giovedì, Giugno 13, 2024
EconomistIn EvidenzaNews

IL COMMERCIALISTA MAROTTA E LE STRANE PLUSVALENZE NEL CALCIO: “PRASSI DIFFUSA, MA SENZA DOLO SPECIFICO NON C’E’ FALSO IN BILANCIO”

majo(gmajo) – La settimana scorsa, nello spazio commenti di stadiotardini.it, erano arrivati alcuni scritti di lettori che, leggendo attentamente il bilancio del Parma FC, si stupivano per le valutazioni piuttosto elevate di calciatori oggetto di scambio con altri club. Come sempre, al fine di offrire loro una risposta coi crismi della competenza, ci siamo rivolti all’esperto Luca Marotta, dottore commercialista, specializzato nell’analisi delle scritture contabili di società di calcio, per avere un nuovo autorevole e neutrale parere sulla delicata materia, a puro scopo divulgativo, a beneficio di quegli sportivi consapevoli e desiderosi di saperne di più. Anche stavolta partiamo da una interpellanza di Daniele Ambroggi, che il 21 agosto scorso già ottenne una risposta dallo stimato professionista, al quale ora, di nuovo, si rivolge per scendere un po’ più nei dettagli ed approfondire alcune operazioni intessute dal Parma con il Siena, di cui si fa riferimento nella nota al bilancio chiusa il 30.06.2012:

image“Ringrazio il dott. Marotta per le risposte ma non volevo un riepilogo delle norme  che regolano la contabilizzazione dei diritti pluriennali. Nel concreto, prendendo come spunto la nota al bilancio chiuso al 30/06/12 e portando ad esempio le operazioni di acquisto e cessioni calciatori avvenute tra Parma e Siena, leggo che il Parma avrebbe acquistato:
Rossi Andrea con una valutazione del diritto pari ad Euro 3.600.000
Iacobucci Alessandro con una valutazione pari ad Euro 3.400.000
Pacini Giuseppe con una valutazione pari ad Euro 1.000.000

ed avrebbe ceduto al Siena
– Coppola Manuel
per un valore del diritto pari ad Euro 3.200.000 (plusvalenza 1.311.000 euro)
– Abdou Doumbia per un valore del diritto pari ad Euro 1.000.000 (plusvalenza 969.000 euro)
– Galuppo Alberto per un valore del diritto pari ad Euro 3.400.000 (plusvalenza 2.400.000 euro)

Ora, non credo sia un caso che il valore assoluto totale dei diritti acquistati e ceduti tra Parma e Siena siano simili (circa 8 ML di euro), immagino che la logica sia “scambiamoci giocatori con diritti simili ma con valori netti contabili residui bassi in modo che facciamo entrambi plusvalenze, tanto soldi non ne escono perché il tutto viene compensato”, ma con tutto il rispetto come è possibile che siano così alti i valori attribuiti a questi giocatori?? Galuppo varrebbe solo 1.2 milioni di euro in meno di Borini???
Cordiali saluti
Daniele Ambroggi

Ecco la risposta di Luca Marotta:

marotta_luca(Luca Marotta) – Ufficialmente, bisogna parlare di valori reali derivanti da scambi effettuati in base ad un prezzo frutto dell’incontro tra domanda e offerta. Indubbiamente, cercare di capire il perché domanda e offerta si siano incrociate in modo così perfettamente sinallagmatico, può portare anche alla conclusione esposta dal lettore. Il fenomeno non è nuovo e riguarda anche club più importanti. Si pensi allo scambio di ragazzini della Primavera di Inter e Milan. Riporto un passo di un imagearticolo di Marco Liguori del 25.06.2007 apparso su quotidiano.net  dal titolo <<Milan e Inter rivali nel derby ma alleate nelle plusvalenze>>, in cui si leggeva: <<Infatti, stando al bilancio 2002/2003 del Milan, la società di via Turati scambiò con quella presieduta da Massimo Moratti due quartetti di giocatori.Il Milan cedette all’Inter Simone Brunelli, Matteo Definite, Matteo Giordano e Ronny Toma. In cambio, la società nerazzurra cedette a quella rossonera Salvatore Ferraro, Alessandro Livi, Giuseppe Ticli e Marco Varaldi. Il prezzo complessivo pattuito fu di 13,95 milioni. Il Milan incassò una plusvalenza di 11,961 milioni, mentre l’Inter ottenne un maggior introito di 13,941 milioni. Particolare curioso: Livi fu ceduto a 3,45 milioni contro i 3,5 per ciascun altro calciatore. Visti i prezzi gettati a caso, perché sono state tolte proprio a lui 50mila euro di valutazione? E’ un mistero rossonerazzurro>>. Se non ricordo male, sulla questione ci furono delle indagini, sia giudiziarie che sportive, che non portarono ad alcuna conclusione.

