere i disabili dello stadio Tardini di Parma, da alcuni anni lasciati all’addiaccio.

un tetto per i disabili del tardini

DSC00422Sapete bene che è in corso una campagna di sensibilizzazione di stadiotardini.it per far sì che possa, finalmente !, esser dato ascolto all’appello lanciato dal tifoso in carrozzina Fabio Giarelli al sindaco, a Ghirardi e a Cassano: da stanotte abbiamo sacrificato, per questa causa, uno degli spazi pubblicitari più nobili di stadiotardini.it, alias il banner di sotto-testata, per tenere ben in evidenza il monito. Egli già due anni fa, con la medesima umiltà e toni urbani, si era fatto portavoce anche per gli altri tifosi diversamente abili di questa loro situazione di disagio nella nuova collocazione datagli all’Ennio (per ragioni di sicurezza vennero fatti spostare dall’alto della piccionaia opposta, appunto a sotto i distinti, dove piove di straforo: del resto, in caso di evacuazione, diventava un problema DSC00420giacché non c’erano adeguate vie di sicurezza, ma si utilizzava un montacarichi): ci furono anche solenni promesse, ma poi non vennero mai mantenute, se pochi giorni fa, in occasione del funerale del povero Marco Federici della Gazzetta di Parma, Fabio mi ha chiamato a casa sua per video-registrare un nuovo secondo appello. A proposito: Federici, amico di infanzia di Giarelli, proprio prendendo spunto dalle sue condizioni si era fatto paladino di diverse campagne, sul quotidiano locale, a favore dei disabili, ma altrettanta sensibilità non l’ha certo avuta il suo collega che l’altro giorno ha tralasciato, nella certosina trascrizione proposta, la mia domanda e la relativa risposta di Cassano su questo tema scottante. Mi conforta sapere DSC00419che Leonardi avrebbe, nelle ultime ore, chiesto lumi ai suoi collaboratori su questa incresciosa situazione. Speriamo che si possa davvero sbloccare qualcosa, anche se spero non mi dia retta nell’idea balzana di delocalizzarci tutti, disabili e giornalisti, nel settore Bortolon, ghettizzandoci… Tra l’altro quella porzione di stadio, tornata nella piena disponibilità del club, non è stata rimessa in servizio, poiché non adeguata: e dire che prima, quando era sotto sequestro, a lungo era stato invocato il dissequestro…

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / CASSANO: “FAREI VOLENTIERI QUALCOSA, MA NON E’ IL MIO CAMPO…” – Il video della prima parte della conferenza stampa

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / MAJO: “LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE NON PUO’ ESSERE SOLO NOSTRA: GRAZIE A CHI CI HA RIPRESO, MA ALL’APPELLO MANCA QUALCUNO…”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI /MARANI: “PRIMA DI TUTTO SERVE UN PROGETTO. L’OPERA SIA FINANZIATA DAGLI STESSI CALCIATORI”. L’ASSESSORE PARLA ANCHE DELLA COPERTURA DELLA NORD…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

“UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI” – L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI A “CALCIO & CALCIO ESTATE” RIPRESO DAL TG DI TELEDUCATO (video)

MAJO, AL TG DI TELEDUCATO, RILANCIA: “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”. L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI STASERA ANCHE A CALCIO & CALCIO

L’APPELLO DI FABIO GIARELLI AL SINDACO, A GHIRARDI E A CASSANO: “PER IL CENTENARIO PROTEGGETE I DISABILI DEL TARDINI DALLE INTEMPERIE”

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

DISABILI, LA TETTOIA SI FARA’ ANCHE SENZA I G LUX. E I SEGGIOLINI NON ERANO FINITI A LEVICO…

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

CALCIO & DISABILI: LA LEZIONE DI CIVILTA’ DEL SIENA. SPERIAMO CHE IL PARMA TROVI UNA SOLUZIONE PER LA PIOGGIA SULLE CARROZZINE ALMENO NELL’ANNO DEL CENTENARIO…

MARCO FEDERICI NEL RICORDO DELL’AMICO DI INFANZIA FABIO GIARELLI

IL TARDINI CHE CAMBIA / ADDIO CAMERA OSCURA, ARRIVA IL G GOLD

LEONARDI, LA PROMESSA: “AL TARDINI, PER SEMPRE, INDISCUTIBILMENTE”

NATALE GIALLOBLU’ / IL ‘CONDUCATOR’ LEONARDI STRAVINCE ALL’APPLAUSOMETRO DELLA “NOSTRA GENTE”, MA SUL SOLENNE IMPEGNO CHE AVEVA PRESO DI COPRIRE LE CURVE DEL TARDINI MI E’ PARSO INDIETREGGIARE…

COPERTURA CURVE DEL TARDINI, LA PUNTUALIZZAZIONE DI LEONARDI: “E’ UNA QUESTIONE DI BUROCRAZIA, NON DI SOLDI…”

TARDINI COPERTO O RIFATTO PER IL CENTENARIO? NON E’ UNA MISSION IMPOSSIBLE…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

11 pensieri riguardo “E SE GIORNALISTI E DISABILI VENISSERO DELOCALIZZATI NEL “SETTORE BORTOLON” DEL TARDINI?

