IL RETROSCENA / JORQUERA? LO AVEVA GIA’ PRESO BERTA QUATTRO ANNI FA, MA POI SALTO’ TUTTO QUANDO ARRIVO’ LEONARDI…

jorquera(gmajo) – Leonardi che “copia” Berta è una chicca niente male di questo rush finale di calciomercato, sempre ammesso che l’operazione vada in porto, giacché mentre scriviamo – e poi tra un po’ debbo staccarmi dalla postazione, dovendomi preparare per andare in trasmissione (Calcio & Calcio, ore 21, su Teleducato) – non c’è ancora nulla di ufficiale, anche se qualche sito, tra cui Panorama.it (che dovrebbe essere serio), già da ore ha speso la parola “ufficiale”, pur in assenza di comunicati stampa dei club interessati, o di apparizione della transazione nel sito ufficiale della Lega Serie A, che annota in tempo reale i vari movimenti completati. Il famoso colpo di mercato che Piovanone aveva fiutato, pur senza sapere quale fosse il nome giusto, sembrerebbe essere il cileno, Cristóbal Jorquera, detto El Niño Vertical (di Vertical, nel finale della stagione maledetta della retrocessione, ci avvalemmo delle prestazioni dell’Hombre, mister Cuper, che non bastò – direi tutt’altro – a salvarci dal baratro), classe 1988, al quale il Genoa, nel ruolo, avrebbe preferito – il mondo è piccolo – un altro fantasista calcisticamente valorizzato nel vivaio ducale, Alessandro Rosina, ma anche in questo caso non imageabbiamo ancora l’ufficialità a confortarci. Ma perché ci azzardiamo a scrivere Leonardi copia Berta? Semplice, perché quattro anni fa, estate 2009, il talentuoso cileno (tatticamente non alternativo a Valdes, che venga a fargli compagnia, sì da non farlo soffrire di saudade?) era stato non solo individuato, ma proprio di fatto già acquistato dal tanto vituperato Andrea Berta (l’altro giorno a Montecarlo per il sorteggio di Champions League, nelle sue vesti di responsabile del mercato dell’Atletico Madrid, e lo si è visto in mondovisione, alla faccia di chi pensava millantasse la carica)  per una somma vicina ai 700,000 euro, ma poi saltò tutto quando ogni potere decisionale passò a Pietro Leonardi che preferì mandare tutto a 39c29fbc51186b9b7dee3cfe7533e4b4-1371723233monte. La circostanza oggi ci è stata confermata dal procuratore pro tempore di Jorquera, Giorgio De Giorgis (manager che cura gli interessi anche di Roberto Mancini, foto a lato da tuttomercatoweb.com), contattato telefonicamente da stadiotardini.it  per verificare la corrispondenza al vero di quei nostri lontani ricordi: “Confermo, avevo già fatto tutto con … come si chiamava quel direttore sportivo? Berta… Sì, Berta. Una volta che è stato mandato via lui non abbiamo più fatto nulla”. Berta, tuttavia, si ricordò di El Niño Vertical e lo consigliò al Genoa, di cui nel frattempo era diventato consulente, anche se a completare l’operazione fu il figlio di Preziosi. Vikipedia chiude la sua biografia così: “Il 2 Aprile 2013 vince inaspettatamente il sondaggio di pianetagenoa1893.net come calciatore dell’anno raccogliendo il 16,96% dei voti dei simpatizzanti genoani”. Ma nonostante questo consenso popolare, forse anche complici le esigenze del Genoa di ridimensionare il proprio parco calciatori (esigenza diametralmente opposta a quella della galassia Parma), è stato deciso di metterlo sul mercato. Dovesse arrivare a Parma, quattro anni, dopo, si ritroverà “in concorrenza” con Cassano, a meno che Donadoni, non strologhi per lui qualche invenzione delle sue… Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

2 pensieri riguardo “IL RETROSCENA / JORQUERA? LO AVEVA GIA’ PRESO BERTA QUATTRO ANNI FA, MA POI SALTO’ TUTTO QUANDO ARRIVO’ LEONARDI…

  • 2 Settembre 2013 in 20:26
    Permalink

    super mega random

  • 3 Settembre 2013 in 14:52
    Permalink

    leggevo dalla “rosea” che forse verrà venduto in turchia…..dove il mercato chiude dopo……….se così fosse si spiega il perchè di quest operazione

I commenti sono chiusi.