DONADONI: “SONO CONTENTO DI NON AVERLA PERSA, MA SONO CONVINTO CHE SI POTEVA VINCERE”

(Orazio Vasta) – Quello che si presenta ai microfoni di Mediaset Premium è un Donadoni soddisfatto per il pari raggiunto all’ultimo secondo di gara, ma che è cosciente che con un po’ di attenzione i punti sarebbero potuti essere tre e non uno. Questo il suo commento: “Risultato pienamente meritato. Sarebbe stato ingiusto perdere, come stava accadendo. Ma ci abbiamo creduto fino all’ultimo, abbiamo creato qualche azione pericolosa, e all’ultimo l’abbiamo messa dentro. Sono contento per non averla persa, ma sono convinto che era una partita che si poteva vincere. Bastava crederci un po’ di più, essere più convinti in noi stessi, nelle nostre qualità perché siamo arrivati tante volte nell’area avversaria. Siamo però mancati all’appuntamento decisivo. Manca sempre quel piccolo salto di qualità. Sono però felice anche per coloro che sono entrati perché hanno dato grande apporto. E’ una cosa positiva per il gruppo e per il nostro cammino. Era lecito soffrire… sui calci piazzati, calci d’angolo, sulle punizioni dalla trequarti… abbiamo concesso qualcosa ed è stata una nostra pecca, ma sull’interpretazione i ragazzi stasera hanno fatto tutto quello che c’era da fare in maniera egregia. Forse ripeto se vogliamo essere critici, bisogna avere meno paura di vincere. Queste sono partite in cui devi attaccare alla ricerca del secondo gol, noi invece siamo mancati, quando invece potevamo tranquillamente portare a casa i tre punti.

Questa è la partita che può far capire qual è il nostro cammino, il nostro futuro. Se noi giochiamo come abbiamo fatto stasera allora possiamo dire la nostra.Parma sta facendo ottime prestazioni da più settimane, ma i risultati non ci hanno ripagato. Basta vedere la partita con la Roma in casa, abbiamo giocato assolutamente alla pari e sappiamo cosa sta facendo la Roma, poi siamo andati in difficoltà e siamo stati puniti, perché i loro campioni e le nostre ingenuità hanno inciso sul quel risultato. La squadra c’è, ha fatto bene e anzi sono convinto che possiamo ancora fare di più e possiamo fare meglio. Ma questo solo grazie al lavoro. Cassano ottima gara. Così come Biabiany, anche se devo rimproverargli il fatto di essere stato poco lucido sotto porta”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “DONADONI: “SONO CONTENTO DI NON AVERLA PERSA, MA SONO CONVINTO CHE SI POTEVA VINCERE”

  • 1 Ottobre 2013 in 02:08
    Permalink

    Perché nn si può vedere l’intervista del mister dopo la partita in sala stampa, anche il sito ufficiale mette i giocatori e non il mister

I commenti sono chiusi.