RADIO BRUNO, NELLA STAGIONE DEL CENTENARIO CROCIATO, TOGLIE IL MICROFONO A CARLO CHIESA, LA VOCE DEL “GOL DEFINITIVO” DI CRESPO DEL 9 GENNAIO 2000

SAM_4995(gmajo) – Il 18 agosto del 2011, in anteprima assoluta, l’allora  stadiotardini.com informò la comunità crociata dell’imminente avvicendamento, ai microfoni di Radio Bruno, la catena che trasmette le radiocronache delle partite del Parma, tra il Saltimbanco Enrico Boni e Carlo Chiesa, volto di Tv Parma, noto per essersi  sgolato  al gol di Crespo alla Juve del 9 gennaio 2000: fu lui ad urlare otto volte otto, senza timore di perdere la voce, la parola rete, allorché il Valdanito, con i gialloblù ridotti in nove, riuscì a pareggiare in pieno recupero, All’epoca fece discutere il enrico boni cappelletti o anolini prestito da parte del gruppo editoriale  Gazzetta di Parma di uno dei propri collaboratori di punta alla concorrenza, ma poi tutti vissero felici e contenti. Due anni dopo, con un paio di giorni di ritardo rispetto allora che ci siamo presi per le ultime verifiche, stadiotardini.it può svelare  che, altrettanto clamorosamente, l’emittente di Carpi, dopo aver riacquistato i diritti radiofonici esclusivi in ambito locale dal club, ha provveduto a “licenziare” The voice, che così nella stagione del Centenario Crociato rimarrà solo il conduttore di Pronto chi Parma?  imagesul piccolo schermo. Ufficialmente per motivi di spending review (il racconto delle gesta crociate sarà direttamente a cura dell’ufficio stampa del club, quindi presumiamo che il radiocronista designato possa essere Luca Bertelli, bresciano, che già avevamo presentato ai nostri lettori il 20 agosto scorso quale telecronista di Parma Channel: sue tutte le telecronache integrali e le sintesi delle amichevoli estive diffuse sul canale ufficiale del Parma FC su youtube, anche se a specifica domanda di stadiotardini.it, sabato sera questi si è trincerato dietro un “Non so, vedremo domenica”), ufficiosamente perché ritenuto più giornalista che tifoso: DSCF9202al microfono della radio ufficiale, infatti, risulterebbe più gradito che, comunque vadano le cose, ci fosse qualcuno che esaltasse il prodotto, anziché proporre critiche sia pure propositive e fatte con il cuore. Come è strano il mondo: io, ad esempio, ho sempre creduto che il principale limite (giornalistico) di Carlo Chiesa fosse appunto quello di essere troppo tifoso (la sua radiocronaca cult del gol definitivo è davvero emozionante, ma, a mio parere, un po’ troppo da “urlatore”). Ma evidentemente non lo era abbastanza. Insomma si vorrebbero anche alla nostra latitudine dei fenomeni tipo Carlo Alvino o Carlo Zampa (Toh: si chiamano tutti Carlo, proprio come Chiesa), anche se il sostituto che sarebbe stato identificato non so imagequanto possa corrispondere ai canoni preferiti, dal momento che sulla sua pagina autobiografica (Sportivo ma non troppo sul blog WordPress), ha così raccontato: “per due anni ho lavorato come redattore a Milan Channel. Un’esperienza intensa, che mi ha fatto entrare dentro al film della mia vita da tifoso. Esperienza che si è chiusa a fine 2012, per motivi a me ancora non DSCF9005molto chiari. Facevo troppo il giornalista, mi hanno detto. Un complimento? Non mi è stato rinnovato il contratto”. Faceva troppo il giornalista, Bertelli, al che, presentandolo, mi permisi di scrivergli: “Cursus honorum ricco e spina dorsale diritta, buon segno. Anche se talora non bastano. Anzi, magari sono pure di ostacolo… Caro mio, se sei troppo giornalista la vita è dura, lasciatelo dire da chi senza accorgersene è passato da essere il più giovane della compagnia a uno DSC00338dei più anziani…”. In effetti, però, le sue prime telecronache ascoltate durante la preparazione, non nascondevano un certo qual entusiasmo a prescindere. E’ chiaro che a questo punto è l’ascoltatore a dover fare la tara. Un po’ come un lettore di quotidiani politici… Non è la prima volta – e, a titolo personale, da giornalista, nonché consigliere del GERGS, lo trovo davvero inquietante – che Radio Bruno decide di servirsi, per la confezione dei propri radioservizi sul Parma, di personale messo a disposizione dall’ufficio stampa della società dalla quale ha acquistato