CALCIO & CALCIO PIU’ / ZAZZARONI SPIEGA I SUOI DUBBI SUL PARMA: “ALTRO CHE CASSANO, CI VOGLIONO GIOCATORI ABITUATI A GUADAGNARSI LA PAGNOTTA”

Per Longo Donadoni non è più al sicuro e il Saltimbanco invoca Serse Cosmi

IMG_6991(Evaristo Cipriani) – Prima puntata scoppiettante per il nuovo programma sportivo di Teleducato, Calcio & Calcio Più, in onda ogni mercoledì in diretta alle ore 21 (tranne quando il Parma giocherà proprio di mercoledì, occasioni in cui la trasmissione verrà posticipata alle 22.30). Si tratta di una nuova occasione di dibattito e approfondimento sulla stagione del Parma. Tre gli ospiti in studio, insieme al conduttore Michele Angella: l’immancabile Saltimbanco Enrico Boni (che ha augurato buon appetito a Gabriele Majo, assente per l’occasione, in quanto di scena alla festa dei Parma Club Sala Baganza e Corcagnano), Daniele Longo (firma de ilmattinodiparma.it oltre che di parmalive.com e di calcionews24.com, ribattezzato “il Pedullà di Parma”) e Guglielmo Trupo (il “Di Marzio di Parma”, collaboratore di parmatoday.it e calciomercato.com)

imageZAZZA ACCONTENTA LEONARDI – Tutto era nato la scorsa settimana quando il noto giornalista Ivan Zazzaroni, intervenendo ad un workshop sul mercato della serie A organizzato dall’emittente Sportitalia a Milano aveva parlato di un Parma a rischio retrocessione. “Ci sono cose che non mi sono piaciute – aveva detto l’opinionista della Domenica Sportiva – poi vi spigherò perché”. “Zazza, se ci vuoi bene, diccelo ora dove abbiamo sbagliato, non aspettare la fine del campionato, quando saremo già retrocessi…” gli aveva simpaticamente replicato Pietro Leonardi, nell’ultima conferenza stampa, imagerispondendo ad una domanda in proposito del direttore di stadiotardini.it. Ieri sera Zazzaroni contattato da Michele Angella è intervenuto al telefono a Calcio & Calcio Più per chiarire la sua posizione: “Io voglio bene al Parma, ho amici carissimi a Parma e nel Parmense, i miei migliori amici sono di Busseto, non parlo da bolognese, parlo da giornalistaha premesso Zazzaroni, aggiungendo – A me questa squadra non convince, non mi piace il centrocampo e poi Cassano è un grande giocatore, ma avrà voglia di affrontare tutte le problematiche che un campionato non di primo piano inevitabilmente riserva?” Ed imageancora: “Cassano ha qualità, ma per il Parma è sovradimensionato, qui ci vogliono giocatori che sono capaci a guadagnarsi la pagnotta tutte le partite”. Insomma, per Zazzaroni non sarà una stagione semplice per il Parma: “Ho la massima stima per Ghirardi e Leonardi, spero di sbagliarmi, ma non vedo bene il Parma, anche perché l’attacco mi sembra sguarnito, Amauri là davanti non è sufficiente”. Lo stesso giornalista ha anche pronosticato un imminente cambio tattico: “Secondo me presto Donadoni passerà al 4-4-2”.

IMG_6982LONGO FA TRABALLARE DONADONI E BONI VUOLE COSMI – “Donadoni? Per me non è più così al sicuro, deve stare molto attento”: secondo Daniele Longo la panchina del tecnico bergamasco in caso di sconfitta a Catania potrebbe iniziare a traballare seriamente. Opinione ribadita dal Saltimbanco Boni che già in precedenti occasioni si era scagliato contro l’allenatore crociato: “Qui ci vuole un sergente di ferro, io se la situazione precipitasse, chiamerei Cosmi”. Qualche tifoso via sms o tramite facebook aveva anche avanzato i nomi di Trapattoni e Zeman. Secondo Boni, tuttavia, la società non si muoverà in questo senso prima della fine di settembre ossia dopo la partita contro la Fiorentina.