  • 1 Agosto 2013 in 15:02
    Permalink

    non si lamentino poi della scarsa visibilità che la stampa nazionale dà al Parma… se offri merda (perdoni il francesismio), ricevi merda

  • 1 Agosto 2013 in 15:34
    Permalink

    Anche Piovani?

    • 1 Agosto 2013 in 15:41
      Permalink

      Certo. C’è la foto che lo inquadra tutto decentrato a Sud… Mica gli possono fare una scrivania personalizzata al ristorante… (o no?)

  • 1 Agosto 2013 in 16:35
    Permalink

    Pensavo che essendo Piovani amico intimo di Ghirardi avesse un trattamento privilegiato

    • 1 Agosto 2013 in 16:55
      Permalink

      No, anzi: sono proprio i giornalisti delle testate ritenute più importante, e preservate durante le rivoluzioni del recente passato per le esigenze dell’Upper Class, a venire penalizzate da questa nuova situazione. I banchetti spostati, infatti, sono proprio quelli su cui sgobbavano i Gazzettisti (di Parma e dello Sport) e quelli delle principali testate quotidiane nazionali, che erano riusciti a rimanere nei posti da sempre occupati dai giornalisti.

      Poi non so se a questo punto verranno spostati direttamente loro più Sud oppure chi stava già a Sud, dopo la precedente “ristrutturazione”, a “scendere” ulteriormente…

      Tra l’altro registravo ieri lamentele per il mancato servizio, in tribuna stampa, del wi fi: in effetti il Tardini è uno dei pochi stadi dove questo servizio ai media non viene offerto, anche se in sala stampa – lo avevo personalmente verificato il giorno della presentazione di Cassano – è stata attivata una apposita rete senza fili, fruibile anche dai pc dei giornalisti.

      Spostare i banchi di lavoro significa anche spostare cablaggio e prese elettriche, telefoniche, e per accesso internet.

      Quale consigliere in carica del Gergs, eletto nelle ultime elezioni, posso dire che l’organismo, emanazione dell’Ussi, Unione Stampa Sportiva Italiana, non era al corrente di questi lavori in corso, come mi hanno confermato alcuni dei colleghi anziani, che siedono in quel consesso da più tempo di me. Di solito la gestione delle tribune stampa è concertata con tale istituzione, ma non mi pare che le cose siano andate esattamente così in questo caso…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 1 Agosto 2013 in 17:58
    Permalink

    esposto esposto esposto: Majo against the machine

  • 2 Agosto 2013 in 10:04
    Permalink

    abbiamo uno stadio che sta su col nastro adesivo,sempre meno capiente sempre piu’ fatiscente,con un lato distinti in tubi innocenti stile anni 70,mediamente mezzo vuoto il cui accesso e’ diventato un percorso ad ostacoli per i normodotati figuriamoci per chi ha dei problemi deambulatori,ed io taccio !

    w il centenador !

  • 2 Agosto 2013 in 21:24
    Permalink

    Se lo stadio è sempre più inadeguato (il termine fatiscente è francamente esagerato) la ragione, egregio Assioma, è che è di proprietà pubblica e il settore pubblico, ormai da anni, di risorse ne ha sempre meno. Infatti i cantieri nelle città spesso rimangono aperti e le buche nelle strade aumentano, mica solo è il Tardini che soffre di vetustà. Del resto, finché i soldi dei contribuenti finiranno per pagare le banche tedesche, il Fiscal Compact e il fondo Salva stati, ahivoglia recuperare somme tagliando sugli sprechi. Ma questo è tema di politica economica e qui è fuori luogo. Non lo è però notare che se il Tardini non viene ammodernato la colpa non è certo della società, visto che nessuno investe su una proprietà altrui. Quindi, si possono certo criticare le scelte del Parma Fc riguardo i box, il bar e la tribuna stampa, ci mancherebbe, ma per la mancata copertura o per i tubi Innocenti non ha senso prendersela con Ghirardi o Leonardi. Prendetevela con i politici. E lasciate stare il Centenario: non si può chiedere a Ghirardi di sborsare decine di milioni di euro per migliorare lo stadio del Comune, perché il Parma compie cent’anni. Caro Assioma, criticare le piace, e lo capisco, ognuno ha i suoi hobby. Ma cerchi di non sbagliare l’obiettivo