i diritti: gianni prandinel 2011, infatti, le trasferte che Chiesa non riusciva a garantire per esigenze Tv (tra l’altro beffa delle beffe, quest’anno avrebbe potuto fare molte più radiocronache esterne, essendoci molti campi vicini e non dovendo più confezionare “A tutta A”, cioè il commento, in tandem con Luca Ampollini, alla videocarrellata di reti della massima serie, giacché Tv Parma pare abbia rinunciato all’acquisto dei relativi diritti tv) vennero assicurate da Mario Robusti, temporibus illis indirettamente della scuderia robusti affianca crespo al tardini 04 07 2011dell’ufficio stampa del Parma FC (la struttura esternalizzata che si occupava di comunicazione per il club, Eligyro, era intestata a suo padre Giovanni), e la cosa era avvenuta pure l’anno prima, sempre per risparmiare sulle spese di trasferte dalle quali Boni era già stato esentato, e lo stesso pure la scorsa stagione con il microfono affidato a Matteo Pia, l’addetto stampa al quale, a sorpresa, non sarebbe poi stato rinnovato il contratto dalla società. E’ la prima volta, invece, che Radio Bruno  rinunzia in toto  alla produzione in proprio delle radiocronache, affidandosi completamente al Parma pia-slide-1_thumbCalcio. Il prodotto che ne scaturirà non sarà dunque di “informazione”, ma di “comunicazione” e le due cose sono ben diverse. Io ci trovo un po’ di conflitto di interessi, ma si sa, sono un po’ demodè… Se uno si “sintonizza” su Parma Channel o su Radio Parma FC (a parte che mi pare solo una colonna sonora musicale, ultimamente: almeno, lo stillicidio di veline della PPA che si era interrotto a fine campionato non è ancora ripreso) sa perfettamente che si trova al cospetto di un SAM_2750prodotto societario; Radio Bruno, invece, trattandosi di iniziativa privata imprenditoriale indipendente dal Parma FC, a mio modesto avviso dovrebbe avere l’onere (e l’onore) di confezionare in proprio le radiocronache, servendosi di personale al proprio servizio. Da quanto ci risulta, invece, anche i servizi che andranno in onda nei giornali radio quotidiani – fino alla passata stagione garantiti dal collaboratore Jonathan Belletti potrebbero arrivare direttamente preconfezionati dalla società. Non ho ancora avuto modo di sentire Carlo Chiesa, ma immagino che, da innamorato carlo chiesa pronto chi parmadel mezzo radiofonico, non ci sia rimasto bene, e non solo perché è la stagione del Centenario Crociato (quando una “memoria” e “voce” storica avrebbe potuto coinvolgere ancor di più l’ascoltatore): basterebbe rivedere il volto raggiante che aveva nella video intervista che ci concesse il 3 settembre 2011, a Colorno, quando il suo ritorno a Radio Bruno (aveva già militato per l’emittente edita da Gianni Prandi fino alla stagione 2005-06, quando poi venne scritturato dal colosso di Via Mantova) era ormai divenuto ufficiale. All’epoca ci dichiarò: “Per me è un ritorno assolutamente gradevole: la radiocronaca è sempre stato il mio primo amore e DSCF9418come tu sai il primo amore non si scorda mai. Per cui per me è un piacere ritornare a raccontare le gesta del Parma Calcio, anche se in tanti dicono che lo strumento radiocronaca, ormai, non ha più l’appeal di una volta per me non è assolutamente così, dunque sono felicissimo di essere ritornato a fare un qualcosa che mi dà forti emozioni e quindi sono molto felice”. Sempre in quella occasione ci riferì la sua linea editoriale: “Io sono convinto che un radiocronista possa anche essere tifoso, ma non deve mai perdere di obiettività e io cerco di fare questo, avendo a cuore, carlo chiesa inter parma 28 11 2010naturalmente, le gesta del Parma Calcio”. E a proposito della radiocronaca cult del Gol Definitivo, che lo ha reso immortale ci disse: “Fa piacere essere ricordati anche per quello, ma fa piacere perché viene fuori tutta la spontaneità del momento e quindi a me piace molto quello di quel pezzo di radiocronaca, e sono contento che sia anche piaciuto a tanti altri. Poi, dai, quello che faccio abitualmente la gente lo vede tutte le domeniche sere per televisione per cui, dai, va bene così. L’importante è avere lasciato qualcosa”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MARINO E QUELL’INCENDIARIO DI CHIESA

FACCE DA WEMBLEY / CARLO CHIESA, QUANDO ANCORA NON CONDUCEVA ‘PRONTO CHI PARMA?’ E NON SI ERA ANCORA SGOLATO COL GOL TOTALE DI CRESPO ALLA JUVE

PICCOLO SCHERMO / CARLO CHIESA SU FACEBOOK ANNUNCIA LA CONFERMA A TV PARMA DI “PRONTO CHI PARMA”

CARLO CHIESA E IL RITORNO AI MICROFONI DI RADIO BRUNO

CLAMOROSO A RADIO BRUNO: FATTO FUORI IL SALTIMBANCO, TORNA CHIESA

BONI SI SFOGA DOPO IL SILURAMENTO: “CHIESA CAVALLO DI TROIA DELLA CONCORRENZA A RADIO BRUNO?”

PARMA, SOGNI D’EUROPA. UN UFFICIO STAMPA DI SAPORE INTERNAZIONALE: INGAGGIATI L’EX AIRONE MATTEO PIA E UNO STAGISTA TEDESCO

PIA PROVA IL MICROFONO. IL VICE ADDETTO STAMPA DOMENICA FARA’ LA RADIOCRONACA DI CATANIA-PARMA SU RADIO BRUNO – Fotogallery amatoriale

MATTEO PIA, PARMIGIANO DEL GIORNO SU REPUBBLICA, NON FA PIU’ PARTE DELL’UFFICIO STAMPA CROCIATO

ECCO CHI E’ LA VOCE DI PARMA CHANNEL… E’ IL BRESCIANO LUCA BERTELLI IL SOSTITUTO DI MATTEO PIA ALL’UFFICIO STAMPA?

MAJO ELETTO NEL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO DEL GRUPPO EMILIA ROMAGNA GIORNALISTI SPORTIVI

SU LE ANTENNE, IL CENTENARIO FA ACCENDERE “RADIO PARMA F.C.”, LA WEB STATION CROCIATA

RADIO PARMA F.C., INTERVISTA DI GABRIELE MAJO A PAOLO ARCIVIERI: “VIVREMO IL CENTENARIO DEL PARMA CALCIO E IL BICENTENARIO DI VERDI”

IL ‘BENVENUTO’ DI ANGELLA AL ‘CAMERATA’ ARCIVIERI: “LASCI LA POLITICA LONTANO DAL CALCIO: LA SANA TIFOSERIA DEL PARMA NON HA BISOGNO DI CONTAMINAZIONI IDEOLOGICHE” (video)

RADIO PARMA FC, NOTA DEL CLUB: “CON ARCIVIERI ALCUNA COLLABORAZIONE EDITORIALE. CONSULENZA SOLO DI CARATTERE TECNICO STRUTTURALE” – I fatti secondo Majo

MERCOLEDI 27 IL PARMA PRESENTA IL LOGO DEL CENTENARIO (CHE NON ENTUSIASMA I CONSERVATORI), IL NUOVO SITO E LA WEB RADIO. CI SARA’ ARCIVIERI?

IL FIORETTO DI LEONARDI PER IL CENTENARIO: “NON RISPONDERO’ PIU’ ALLE CRITICHE”. DI CHIARA E’ IL DIRETTORE DI RADIO PARMA FC. CONVINCE IL RESTYLING DEL SITO, FA PIU’ DISCUTERE IL LOGO DEL SECOLO – Foto e video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “RADIO BRUNO, NELLA STAGIONE DEL CENTENARIO CROCIATO, TOGLIE IL MICROFONO A CARLO CHIESA, LA VOCE DEL “GOL DEFINITIVO” DI CRESPO DEL 9 GENNAIO 2000

  • 20 Agosto 2013 in 12:37
    Permalink

    Per me chi fa giornalismo e informazione, chi fa una radiocronaca, scrive su un giornale o conduce una trasmissione tv non deve essere tifoso e deve cercare di essere il più obiettivo e onesto possibile. A me i Chiesa come i Piovani piacciono poco. Detto questo Chiesa, rispetto al soggetto indicato nell’articolo (il bresciano dell’ufficio stampa del Parma), ha il vantaggio di essere indipendente e di non essere a libro paga della società.
    Il giorno in cui il Parma dovesse perdere giocando da cani cosa dirà l’addetto stampa-radiocronista di Radio Bruno? Se il Parma perderà 3-0 dirà che non meritava la sconfitta? Che la colpa è dell’arbitro? Del campo? Della sfortuna? Oppure racconterà una partita diversa dicendo che è stato il Parma a vincere 3-0, un po’ come quel tipo che aveva imboccato l’autostrada contromano e imprecava contro tutti quelli che gli venivano addosso?

  • 20 Agosto 2013 in 12:50
    Permalink

    ormai le societa’ di calcio si son vendute anche le posate..per cosa poi,chissenefrega dei tifosi se voglio sentire per radio un bel servizio prima durante e dopo la partita devo riascoltarmi i nastri di radio emilia anni 70…

    • 20 Agosto 2013 in 13:04
      Permalink

      Nastri di Radio Emilia anni 70? Bisogna, assioma, che li metta a disposizione della comunità…

  • 20 Agosto 2013 in 13:14
    Permalink

    mi interesserebbe la vittoria al rastrello per 3 a 2

    o a la spezia per 1 a 0

  • 20 Agosto 2013 in 18:18
    Permalink

    la storia è una ripetizione di eventi…

    • 20 Agosto 2013 in 22:10
      Permalink

      un saluto a Gianluigi, gloriosa voce di Onda Emilia

  • 21 Agosto 2013 in 17:04
    Permalink

    Dietro il termine di spending review si compiono le più grandi oscenità senza realmente badare al giusto controllo del denaro pubblico o privato che sia.
    E con questo termine si buttano a mare scienza, coscienza, sapienza e professionalità di questo nostro povero paese.
    Mah

    • 21 Agosto 2013 in 20:33
      Permalink

      Infatti avevo utilizzato apposta la definizione “spending review”…

I commenti sono chiusi.