DEPRESSIONE CATANIA – A proposito della partita di Catania, al telefono dal capoluogo etneo è intervenuto il giornalista di Radio Cuore Max Licari: “Domenica il Catania deve vincere per forza, non ci sono alternative, il pubblico è molto deluso, ma per ora non ha contestato, se però ci dovesse essere un nuovo risultato negativo potrebbero verificarsi contestazioni”. Licari ha però aggiunto piuttosto sconsolato: “E’ un Catania depresso, se la squadra è quella vista domenica scorsa a Livorno, allora il Parma vince sicuro, in queste condizioni il Catania non batte nemmeno il Pescara”.

IMG_6995DESTRO? NO GRAZIE –  Nelle ultimissime battute della puntata è stata anche dibattuta la voce rimbalzata nelle ultime ore dalla capitale secondo cui il Parma potrebbe chiedere il prestito dell’attaccante Mattia Destro alla Roma a gennaio. Destro che è alle prese con un serio infortunio a un ginocchio e che sarà nuovamente disponibile solo da dicembre. “Siamo una squadra di calcio o un centro per il recupero infortunati?”  ha tuonato Boni, pensando anche ad Obi…. “Ho indagato parecchio, ma non ho trovato conferme – ha chiarito il mercatologo Trupoe poi la Roma non è intenzionata a privarsi di questo giocatore su cui ha investito molto”.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LEONARDI RISPONDE A ZAZZARONI: “NON ASPETTARE CHE RETROCEDIAMO, DICCI PRIMA COSA NON VA”

NIENTE ROGO PER ZAZZARONI: “IO NON CANDIDO IL PARMA ALLA B, IL MIO E’ UN TIMORE: HO DELLE BRUTTE SENSAZIONI E MI DISPIACE PERCHE’ E’ UNA PIAZZA A CUI TENGO MOLTO”

ZAZZARONI CANDIDA IL PARMA ALLA B: “TROPPI ERRORI, UN GIORNO VE LI DIRO’. MA SAREBBE BELLO SE SI SALVASSERO SASSUOLO E LIVORNO…”

L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-ROMA 1-3: “BASTA ALIBI E COCCOLE. SE NO LA SVOLTA NON ARRIVA E FINISCE CHE C’HA RAGIONE ZAZZARONI…”

CALCIO & CALCIO / PALLINI FURIOSO: “DONADONI HA SBAGLIATO TUTTO” E MAJO IRONIZZA: “PARMA DA RADDRIZZARE COME LA CONCORDIA” (MA SCHETTINO CHI E’?)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 56 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

14 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / ZAZZARONI SPIEGA I SUOI DUBBI SUL PARMA: “ALTRO CHE CASSANO, CI VOGLIONO GIOCATORI ABITUATI A GUADAGNARSI LA PAGNOTTA”

  • 19 Settembre 2013 in 14:39
    Permalink

    le motivazioni che ha opposto sono più che valide…….

  • 19 Settembre 2013 in 15:07
    Permalink

    Zazzaroni mi è sempre stato antipatico, cmq le sue opinioni sono rispettabili, cm qulle di qls altro. Cmq a me sembra fuori dalla realtà ipotizzare ke possiamo retrocedere. Un campionato di merda potrebbe anke essere possibile ma non andare in B. Bisognerebbe fare apposta!

    • 20 Settembre 2013 in 19:28
      Permalink

      Marcello, nulla è impossibile. Anche il Parma 2007, sulla carta, non avrebbe dovuto esser declassato per la qualità dei calciatori a disposizione. Ma poi incidono un sacco di fattori… Come direbbe Leonardi, adesso cerchiamo di trovarne tre peggiori da mettere alle spalle…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Settembre 2013 in 15:19
    Permalink

    Ma che senso ha fare contratti pluriennali se alle prime difficoltà si cambia ? O i contratti valgono solo quando sono gli allenatori a volere andare via. come può Ghirardi mandare via Donadoni dopo tutte le dichiarazioni fatte quando il tecnico era accostato a mezza serie a?

