PER BLINDARE IL BABY FENOMENO CERRI E’ MEGLIO LA CLAUSOLA RESCISSORIA O UN CONTRATTO LUNGO? SEMPRE AMMESSO CHE NON SIA STATO GIA’ PROMESSO ALL’INTER…

cerri resta slide“Buona sera Dott. Majo,
in questi giorni di calciomercato , in tema di valutazioni plurimilionarie dei vari Gareth Bale, Lionel Messi, Cristiano Ronaldo se ne sentono di tutti i colori e si sta giocando un po’ a chi la spara più grossa perdendo la misura della realtà. Per tutelare ed esaltare il patrimonio giovanile in primis Alberto Cerri perché il Parma Calcio non si muove in anticipo blindando il promettente ragazzo con una clausola rescissoria per gli anni a venire?
Cosa ne pensa?
Cordiali Saluti,
Cantù Christian
Ambivere (Bg)”

gmajo(gmajo) – Per rispondere alla e-mail di Christian Cantù – che se non ricordo male una volta incrociai a Siena, in occasione di una trasferta crociata – non essendo io, come noto, molto ferrato su questioni di calciomercato,  ho chiesto una consulenza specialistica al collega Michele Angella, redattore di Teleducato, nonché conduttore di Calcio & Calcio (mercoledì sera 14 agosto alle 21 sarà regolarmente in onda con una puntata preregistrata dedicata al Centenario Crociato, mentre la settimana successiva, mercoledì 21, tornerà live con gli ultimi botti di mercato alla vigilia del Campionato e dopo il primo impegno ufficiale col Lecce di Coppa Italia), il quale, al contrario di me, di questioni mercantili  ne sa decisamente di più e, particolare non trascurabile, è un grande esperto di calcio internazionale. E all’estero la clausola rescissoria è più utilizzata che in Italia. Leggiamo insieme, con attenzione il suo intervento…

slide angella calcio e calcio estate(Michele Angella) – Lungi dal definirmi esperto in contratti sportivi o in mercato nazionale o internazionale (ce ne sono già talmente in giro, soprattutto sul web…), accolgo l’invito del direttore Gabriele Majo e intervengo a proposito della interessante proposta lanciata da un tifoso e utente di stadiotardini.it, Christian Cantù, in merito a una possibile clausola rescissoria con cui blindare il baby fenomeno Alberto Cerri.

Intanto chiariamo subito che nello specifico per clausola – definitiva impropriamente – “rescissoria” si intende la possibilità di risoluzione di un contratto dietro il pagamento di una somma di danaro.

Tuttavia, nel codice civile tale clausola viene denominata in realtà “clausola penale”, ossia ai sensi degli art.1382 -1384 del Codice Civile, il pagamento di una somma a titolo di risarcimento del danno per il mancato adempimento definitivo (consistente nel fatto che il calciatore non porterà a termine l’incarico di giocare per il tempo originariamente previsto all’interno del contratto); al contrario per recesso, si intende, legalmente parlando, di tutt’altre ipotesi di scioglimento del contratto.

L’inserimento di clausole di questo tipo (obbligatorie in Spagna) in Italia è consentito, ma non è comune. Il Napoli è stato protagonista in tal senso, di una vera e propria rivoluzione: i casi eclatanti sono quelli, ad esempio, di Lavezzi e Cavani, le cui cessioni ai paperoni del Psg hanno arricchito il club di De Laurentiis. Pantaleo Corvino, prima di rompere il proprio rapporto con la Fiorentina, aveva annunciato che avrebbe apposto una clausola di questo tipo in ogni nuovo contratto della società viola. Mentre il Novara in serie B, di recente, ha blindato con una clausola da 5 milioni di euro il proprio tecnico Alfredo Aglietti.

Nel 2010 l’avvocato Beppe Bozzo, manager tra gli altri del nostro Antonio Cassano, intervistato dal sito calciomercato.it, si era così espresso: “Secondo me, va assolutamente introdotta una clausola rescissoria per il giocatore. Una postilla importante soprattutto per i calciatori giovani che possono esplodere da un momento all’altro. Loro, infatti, che all’inizio guadagnano cifre basse restano spesso bloccati da accordi lunghi che non vengono ritoccati, mentre il loro cartellino lievita e viene valutato cifre altissime dai presidenti di turno. Il contratto va quindi adeguato in corso e il giocatore non deve essere troppo vincolato".

