ISTANTANEE DAL NUOVO CENTRO DIREZIONALE PARMA FC DI COLLECCHIO, “IL MIGLIORE D’ITALIA”, SECONDO LEONARDI

DSC00941(gmajo) – Lunedì sera a Calcio & Calcio, l’amministratore delegato Pietro Leonardi si è indubbiamente servito di una iperbole (“è il migliore d’Italia”) per definire, e nella sua testa difendere, il nuovo Centro Direzionale Parma FC di Collecchio. Il conduttore del seguito programma televisivo in onda su Teleducato Parma, Michele Angella, accennando alla rosa ampia rimasta a disposizione del tecnico Roberto Donadoni – nonostante il tentativo di ridurla, imagerimasto incompiuto, come ammesso dall’allenatore in occasione della sua ultima conferenza stampa – aveva accennato ai lavori di allargamento in corso della vecchia palazzina, magari, appunto, per trovare posto ai nuovi arrivati negli spogliatoi. Il Leo  è partito lancia in resta, e i suoi scriba hanno subito accennato a fantomatiche denigrazioni, non si capisce bene da parte di chi, alla struttura. Certo, DSC00953definirla la migliore d’Italia mi pare francamente un po’ esagerato, poiché dicono – io non l’ho visitato – che il catanese Torre del Grifo non abbia nulla da invidiare alla struttura ghirardiana, e mi pare pure che Milanello e la Pinetina, pur essendo ormai piuttosto datati, non abbiamo perso nel tempo le loro prerogative, anche se è altrettanto vero che certi club metropolitani si allenano su campi di periferia; poi il fatto di criticare la scelta di svolgere il ritiro nella calda pianura padana, DSC00923piuttosto che al fresco in altura non è lesa maestà per la struttura (che, sempre enfatizzando un po’, l’Ad l’anno scorso aveva asserito che avrebbe portato sette o otto punti più in classifica, e meno male che è stato così, se no si rischiava la retrocessione…) né il comune che la ospita. Il Plenipotenziario, durante il talk show, si è servito pure di una metafora dal vago gusto culinario (forse traendo l’idea dal Saltimbanco Boni. il quale, poco prima, aveva parlato di minestra riscaldata, alludendo a quelle dello chef Donadoni, servite dal rinomato ristorante Ghirardi, gestione Leonardi), DSC00816secondo cui non ha senso che il proprietario di un ristorante in città vada a mangiare al fresco della collina. Comunque sia i riscontri del campo e la classifica dimostrano che non c’è stata l’auspicata partenza a razzo, che avrebbe dovuto derivare dal mancato patimento della escursione tecnica. Certo, al tifoso medio, piuttosto che un centro sportivo all’ultimo grido, interesserebbe di più avere un Tardini in ordine, ma l’Ennio è il secondo stadio più bello d’Italia solo agli occhi di Ghirardi, il quale frequenta le aree vip, quelle sì sempre à la page, ma se seguisse l’ìncontro, ad esempio, dal settore disabili – laddove ha promesso che presto DSC00214arriverà la tanto auspicata tettoia, dopo i reiterati appelli del tifoso in carrozzina Fabio Giarelli – o dai distinti, o dalla Nord, avrebbe tutt’altra impressione; al tifoso medio che a “Collecchiello” ci sia la piscina (a proposito, a fine estate è stata terminata) probabilmente impipa fino lì. Anche se forse non la pensa così il nostro lettore Francesco, cui questo pezzo è dedicato, il quale, abitando fuori Parma sovente ci sollecita aggiornamenti sullo stato di avanzamento dei lavori. slide piscina collecchioUna volta eravamo molto più tempestivi, ma, come già spiegato, passato un po’ di tempo le nostre fotogallery amatoriali avevano iniziato a dare fastidio e ci è stato fatto capire che era meglio soprassedere. Del resto ci sono altri che, avendo l’opportunità di operare dall’interno della struttura, possono anche essere più tempestivi del sottoscritto a pubblicare le novità (sartorie incluse). Ogni tanto, però, non perdiamo il vizio di scattare lo stesso qualche foto: ad esempio in questa serie di istantanee si può apprezzare la piscina, e anche uno scorcio dello spartano DSC00818ristorante della club house, dove avevamo potuto assaggiare alcune delizie preparateci in occasione della recente conferenza stampa sui 10 mesi dal decollo di Parma Brand; altre immagini mostrano appunto l’allargamento – con costruzione in legno – della storica palazzina che ospita gli spogliatoi, cui accennava Angella. Non è tanto, ma spero che Francesco si possa accontentare, in attesa di un tour magari ufficiale della struttura, che il Parma vorrebbe fosse maggiormente apprezzata, ma che ancora non ha presentato. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DEGRADO TARDINI / REPORTAGE FOTOGRAFICO DAL “SECONDO STADIO PIU’ BELLO D’ITALIA”