imageNel bilancio del Genoa 2011 emerge un intenso rapporto col Milan. A tal proposito scrissi: <<Le plusvalenze realizzate col Milan ammontano a 32,7 milioni (più di quelle realizzate dal Porto nel 2010/11) e riguardano: Oduamadi per 1,6 milioni, ceduto per 7 milioni; Strasser per 1,1 milioni, ceduto per 4,5 milioni; Zigoni per 1,8 milioni, ceduto per 7,5 milioni; Amelia per € 946.807, ceduto per 3,5 milioni; Paloschi per 2,3 milioni, ceduto per 10 milioni; El Shaarawy per € 19.776.640; ceduto per 20 milioni; Chinellato per 3,5 milioni, ceduto per lo stesso importo; Tuncara Pelé per 1,7 milioni, ceduto per 1,9 milioni. L’importo totale delle cessioni al Milan è stato di € 57.900.000.>>

Si pensi che il Porto è uno dei maggiori “plusvalenzifici” d’Europa e il solo scambio di calciatori Genoa-Milan ha generato plusvalenze superiori.

Se si risalisse ancora nel tempo, si dovrebbe approfondire lo studio della Lazio di Cragnotti, che pare abbia diffuso in Italia il meccanismo delle plusvalenze. All’epoca c’era un intenso rapporto tra Lazio e Parma e, se non ricordo male, le cifre erano nettamente superiori all’interscambio attuale Siena-Parma.

Non bisogna dimenticare, infine, che ad un certo punto intervenne anche la Legge dello “spalma – ammortamenti”.

GABRIELE MAJO Foto Franco Saccò Archimmagine -007(gmajo) – Come dire: già ai tempi di Calisto, da queste parti, ci si marciava, non stiamo troppo a formalizzarci sulle attuali operazioni quantitativamente inferiori rispetto a quelle di allora. A me torna da sorridere ripensando a quella volta, davanti al Teatro Regio, in cui ebbi l’ardire di dire al deposto Re del Latte, a proposito dei miliardi dell’operazione Crespo: “tanto sono tutti soldi virtuali”, al che lui replicò, scuro in volto: “Eh? Virtuali? Cosa intende dire?”. Solo anni dopo avremmo saputo dei soldi virtuali coniati da fotocopiatori e scanner della  Zecca di Collecchio. Ma torniamo alla corrispondenza con i nostri lettori: il commento di Daniele Ambroggi di cui sopra, infatti, aveva dato la stura ad altri utenti di stadiotardini.it per intervenire sull’argomento:

Ad esempio il 22/08/2013 alle 15:15, Ermete Bottazzi chiosava:

image“Ma poi non scherziamo: il valore di Galuppo sarebbe di 3.400.000 euro? Andrea Rossi 3.600.000? E su quale pianeta? Se per la legge questi sono valori reali m’inchino, ma se la azienda in cui lavoro facesse valutazioni così spropositate su costo dei macchinari e ammortamento probabilmente sarebbe sotto processo…”

LUCA MAROTTAIl commercialista Luca Marotta, nel rispondergli, riporta un interessante articolo della Gazzetta dello Sport:

(Luca Marotta) – Come già accennato nella precedente risposta, l’autorità giudiziaria ha tentato di occuparsi della faccenda del  falso in bilancio  generato da plusvalenze fittizie, ma con un nulla di fatto. Come riportato nell’articolo seguente, perché si abbia reato di falso in bilancio occorre il “dolo specifico”.

 

imageFALSO IN BILANCIO: PROSCIOLTI INTER E MILAN (da Gazzetta dello Sport del 31.01.2008)

Niente processo penale per le plusvalenze relative al biennio 2003/2004: secondo il gup di Milano “il fatto non costituisce più reato”. Cadono le accuse anche per Galliani, vicepresidente e a.d. rossonero, Ghelfi, vicepresidente nerazzurro, e Gambaro, ex dirigente del club di via Durini

MILANO, 31 gennaio 2008 – Il Giudice dell’udienza preliminare di Milano, Paola Di Lorenzo, ha prosciolto Adriano Galliani, vicepresidente vicario e amministratore delegato del Milan, Rinaldo Ghelfi, vicepresidente dell’Inter, e Mauro Gambaro, ex dirigente nerazzurro, accusati dalla Procura di Milano di falso in bilancio. Il giudice ha anche prosciolto le due società, accusate in base alla legge sulla responsabilità amministrativa.

L’inchiesta, condotta dal pm Carlo Nocerino, riguardava i presunti falsi in bilancio relativi agli anni 2003-2004 e l’accusa era quella di aver violato in quel biennio, con le cosiddette plusvalenze, la legge 231 sui bilanci. Il pm Carlo Nocerino aveva chiesto per questo il rinvio a giudizio per i dirigenti e i due club, stralciando invece, fin dalle prime battute, la posizione del presidente dell’Inter, Massimo Moratti.

La formula con cui questa mattina Galliani, Ghelfi e Gambaro sono stati prosciolti è  “perché il fatto non costituisce reato”  e non, come si era saputo in un primo momento, perché il fatto non sussiste. Questo in base alla nuova legge sul falso in bilancio, che prevede il dolo specifico, dolo che in questo caso non è stato riscontrato. Infatti nel suo provvedimento il gup “dichiara non luogo a procedere nei confronti degli imputati, in relazione a tutte le imputazioni a loro ascritte, perché il fatto non costituisce reato“. Inoltre il giudice ha dichiarato il “non luogo a procedere” nei confronti delle società rossonera e nerazzurra, imputate in base alle legge 231, “in relazione alle imputazioni concernenti il  bilancio al 30/6/2003  perché l’azione penale non poteva essere esercitata per essere il reato presupposto anteriormente prescritto“. Il “non luogo a procedere” per Milan e Inter riguarda anche le “imputazioni concernenti i bilanci al 31/1/2003 e al 31/12/2004 perché il fatto non costituisce reato”. (da Gazzetta dello Sport)

(gmajo) – Ma ad Ermete Bottazzi, prima ancora di Marotta, rispose proprio Daniele Ambroggi, con queste parole:

“Caro Ermete,
imageconsidera poi che Galuppo è stato preso dal Cesena e valutato 2.000.000 di Euro e nello stesso esercizio sociale venduto al Siena e valutato per 3.400.000 di Euro. In pochi mesi si è valorizzato per 1.400.000 di Euro. Mah..”

E Ambroggi non fu l’unico: il 22/08/2013 alle 19:25  l’utente firmatosi Lapo Valla ha così allargato il giro si orizzonte, prendendo spunto dalla stretta attualità del pianeta Parma e i suoi satelliti Gubbio e Nova Gorica:

image“Forse solo cosi si spiegano i quasi 100 acquisti del Parma in questa sessione di mercato (e non solo di giovani di belle speranze)”.

Considerazioni che il razionale, equilibrato e attento dottor Marotta, che preferisce i freddi numeri alle calde chiacchiere, liquida così:

slide-marotta-1024x626(Luca Marotta) – Le ultime mail dei lettori riguardano considerazioni personali, che lascerei così come sono. Anche perché sfociano nell’argomento calciomercato, che appassiona molto i tifosi. Dal punto di vista del bilancio il disallineamento tra valori di scambio risultanti dalle scritture contabili e considerazioni soggettive o valutazioni di calciatori similari è molto frequente e come già accennato non è un’esclusività del Parma, ma è una prassi del Sistema Calcio italiano.