All’estero è comunissimo che baby prodigi o presunti tali siano vincolati da clausole rescissorie: nell’estate del 2012 la Roma prelevò il 17enne trequartista del Nacional Montevideo (ora all’Udinese) pagando la clausola da 1 milione di dollari, mentre il 17enne Victor Andrade del Santos ne ha una addirittura da 50 milioni di euro.

Contrattualizzare Cerri con un accordo di questo tipo garantirebbe al Parma un incasso importante, anche se il messaggio che ne deriverebbe sarebbe uno solo: il nostro fenomeno è in cerri all inter gazzetta dello sportvendita, chi è disposto a pagare 5, 10, 30 milioni può portarci i soldi e venirselo a prendere. Meglio allora vincolarlo ad un contratto lungo e poi eventualmente trattare sul prezzo? E se poi Cerri si rivela solo un buon giocatore e non un campione, chi lo vende più a quelle cifre? Il dibattito è aperto, a meno che non abbia ragione il giornalista della Gazzetta dello Sport  Matteo Dalla Vite  che qualche settimana fa ipotizzò, proprio dalle colonne del quotidiano in rosa, che il giovane crociato fosse già stato promesso all’Inter nell’ambito dell’affare Belfodl-Cassano (voce,peraltro, seccamente smentita dal Parma). Michele Angella

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

ALLARME ROSA: PER LA GDS CERRI E’ DELL’INTER !

ALLARME ROSA PER CERRI / LEONARDI, ATTRAVERSO IL SITO UFFICIALE, SMENTISCE LA PARTENZA DEL GIGANTE BUONO

DUE PAROLE SU CASSANO, CERRI E PIA PRIMA DEL GRANDE HAPPENING AL TARDINI – editoriale di Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.it

IL COLUMNIST / OLTRE ALL’ARRIVO DI CASSANO, LA NON PARTENZA DI CERRI: GRAZIE ALLA ROSEA I TIFOSI CROCIATI, ORA, HANNO DUE MOTIVI PER ESSER ORGOGLIOSI…

IL COLUMNIST / L’UNDER 21 RIPARTA DA CERRI…

FANTAPAZZ.COM SCOMMETTE SUL MODELLO CERRI: “IL SUO ATTUALE VALORE DI 400.000 EURO SI MOLTIPLICHERA’ MOLTO VELOCEMENTE”

LEONARDI A STADIOTARDINI.IT: “LA JUVENTUS NON HA OPZIONATO CERRI”

LE CENTENARIE, UN METODO DEMOCRATICO PER INDIVIDUARE L’UOMO COPERTINA DELLA STAGIONE DEL SECOLO

QUELLI DI SKY SPINGONO CERRI AL MILAN, MA IL BABY BOMBER E’ CROCIATO NEL CUORE: “TIFO PARMA, NON HO TEMPO PER SEGUIRE UN’ALTRA SQUADRA”

ORA CHE CERRI E’ ARRIVATO IN PRIMA SQUADRA, COME ANDRA’ GESTITO? DONADONI CI PENSERA’ PIU’ AVANTI – Il video della prima parte della conferenza stampa odierna

AL TARDINI L’ESORDIO DI ALBERTO CERRI, IL PIU’ GIOVANE MINORENNE CROCIATO IN SERIE A – Foto e video amatoriale dalla Curva Nord a cura di Luca Russo

DONADONI PORTA CERRI NELLA CAPITALE: “MOTIVO DI ORGOGLIO PER LA GENTE DI PARMA”. MA IL LARGO AI GIOVANI NON E’ GENERALIZZATO: “VOGLIAMO ONORARE IL CAMPIONATO”– Video 1^ parte conferenza

L’OPINIONE DI MAJO DOPO MILAN-PARMA 2-1 / CROCIATI SCONFITTI PERCHE’ MANCAVA CERRI…

LE PREMIAZIONI DI ATLETA DEL MESE (CON AMAURI E CERRI) E ATLETA DELL’ANNO (KIARA FONTANESI) – Fotogallery di Franco Saccò (archimmagine)

ALBERTO CERRI, STELLA DEGLI ALLIEVI NAZIONALI, SI PRESENTA A STADIOTARDINI.IT: “LUCARELLI MI DICE CHE DEVO ESSERE PIU’ DETERMINATO…”– Videointervista

AMAURI E CERRI TRA I PREMIATI DELL’ATLETA DEL MESE DEI VETERANI DELLO SPORT – KIARA FONTANESI, CAMPIONE DEL MONDO DI MOTOCROSS, E’ L’ATLETA DELL’ANNO – I video della cerimonia

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.