GHIRARDI: “IL TARDINI E’ IL SECONDO STADIO PIU’ BELLO D’ITALIA”

CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO, CON UNA COPPA, INCORONA LEONARDI RE DEL MERCATO. MA IL PLENIPOTENZIARIO, A FINE TRASMISSIONE, SI SCORDA IL TROFEO NEGLI STUDI DI TELEDUCATO – Fotogallery

CALCIO & CALCIO / LEONARDI CAUTO SUL RECUPERO DI PALETTA. E INTANTO SU SAPONARA…

CALCIO & CALCIO / MAJO: “PLAUDO AL NUOVO LEONARDI PROPOSITIVO AL DIALOGO E AL FAIR PLAY TELEVISIVO”

RIMOZIONE FORZATA PER IL BUS DEI BOYS IN DIVIETO DI SOSTA SOTTO LA CURVA NORD DEL TARDINI

E SE GIORNALISTI E DISABILI VENISSERO DELOCALIZZATI NEL “SETTORE BORTOLON” DEL TARDINI?

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / CASSANO: “FAREI VOLENTIERI QUALCOSA, MA NON E’ IL MIO CAMPO…” – Il video della prima parte della conferenza stampa

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / MAJO: “LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE NON PUO’ ESSERE SOLO NOSTRA: GRAZIE A CHI CI HA RIPRESO, MA ALL’APPELLO MANCA QUALCUNO…”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI /MARANI: “PRIMA DI TUTTO SERVE UN PROGETTO. L’OPERA SIA FINANZIATA DAGLI STESSI CALCIATORI”. L’ASSESSORE PARLA ANCHE DELLA COPERTURA DELLA NORD…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

“UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI” – L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI A “CALCIO & CALCIO ESTATE” RIPRESO DAL TG DI TELEDUCATO (video)

MAJO, AL TG DI TELEDUCATO, RILANCIA: “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”. L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI STASERA ANCHE A CALCIO & CALCIO

L’APPELLO DI FABIO GIARELLI AL SINDACO, A GHIRARDI E A CASSANO: “PER IL CENTENARIO PROTEGGETE I DISABILI DEL TARDINI DALLE INTEMPERIE”

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

DISABILI, LA TETTOIA SI FARA’ ANCHE SENZA I G LUX. E I SEGGIOLINI NON ERANO FINITI A LEVICO…

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

CALCIO & DISABILI: LA LEZIONE DI CIVILTA’ DEL SIENA. SPERIAMO CHE IL PARMA TROVI UNA SOLUZIONE PER LA PIOGGIA SULLE CARROZZINE ALMENO NELL’ANNO DEL CENTENARIO…

MARCO FEDERICI NEL RICORDO DELL’AMICO DI INFANZIA FABIO GIARELLI

IL TARDINI CHE CAMBIA / ADDIO CAMERA OSCURA, ARRIVA IL G GOLD

LEONARDI, LA PROMESSA: “AL TARDINI, PER SEMPRE, INDISCUTIBILMENTE”

NATALE GIALLOBLU’ / IL ‘CONDUCATOR’ LEONARDI STRAVINCE ALL’APPLAUSOMETRO DELLA “NOSTRA GENTE”, MA SUL SOLENNE IMPEGNO CHE AVEVA PRESO DI COPRIRE LE CURVE DEL TARDINI MI E’ PARSO INDIETREGGIARE…

COPERTURA CURVE DEL TARDINI, LA PUNTUALIZZAZIONE DI LEONARDI: “E’ UNA QUESTIONE DI BUROCRAZIA, NON DI SOLDI…”

TARDINI COPERTO O RIFATTO PER IL CENTENARIO? NON E’ UNA MISSION IMPOSSIBLE…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

10 pensieri riguardo “ISTANTANEE DAL NUOVO CENTRO DIREZIONALE PARMA FC DI COLLECCHIO, “IL MIGLIORE D’ITALIA”, SECONDO LEONARDI

  • 12 Settembre 2013 in 10:47
    Permalink

    Ciao Gabriele.

    Ti ringrazio per l’attenzione che hai riservato alla mia richiesta.
    Come sempre sei stato puntuale e preciso.

    Capisco le problematiche (relative alle foto) di cui accennavi.
    Quindi ti ringrazio doppiamente.

    Appoggio in pieno l’idea di un tour ufficiale della struttura da parte della Società, magari quando tutte le migliorie in atto saranno portate a compimento.

    Preciso una cosa: sono un tifoso a 360° gradi del Parma e aggiungo che, oltre a potenziare il Centro Sportivo (ritengo che stia diventando davvero un gioiellino), spero in cuor mio che si possa rinnovare molto presto il nostro Ennio Tardini alla stregua di quello che sta facendo l’Udinese con il suo Friuli.

    Continua così…mi raccomando.

    Francesco.

    • 13 Settembre 2013 in 14:01
      Permalink

      Ciao Francesco,

      grazie a te per lo stimolo, quando posso, come vedi, ti accontento. E ogni tanto qualche scatto lo faccio per te, sì da essere pronto a ogni tua richiesta…

      La differenza tra il C.S. Collecchio e il Tardini è fondamentale: il primo è di proprietà del Parma Calcio, il secondo no. Ecco, perché, non troviamo altrettanta amorevole cura del processo di crescita/riqualificazione. L’Udinese, anziché attendere la legge sugli stadi, ha perseguito quella strada che io spesso ho indicato come possibile anche a queste latitudini (mettendoci un po’ di buona volontà) cioè, se non ho capito male, l’alienazione del diritto di superficie. A parte che finora non mi pare abbiano fatto chissà quali migliorie, tolta la pista d’atletica.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 12 Settembre 2013 in 14:02
    Permalink

    Non mi piace che il Parma abbia trasferito la sua sede a Collecchio, quando già il Comune gli affida (o affitta? sono sempre curioso di conoscere quanto il Parma effettivamente paga, e se paga, sempre che non sia un segreto) l’intero Stadio Tardini in pieno centro città.
    La creazione del ristorante e degli alloggi interni, presso il centro di Collecchio, ridurranno forse le spese della società ma allontaneranno anche la squadra dal territorio, anche in senso economico, visto che sarà sempre più rinchiusa nel suo “castello” bresciano-vattelapesca-collecchiese. E a raccontarci di lei saranno i suoi telecronisti (proprio suoi), i suoi giornalisti Luce (proprio suoi) e i suoi servizi tv (proprio suoi).

  • 12 Settembre 2013 in 14:07
    Permalink

    x il Direttore
    A breve dovrebbe chiudere la campagna abbonamenti. Sarebbe bello sapere quanti ne hanno dati via (tra venduti e regalati). Sempre che non sia una notizia riservata ai giornalisti ‘ufficiali’. A proposit, al sartor la’ra tot j’amsuri anca a lor?