    • 3 Agosto 2013 in 00:39
      Permalink

      Salve Gustavo,

      il ragionamento che Lei fa è giusto in parte, nel senso che una soluzione imprenditorialmente interessante per mantenere a un livello decoroso il teorico secondo stadio più bello d’Italia (così crede il Ghiro) anche la società Parma FC, di concerto con la municipalità, avrebbe potuto trovarla. Ma non mi pare ci sia molta volontà bilaterale per venir fuori da questo cul de sac. Né credo serva molto trincerarsi dietro la mancata entrata in vigore della legge sugli stadi. Poi che Parma, come asserito dall’assessore Marani, non abbia grandi numeri per fare grandi opere allo stadio può anche esser vero, ma il minimo indispensabile per la manutenzione (che da convenzione mi sa che tocchi al Parma) lo si poteva anche fare, senza far sì che l’Ennio non fosse così degradato. Porte dei cessi che mancano, biche dappertutto, cancelli chiusi con spranghe, muri di recinzione che cadono sono solo alcunid egli esempi sotto gli occhi di tutti, meno che della proprietà, che si bea con i lavori per l’Upper Class, senza neanche dare uno straccio di copertura ai poveri disabili da anni esposti alle intemperie. Così come esposti alle intemperie li sono i tifosi della Nord, cui Leonardi fece promesse (adegureremo il Tardini, magari a costo di risparmiare su un giocatore), salvo poi tornare sui suoi passi…
      Insomma: non credo si possano assolvere con formula piena. E così come permessi, progetti e soldi saltano fuori per riempire di G box e compagnia cantante lo stadio, sempre più per ricchi, non capisco tutte le difficoltà che emergono nel dare un semplice tetto ai poveri disabili del Tardini.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 4 Agosto 2013 in 17:41
    Permalink

    L’argomento stadio è molto delicato. Dopotutto il Parma è una società assolutamente privata e le società private di norma si pagano tutto da sole, senza particolari agevolazioni da parte dello stato/comune/provincia/regione. Anzi, di solito stato-comune-provincia-regione colpiscono le società private con ogni sorta di balzello. Se il Parma vuole il Tardini, per sviluppare la propria attività, il Comune, se ne ha facoltà, può valutare anche la sua cessione, purchè ciò sia nell’interesse pubblico. Magari è più conveniente venderlo o cederlo a delle imprese, per creare nuovi insediamenti residenziali, commerciali e verde pubblico. Ha senso che il Comune di Parma debba farsi carico dello stadio Tardini, quando questo è utilizzato esclusivamente da un’unica attività privata? Non credo.
    E’ nell’interesse pubblico che il Comune di Parma ceda al Parma, a prezzo agevolato, per un certo numero di anni, i diritti di superficie su tale area affinche questo ci faccia ciò che preferisce? Non credo.
    Se il Parma calcio vuole il suo stadio, com’è giusto, per sviluppare tutta una serie di attività terze che possano produrre entrate diverse, deve comprarsi l’area e costruirselo, pagando quello che pagano tutti. Un progetto del genere potrebbe attrarre anche altri imprenditori. Certo, in questo momento, con il settore edile che sta collassando, è quasi inconcepibile. Ma se è inconcepibile allora non parliamone. Oppure diventa concepibile solo se il Comune di Parma aliena un suo bene senza guadagnarci? Ma la Corte dei Conti non avrebbe nulla da dire al riguardo? Se il Parma si è fatto il centro direzionale a Collecchio, può farsi anche questo. Il Comune non ha neppure i soldi per chiudere le buche-voragini (e non parlo di asfaltare le strade!), figuriamoci se può permettersi di regalare soldi al calcio professionistico. Si dissanguano le ditte con IMU e tasse sui rifiuti per dare agevolazioni ad una squadra di calcio privata? Va bene essere tifosi, anche ultrà, ma quando si parla di soldi ognuno deve pagare di tasca propria.
    La festa del centenario a Ravadese, la festa dei Boys a Beneceto, la sede del Parma a Collecchio, lo stadio? Mo che lo facciano dove ne hanno voglia (mica c’è bisogno che sia in via Cavour), con tutte le attività che ne hanno voglia. Sarà nel loro interesse far si che sia comodo e facilmente raggiungibile da noi tifosi. Non c’è bisogno di leggi speciali, basta cacciare la pila se no accontentarsi, che già così va di lusso!!!!!

  • 4 Agosto 2013 in 17:56
    Permalink

    PS: L’accontentarsi è riferito al Parma calcio, non certo ai disabili, ai giornalisti e a noi tifosi (che il biglietto/abbonamento lo paghiamo a prezzo pieno).

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI