UN UOMO IN DUE MAGLIE: NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA

006_sensini(Luca Savarese) – Arroyo Seco, Argentina, qui nasce Roberto Nestor Sensini, il 12 ottobre del 1966. Arriva in Italia dal Newell’s Old Boys e va a Udine da dove la sua carriera italiana spicca il volo e da dove si concluderà in una sorta di struttura a cornice. Prima Udinese poi Parma. Difensore a Udine e difensore a Parma dove però ogni tanto si concede anche qualche scorribanda offensiva con gol. Come a San Siro, mica il parco sotto casa, in occasione della finale della Supercoppa Europea del 1994 contro il Milan, Roberto Nestor con Massimo Crippa, il 2 0501g21afebbraio del 1995, nella gara di ritorno, finisce nello score di giornata ed il Parma inizia un’altra festa, antipasto della finalissima tutta italiana e tutta crociata contro la Juve del maggio dello stesso anno. Non un semplice Uomo in due maglie, ma quasi un uomo in quattro maglie, poiché tornò sia a Parma che a Udine. Dopo il Parma stile stupor mundi, Sensini vive anche il Parma che fa le prove generali di atterramento sulla terra, agli albori degli anni 2000. Il ragazzo nell’estate del 1999 va alla Lazio giusto per vincere una Coppa Italia ed uno Scudetto coi biancocelesti, poi torna nel ducato e vince un’altra Coppa, questa volta Italia, prima di rivestirsi del bianconero Udinese. Chiude la sua carriera di giocatore proprio dove l’aveva cominciata in quella Udine, dove domani giocheremo. Forse però più che chiuderla, Sensini ne inizia 464un’altra, quella di allenatore. Nel 2006 in panchina al posto di Serse Cosmi con Loris Dominissini ancora una volta energie da profondere per la causa friulana. Poi allena nella sua Argentina prima Estudiantes dunque Newell’s Old Boys ed infine Colon. Dopo il trattore  Javier Zanetti, Sensini è il giocatore più anziano tra quelli della colonia straniera ad aver giocato nel nostro campionato: il suo ultimo gettone lo inserì a Roma in un Roma-Udinese, nel gennaio del 2006, all’età di 39 anni. Però Nestor, Un Uomo in due maglie, friulana e crociata, ma anche un calciatore in più anni. E nei suoi polmoni tre mondiali con la casacca della Seleccion: Italia 1990, Usa 1994 e Francia 1998.  Un grandissimo, venerato nella mia infanzia ducale. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “UN UOMO IN DUE MAGLIE: NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA

  • 31 Agosto 2013 in 18:29
    Permalink

    Grande “Nestore” !!! ..la “chiave di volta” della più forte difesa del mondo!! Claudio

  • 31 Agosto 2013 in 19:00
    Permalink

    che difensore…ad averne uno così oggi

I commenti sono chiusi.