    • 20 Settembre 2013 in 19:32
      Permalink

      Nel calcio, Claudia, va così: i contratti valgono per quel che valgono. Sia nel bene che nel male. Se qualcuno avesse voluto prender Donadoni, il contratto pluriennale col Parma sarebbe contato fino a mezzogiorno, così, come l’esonero è un tana libera tutti quando le cose vanno male. Comunque non stiamo parlando di “minime difficoltà”, né di esonero: provvedimento che mi sembrerebbe, comunque, prematuro. Anche se, dico la verità, a me il Dona non è che mi abbia mai così convinto… E per di più, ultimamente, non mi ci raccapezzo molto con le sue decisioni (e indecisioni).

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Settembre 2013 in 15:43
    Permalink

    Donadoni accostato a mezza serie A? Dalla stampa, in realtà i fatti hanno dimostrato che non l’ha voluto nessuno. Se il Milan o la Roma vogliono Donadoni se lo vengono a prendere e lui ci va di corsa, contratto pluriennale col Parma o meno. Finiamola di credere alle favole, abbiamo un allenatore di medio-basso livello come ce ne sono tanti altri sulla piazza.

  • 19 Settembre 2013 in 15:58
    Permalink

    Guarda che la Roma lo voleva solo che lui ha detto no perché non si sentiva una seconda scelta visto che loro hanno aspettato tanto allegri e poi quel mediocre ti ha fatto arrivare una volta 7 e un altra 10 giocandosela sempre con tutte le squadre anche le grandi poi il valore della squadra é quello che é e la pecche alla fine vengono fuori però ricordatevi l udinese di qualche anno fa 5 partite zero punti poi é andata in Champions con la società che ha sempre sostenuto guidolin

  • 19 Settembre 2013 in 16:06
    Permalink

    Figuriamoci ah ah ah!!!

    Donadoni aveva la possibilità di allenare Totti-De Rossi-Pijanic-Strootman, giocarsela per il terzo posto in una grande piazza e resta a Parma, ma ci credi davvero a quello che scrivi o no? Perché se è si c’è da preoccuparsi

  • 19 Settembre 2013 in 16:20
    Permalink

    Guarda che l’ha ammesso anche bortolazzi in un intervista solo che lui come ho già scritto prima non voleva essere la 2 scelta e poi Sabatini ha più volte elogiato Donadoni e l’ho sentito con le mie orecchie e stai tranquillo che non c’e niente di cui preoccuparsi

    • 20 Settembre 2013 in 19:26
      Permalink

      Io lascerei perdere cosa è stato e cosa avrebbe potuto essere. Comunque sia il fattore Donadoni credo stia incidendo su questa partenza ad handicap del Parma secolare…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 19 Settembre 2013 in 17:22
    Permalink

    citofonare cellino

  • 19 Settembre 2013 in 18:10
    Permalink

    Non sono d’accordo per niente con Zazzaroni: secondo me Cassano è un grandissimo colpo per il Parma e la squadra ha tante alternative, eccezion fatta per l’attacco dove manca un centravanti di riserva (su Palladino soprassediamo, mentre Okaka non è da serie A). Certo i giocatori bisogna metterli in campo nella maniera giusta, ma questa caro Zazza è una squadra che può ambire ad un 6°/7° posto

    • 20 Settembre 2013 in 19:25
      Permalink

      Sulla carta, Vladimiro, il Parma, a bocce ferme, poteva ambire a un 8° posto, ma il campo sembra non stia deponendo a favore della bontà del suo teorema. E potrebbe non avere tutti i torti lo “zazza” nell’indicare in Cassano il problema: non tanto per quello che finora ha dimostrato (singolarmente non gli si può dir nulla) quanto per il suo inserimento in questa squadra. Certo non aiutato dalla chiusura di Donadoni, pervicacemente ostinato a insistere sul solito sistema.

      Comunque non sono le figurine a fare grande una squadra (se no Moratti avrebbe vinto molto di più…)

      Cordialità

      gabriele majo

  • 19 Settembre 2013 in 18:43
    Permalink

    ma si in fondo il nostro campionato comincia domenica prossima e soprattutto a catania ci sta di perdere perche’ hanno l’acqua alla gola e noi no

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI