IL MATTINO DI PARMA SPARA: “VIVACE DISCUSSIONE, VENERDI’ SCORSO, TRA CASSANO E DONADONI”. E AGGIUNGE: “A GENNAIO FANTANTONIO ALLA SAMP E POSSIBILE RITORNO A PARMA DI GIOVINCO”

image(gmajo) – Nel titolo dell’articolo messo in circolo oggi dal  Mattino di Parma, viene messo in risalto, soprattutto, quello che detto quotidiano on line (di cui è boss il redivivo Tullo Baroni), reputa il possibile ritorno di Giovinco (io non ne sono affatto convinto, ma questo non è importante, del resto le vie di Leonardi sono DSC02071infinite quasi come quelle del Signore, dunque tutto è possibile…), ma la vera bomba è nascosta all’interno, laddove la redazione (il pezzo non è firmato), riferisce levoci non ancora smentite”  di “un primo accenno di frizione nel gruppo” che ci sarebbe stata  “venerdì, alla vigilia della trasferta in Sicilia, con protagonisti Antonio Cassano e Mister Donadoni. Il barese ed il tecnico avrebbero avuto una vivace discussione, forse non risolta vista la sostituzione dell’attaccante al 45′ a Catania”. Indiscrezione che riprendiamo con tutto il beneficio d’inventario del caso: certo sarebbe inquietante se, a seguito di quella collisione, FantAntonio avesse abbassato il suo rendimento (fino a domenica Cassano-Donadoni-Parma-594x350scorsa, nonostante tutto, accettabile) al punto tale da risultare così irritante da dover esser sostituito. Il Mattino di Parma riporta anche l’ipotesi di un possibile ritorno del Discolo alla Samp. E così il Parma a gennaio, cambierebbe pelle, appunto col ritorno di Giovinco (sarà, ma non ci credo…) favorito, secondo il fantasioso autore del lancio, dal passaggio in bianconero di Biabiany. Ma la Formica rimarrebbe solo sei mesi…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “IL MATTINO DI PARMA SPARA: “VIVACE DISCUSSIONE, VENERDI’ SCORSO, TRA CASSANO E DONADONI”. E AGGIUNGE: “A GENNAIO FANTANTONIO ALLA SAMP E POSSIBILE RITORNO A PARMA DI GIOVINCO”

  • 25 Settembre 2013 in 18:50
    Permalink

    Meglio una formica per sei mesi che una cicala per un anno 😉

  • 25 Settembre 2013 in 19:00
    Permalink

    appunto !!!fosse vero o no se deve venire 6 mesi stia pure dov è e la juve byabiani ce lo paghi cash…..e secondo…..se fosse vero di questa frizione …..cassano capisca che cmq ci rimette in prima persona a disputare partite come quella di catania… parma è la sua ultima occasione dopo gli rimane solo il qatar o la cina o altri posti così……altro che la samp non credo che garrone faccia uno “sfregio” simile alla memoria di suo padre !!!….è tutto talmente grossolano che non mi sento di crederci ma,,,….ma …..se così fosse …..il fallimento della stagiones arebbe cosa irreversibile,e difficile la salvezza perchè …IN SOCIETà UN CAMPIONATO DI BASSO PROFILO NON ERA CONTEMPLATO INUTILE GIRARCI INTORNO…E QUESTO “INSANO” OTTIMISMO HA CONTAGGIATO ANCHE I GIOCATORI….poi anche se dovesse arrivare giovinco sarebbe dura lo stesso…..isomma auguriamoci che cassano sbocci, che donadoni possa rinsavire e impiegare sansone con il talento di bari vechia in un modulo diverso ….e di arrivare tranquillamente decimi come lo scorso anno…

    • 25 Settembre 2013 in 19:05
      Permalink

      Sono anch’io piuttosto perplesso circa queste indiscrezioni. Ma debbo riconoscere che Tullo Baroni non fu un visionario quando, l’anno della B, riferì di una cena Ghirardi-Moggi…

  • 26 Settembre 2013 in 00:22
    Permalink

    Si però Majo considera che ammesso Cassano rimanga per più anni, comunque dovremo tenerci un calciatore che non corre mai già ora, figuriamoci tra 2-3 anni…

  • 26 Settembre 2013 in 11:49
    Permalink

    buongiorno che cena ci fu tra moggi e ghirardi? dove?

    • 26 Settembre 2013 in 12:23
      Permalink

      La cena Moggi Ghirardi fu al Gelo Pesca, durante la stagione della B. Ne scrisse, all’epoca, soprattutto Parma OK, il progenitore del Mattino di Parma. Il Parma (peraltro attraverso di me, dato che ero il responsabile dell’ufficio stampa) intervenne piuttosto duramente chiedendo smentite e minacciando querele. Ma io stesso, quando poche ore dopo, ricevetti una telefonata dal pres che mi chiedeva delle info stradali per arrivare dal casello di Medesano a Monticelli Terme (ove era in corso una festa del locale Parma Club presieduto da Giorgio Iotti) ho capito che quel famoso incontro che mi aveva fatto smentire poteva esserci stato.

      Ecco il testo della news pubblicata all’epoca da Parma OK (il 20 marzo 2009).

      PARMA, 20 MARZO – Luciano Moggi e i vertici del Parma calcio. Un incontro lontano da occhi indiscreti, il cui scopo era probabilmente quello di discutere delle future strategie, di mercato, ma non solo, della società crociata. L’ex direttore generale della Juventus, coinvolto in Calciopoli, si è materializzato mercoledì sera davanti ad un locale di Medesano. Il presidente del Parma Tommaso Ghirardi e il direttore sportivo del club Andrea Berta erano lì ad aspettarlo. All’incontro, condito da un ottimo menù di pesce e da un autorevole vino, era presente anche il tecnico dei crociati Francesco Guidolin.