Da un punto di vista formale e ufficiale il valore di scambio risultante in bilancio è un valore reale, fino a prova contraria. Per lo più, i valori su cui si può discutere sono frutto di permute, che dal punto di vista finanziario sono operazioni neutre. Si è già accennato alla vicenda Inter-Milan, della necessità del dolo specifico perché possa configurarsi l’ipotesi del reato di falso in bilancio.

Nell’ottimo sito transfermarkt è riportato l’elenco degli acquisti e delle cessioni per stagione sportiva: sembra che negli acquisti per il 2013/14 prevalgano gli under 21. Transfermarkt stima attualmente il valore della rosa del Parma in Euro 67.100.000. Si clicchi su questo link per il dettaglio.

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL COMMERCIALISTA MAROTTA: “LA CESSIONE DI BELFODIL ALL’INTER, CHE SEGUE QUELLA DI GIOVINCO ALLA JUVE, DIMOSTRA CHE LEONARDI SA IL FATTO SUO. CASSANO? UN RISCHIO CALCOLATO”

NUOVO TERREMOTO NEL CALCIO / IL COMMERCIALISTA MAROTTA A STADIOTARDINI.IT: “LA PROCURA HA L’AMBIZIONE DI INDAGARE TUTTO LO SCIBILE SUI TRASFERIMENTI DI CALCIATORI”

DENTRO IL BILANCIO / IL COMMERCIALISTA MAROTTA RISPONDE A LEONARDI: “NELL’INTERVISTA A STADIOTARDINI.IT AVEVO RIMARCATO IL RISULTATO POSITIVO DEL PARMA PRIMA DELLE IMPOSTE”

TUTTA LA CONFERENZA DI PIETRO LEONARDI, MINUTO PER MINUTO

DENTRO IL BILANCIO / PARMA FC, I NUMERI DI UNA SQUADRA CHE PUO’ RAPPRESENTARE IL PARADIGMA DELLA ‘MEDIA’ SERIE A

DENTRO IL BILANCIO / MAROTTA: “SENZA LE PLUSVALENZE E’ INSOSTENIBILE IL COSTO DEL PERSONALE DEL PARMA A FRONTE DEL FATTURATO”

DENTRO IL BILANCIO / LA GAZZETTA DELLO SPORT: “GLI STIPENDI SONO IL 90% DEL FATTURATO DEL PARMA”

DENTRO IL BILANCIO / ANCHE NEI DIRITTI DI IMMAGINE IL PARMA NON SPENDE MENO DEL CATANIA. IL COMMERCIALISTA MAROTTA RISPONDE AI DUBBI DI SCHIANCHI A CALCIO & CALCIO

DENTRO IL BILANCIO / OGNUNO DEI 56 PUNTI DEL PARMA 2011-12 E’ COSTATO 767.951,8 EURO

DENTRO IL BILANCIO / IL PERSONALE DEL PARMA COSTA BEN DI PIU’ DI QUELLO DEL CATANIA…

UDINESE, GENOA E PARMA SONO LE SQUADRE ITALIANE SPECIALIZZATE NEL “PLAYER TRADING”

IL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA ANALIZZA PER STADIOTARDINI.IT IL BILANCIO DEL PARMA: “DEL DOMAN NON V’E’ CERTEZZA”. LE TENSIONI DI LIQUIDITA’ DIPENDONO DAL DISALLINEAMENTO TRA RICAVI ED ENTRATE

VULPIS: “BILANCI IN UTILE, MA CON I RICAVI DA STADIO, NON CON LE PLUSVALENZE…”

IL BILANCIO DEL PARMA VISTO DA SCHIROLI: “L’OPERAZIONE GIOVINCO E’ DA MANUALE, ANCHE SE LA PLUSVALENZA NON HA PORTATO DENARO FRESCO PER EVITARE LE TENSIONI DI LIQUIDITA’”

NONOSTANTE LA PLUSVALENZA RECORD PER GIOVINCO L’ULTIMO BILANCIO DEL PARMA E’ IN PERDITA E PERSISTONO LE TENSIONI DI LIQUIDITA’. MA ALMENO FINO A FINE 2013 E’ GARANTITA LA CONTINUITA’ AZIENDALE

LA ROSEA CERTIFICA L’UTILE DI BILANCIO DEL PARMA

GHIRARDI E I CONTI DEL PARMA SECONDO LA ROSEA

IL FALSO STORICO DI GHIRARDI SUL DISASTROSO BILANCIO EREDITATO – ECCO LE CARTE CHE DOCUMENTANO COME I DEBITI VERSO LE BANCHE FOSSERO 0 (ZERO) E I LIQUIDI DISPONIBILI OLTRE 11 MILIONI…

LA GAZZETTA E QUELLA IMPRECISA PRECISAZIONE SUI CONTI DEL PARMA

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (2), IL FALSO STORICO: “LA PRECEDENTE GESTIONE MI HA LASCIATO UN’EREDITA’ PESANTE: IL BILANCIO ERA CATASTROFICO”

GHIRARDI A SCIENZE MOTORIE (1): “E’ UNA FOLLIA CHE IL SISTEMA BANCARIO NON CONSIDERI LE PLUSVALENZE COME RICAVI”

NON E’ DETTO CHE LE PLUSVALENZE SIANO UN INDICATORE DI BONTA’ DI GESTIONE…

LA DILAGANTE MODA DELLE PLUSVALENZE: “I CLUB NON POSSONO ESSERE TRASFORMATI IN CENTRALI DI ACQUISTO. I PRESIDENTI DOVREBBERO PENSARE A MIGLIORARE LO SPETTACOLO SPORTIVO”

GHIRARDI: “A PARMA NON SI RACCOLGONO 3 MILIONI DI SPONSORIZZAZIONI”

GHIRARDI INSISTE: “A PARMA GLI SPONSOR LATITANO”

SETTORE CROCIATO, UNA MACCHINA DEL FANGO AL SERVIZIO DI CHI?

IL PARMA SCEGLIERA’ DS E ALLENATORE DEL GUBBIO, CHE DIVENTERA’ LA “CANTERA” GIALLOBLU’

SATELLITE GUBBIO: NEL TG DI TELEDUCATO ANGELLA FA I NOMI DEI POSSIBILI DS E ALLENATORE SCELTI DAL PARMA (guarda il video)

SATELLITE GUBBIO / GLI UMBRI HANNO FRETTA, MA IL PARMA NICCHIA…

SATELLITE GUBBIO / LA GAZZETTA DELLO SPORT ANNUNCIA: RAGGIUNTA L’INTESA PER UN RAPPORTO BIENNALE COL PARMA. MA IL GIORNALE DELL’UMBRIA FRENA: “I TEMPI SI ALLUNGANO”

CALCIO & CALCIO / LEONARDI, RISPONDE A MAJO SUL GUBBIO

LEONARDI SPIEGA A STADIOTARDINI.IT I PROGETTI GUBBIO E NOVA GORICA: “SE TUTTO ANDRA’ IN PORTO GLI SLOVENI SI ALLENERANNO A COLLECCHIO DAL 15 GIUGNO AGLI ORDINI DI APOLLONI” – video

PARMA E GUBBIO: L’AMORE APPENA NATO E’ GIA’ FINITO? AGLI UMBRI NON E’ PIACIUTO CHE IL GIA’ PROMESSO LUCARELLI ANDASSE AL PERUGIA, E NON SONO CONTENTI DEL ‘RIMEDIO’ DI CHIARA…

IL PIANETA PARMA E I SUOI SATELLITI / CRISTIAN BUCCHI, NUOVO ALLENATORE DEL GUBBIO, HA FIRMATO IERI SERA A COLLECCHIO

CELEBRATO IL FIDANZAMENTO GUBBIO/PARMA. LEONARDI: “VORREMMO ARRIVARE A SPOSARCI E A MANTENERE l’UNIONE”. SU CHIBSAH: “IL SASSUOLO INSISTE, MA NOI NON MOLLIAMO…”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

2 pensieri riguardo “IL COMMERCIALISTA MAROTTA E LE STRANE PLUSVALENZE NEL CALCIO: “PRASSI DIFFUSA, MA SENZA DOLO SPECIFICO NON C’E’ FALSO IN BILANCIO”

I commenti sono chiusi.