    • 13 Settembre 2013 in 13:20
      Permalink

      Salve Marcello,

      a proposito della campagna abbonamenti è improprio parlare di abbonamenti “regalati”, quando si allude a quelli che vengono inseriti in pacchetti promo-pubblicitari per gli sponsor. Il computo totale, poi, abitualmente contiene pure tessere di servizio. Lo scorso anno, ad esempio, a me risultava che gli abbonamenti “puri” cioè quelli sottoscritti dai tifosi nei punti lottomatica, piuttosto che al Tardini fosse circa 7.000-7.500, anche se nelle comunicazioni ufficiali si era arrivati a oltre 9.000 e per questo immagino che fosse al lordo delle promozioni. E se tanto mi dà tanto sarà così quest’anno. Lo storico zoccolo duro di circa 10.000 abbonati “puri”, secondo me si è da tempo eroso e poco è stato fatto propositivamente non tanto per fermare la fisiologica emorragia, quanto per portare forze nuove di ricambio. Non per diventare antico, ma la ricorrenza del Centenario avrebbe potuto essere sfruttata per favorire il ritorno dei veri vecchi abbonati, che non sono solo quelli dell’ultima stagione, ma tutti coloro che nel tempo si erano abbonati, salvo poi, per x ragioni, smettere di farlo. Quello sarebbe un bacino d’utenza importante da recuperare. Così come aumentare ogni anno del 10% il prezzo per i nuovi abbonati (che poi sarebbero anche i vecchi, ma non dell’ultimo anno) si arriva a sperequazioni in tre anni di circa il 30% tra i teorici vecchi abbonati e i nuovi. Una forbice enorme che appunto non favorisce il ricambio.
      Mi pare di aver capito che per i voucher – creati ad hoc per gli obiettori della tessera – gli sportelli si sono chiusi ieri: vedremo se e chi comunicherà quanti ne sono stati sottoscritti.
      Chiudo dicendole che stamani il buon giorno mi è arrivato attraverso una telefonata, mica tanto anonima, dove l’interlocutore, cui evidentemente la verità fa male (Caterina Caselli docet), a proposito di certe affermazioni che a lei mi pare non fossero sfuggite contenute nell’articolo qui sopra, mi ha aggredito dandomi dell’uomo e della persona di merda (però: è stato anche generoso, poteva anche non darmi dell’uomo…), avvertendomi di non avvicinarmi a lui più di 50 cm, che se no mi mette le mani addosso. Condotta inqualificabile che si commenta da sé. L’individuo ha anche aggiunto che non ha paura di querele da parte mia (anche se ad ascoltare la sua performance, disgraziatamente, c’era del “pubblico”), ma può star tranquillo ché per queste facezie io, al contrario di altri cui lui ha alluso, non vado a far perdere del tempo all’autorità giudiziaria. Certo mi sfiorasse con un dito la cosa sarebbe assai diversa.
      Cordialmente
      Gmajo

      • 13 Settembre 2013 in 18:27
        Permalink

        Buonasera Direttore,
        grazie per la risposta, che purtroppo ho letto soltanto ora. Mi spiace per l’accaduto, ma ha la solidarietà dei suoi lettori.
        Sono in attesa dell’entusiastico bollettino di regime indicante il numero di vaucher venduti, anche per vedere quanti Boys sono rimasti a farlo. Mi pare molti meno, da quello ke si dice. Sembrava dovessero fargli una ulteriore card per le trasferte ma mi pare non sia stata ancora presentata. Sa qualcosa?
        Buon fine settimana!

  • 12 Settembre 2013 in 14:59
    Permalink

    non so se e’ il miglior centro sportivo d’italia,son sicuro che non ci si allena la migliore squadra d’italia.
    comunque sia han fatto bene.
    quando venderanno la societa’ faranno una bella plusvalenza

  • 12 Settembre 2013 in 18:48
    Permalink

    Plus-Valenza… col cal vreva comprer al Perma???

  • 13 Settembre 2013 in 12:30
    Permalink

    eh lo sapevo……povret anca lu

  • 13 Settembre 2013 in 12:33
    Permalink

    bel centro sportivo

I commenti sono chiusi.