      Non si conoscono i temi trattati nell’incontro, avvenuto in forma strettamente privata. Talmente privata che il ristorante, quel giorno chiuso per turno, è stato riaperto per l’occasione.

      Qualche mese dopo, a dicembre, ebbi modo di essere ospite – in diretta dall’Olimpico – di un programma Tv condotto da Moggi, che, rispondendo a delle mie domande, ammise di avere dato consigli a Ghirardi. Ecco la notizia tratta da sportparma.com:

      Nel corso di una trasmissione sportiva in onda questo pomeriggio su Roma Sat (all’interno del programma Gold Sport) Luciano Moggi ha parlato del suo rapporto di amicizia con il presidente del Parma Tommaso Ghirardi.

      “Ho dato dei consigli a Ghirardi perché è un amico – ha spiegato Moggi – come li ho dati a Zamparini e ad altri presidenti di serie A; non è un reato”. Moggi ha aggiunto: “Faccio il giornalista, devo parlare con tutti”. Resta da capire quale tipo di consigli possa aver dato uno come Moggi al giovane presidente del Parma che dopo la retrocessione in serie B ha riorganizzato la società e quest’anno si è affidato alle mani sapienti del direttore generale Pietro Leonardi (anch’egli amico di Luciano Moggi). Moggi è imputato nel processo a Calciopoli inizizato a Napoli il 20 gennaio 2009, mentre è stato condannato a 1 anno e 6 mesi di reclusione per violenza privata nei confronti dei calciatori Blasi ed Amoruso. Con Luciano Moggi è stato condannato anche il figlio Alessandro.

      La vigilia di Natale del 2009, sulla questione, prese in mano la penna perfino il direttore della Gazzetta di Parma Giuliano Molossi, con un editoriale dal titolo:
      “Ghirardi non ha bisogno del signor Moggi”, che di seguito trascrivo:

      Luciano Moggi, imputato in attesa di giudizio, ex ferroviere, ex direttore generale della Juventus, ribattezzato Lucky Luciano da Marco Travaglio, oggi opinionista di TeleCapri, ha fatto i complimenti al Parma per l’ottimo campionato che sta disputando e che lo vede, contro tutte le previsioni della vigilia, al quarto posto, in zona Champions League. Fin qui, tutto bene: Moggi è uno che sa di calcio più di molti altri e i suoi giudizi sono spesso azzeccati e pertinenti. Solo che Moggi, intervistato da un’emittente televisiva, ha aggiunto che se la squadra è stata costruita molto bene, il merito è un po’ anche suo, perché, ha detto, «il presidente del Parma è un mio amico e mi ha chiesto tanti consigli che io ovviamente gli ho dato».
      Conosco bene Tommaso Ghirardi, so che ha molti amici perché è una persona allegra, simpatica, intelligente che ama la buona compagnia, in particolare quella con le gambe sotto il tavolo, davanti a due fette di culatello e a un buon bicchier di vino. Ma so anche che fra questi amici non c’è Luciano Moggi. Chi si occupa di calcio da qualche anno come Ghirardi non può non aver conosciuto Moggi. E quindi Ghirardi, come tutti gli altri presidenti, conosce Moggi e se per caso lo incontra lo saluta e può anche scambiare due parole con lui. Non c’è niente di male: Moggi non è un criminale, non è un mafioso che ha sciolto dei bambini nell’acido, è solo un ex dirigente accusato di aver alterato l’andamento di alcune gare sportive. E per ora è stato assolto per associazione per delinquere e condannato per violenza privata. Ma è atteso da altri processi. Tommaso Ghirardi non ha bisogno dei consigli di Moggi. Se il Parma è diventato quello che è, una squadra che fa tremare le grandi, che diverte e fa sognare i tifosi, il merito non è del signor Moggi. Il merito è del presidente Ghirardi. Un giovane imprenditore che avrebbe potuto continuare a occuparsi delle sue redditizie attività, concedersi lunghe vacanze in giro per il mondo, e che invece, animato da una grande passione e da un grande entusiasmo per il gioco del calcio, si è buttato in questa avventura, ha salvato il Parma da una fine ingloriosa e adesso lo ha portato a questi livelli. Ha conosciuto anche l’onta della retrocessione in serie B, ha sofferto come un cane, ma non si è perso d’animo e lo ha fatto tornare grande dopo un solo anno in purgatorio. Il merito è suo, non del signor Moggi. Al Parma, il «sistema Moggi» ha fatto solo dei danni: ci ha negato uno scudetto che avremmo meritato più di chiunque altro e una qualificazione in Champion’s (ricordate il fallo inesistente fischiato a Cannavaro contro la Juve?). Qualcuno diceva che quel Parma avrebbe vinto se in panchina ci fosse stato un grande allenatore come Capello (che aveva già detto di sì a Tanzi e poi si rimangiò la parola data). No, non avrebbe mai vinto ugualmente, perché il «sistema Moggi» lo avrebbe impedito. Il calcio «alla Moggi» era un calcio fatto di veleni, di congiure, di complotti, di ricatti, di arbitri venduti, di partite combinate, di tifosi ingannati. Il calcio «alla Ghirardi» è un calcio onesto, pulito, trasparente. Il calcio di una persona perbene.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 26 Settembre 2013 in 11:54
    Permalink

    Buongiorno che cena ci fu tra moggi e ghirardi ? dove?

  • 26 Settembre 2013 in 18:53
    Permalink

    La notizia sarebbe stata quella di un Cassano contento per il cambio..
    E lasciamo stare il mercato di gennaio che è lontanissimo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI