PER DONADONI E’ EQUA LA SQUALIFICA DI AMAURI (“CI SONO REGOLE DA RISPETTARE”) E PER SOSTITURLO A FIRENZE PENSEREBBE A PALLADINO

image(gmajo) – Che brutti i condizionali. Specie nei titoli. D’altronde, però, se Roberto Donadoni non dà certezze – con l’evidente scopo di non favorire l’avversario, come aveva fatto prima della gara di Catania allorché volutamente tacque della possibile indisponibilità di Gargano mica possiamo darle noi, che siamo soltanto una via di mezzo tra lui e i tifosi, alias voi, cari lettori. Fin che ci siamo, giacché la nuova frontiera della modernità spinge sempre di più a una forma diretta di comunicazione del club – che è cosa ben diversa rispetto all’informazione, benché da un qualche interstizio interno ci sia chi imagebenedice le innovazioni (tipo le  twittate dai calciatori eseguite dalla stessa cattedra dietro la quale si siede Donadoni) riempiendosi la bocca con espressioni come partecipazione e condivisione – che manderanno in pensione o all’ospizio i cronisti vecchio stampo… Uno dei giornalisti oggi presenti a “Collecchiello”, Antonio Boellis di sportparma.com e corrispondente di Tuttosport, ha provato a mettere sulla bilancia del mister i due turni di squalifica comminati ad Amauri, dopo la lesa maestà a Gervasoni, di cui, prima del plateale rosso si erta accorto solo lui, e i tre erogati a Balotelli “dopo tutto quel gran casino che ha fatto”. Donadoni, nemico della polemica e amante del Mulino Bianco (nonostante il padrone del imagemulino originale, Guido Barilla, nella polemica si sia fatto trascinare da quel provocatore patentato di Cruciani), ha però glissato sulla punizione a Super Mario, sulla quale possono sbizzarrirsi tutti gli altri, sancendo però l’equità di quella inflitta all’italo-brasilero, così impara a rispettare le regole che se ci sono vanno rispettate. Dall’Istituto Luce abbiamo appreso come nel Mulino non fosse stato gradito il titolo, in effetti un po’ hard, del CorSport-Stadio “Tutto il Parma contro Amauri” di qualche giorno fa; in effetti, però la difesa dell’indifendibile  è arrivata solo dall’esterno, tipo noi di imagestadiotardini.it,; dall’interno è tutta una condanna alla sua ingenuità – diciamo che “Ama” è stato come Barilla con Cruciani, nei panni del provocatore Gervasoni, il quale, secondo me, scusatemi la dietrologia, mercoledì sera era stato inviato come conseguenza all’innalzamento della tensione della questione arbitrale – al suo aver messo in difficoltà la squadra etc. etc. Mi è sembrato un po’ abbandonato a imagese stesso, Amauri, quasi scaricato, come il povero Morrone con Romeo qualche anno fa: combinazione il fattaccio, allora, avvenne al Franchi di Firenze in un Fiorentina-Parma, allorché fu l’arbitro a permettersi le offese e a essere punito il “capitano di merda”,  non appoggiato, ma anzi sacrificato, per la ragion di stato, ché non ci si poteva più permettere di subire altri rigori contro… Adesso questo Parma buonino buonino, dopo aver abbaiato dopo Udine e cinguettato dopo Roma, cerca di tornare nei ranghi che si sa mai che un domani venga riesumato un Farina qualsiasi per dirigere un prossimo incontro… DSC02270Comunque sia Amauri ha messo in difficoltà anche Donadoni, costretto ad inventarsi qualcosa in attacco per le prossime due giornate. Per la prima, la mia impressione è che il tecnico voglia affidarsi a Palladino, menzionato per ben due volte durante il question time, a differenza di Sansone (peraltro, però, il primo ad esser pronunciato) e Okaka, che, tuttavia sembrerebbe non esser la prima opzione se si presta fede alle parole dell’allenatore, secondo cui “non è detto che il sostituto debba DSC02268avere caratteristiche analoghe all’assente”. L’unica domanda che abbiamo posto noi di  stadiotardini.it riguardava il turn over, e cioè se dopo le cinque novità rispetto a Catania viste con l’Atalanta ci sarà da attendersi una turnazione massiccia anche nel terzo incontro ravvicinato del trittico, ma la risposta è stata interlocutoria, giacché si riserverà di deciderlo dopo l’allenamento odierno e quello di domattina. Si sa mai che Montella potesse trarre dei vantaggi… Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DONADONI RIFIUTA IL CALICE DEI VELENI TELEVISIVI E MOTIVA L’ASSENZA DI GARGANO E LA SOSTITUZIONE DI CASSANO – La chiosa di Gabriele Majo e il video

L’OPINIONE DI MAJO DOPO PARMA-ATALANTA 4-3 / PERCHE’ DIFENDO L’INDIFENDIBILE AMAURI, VITTIMA DI GERVASONI. L’IMMEDIATO RISCATTO DI CASSANO ALLA BASE DEL PRIMO SUCCESSO CROCIATO

CARTELLINO GIALLOBLU’ di Matteo Agoletti / “VISTO COME STAVANO ANDANDO LE COSE TRA GERVASONI E AMAURI, FOSSI STATO IN DONADONI AVREI TOLTO L’ATTACCANTE PRESERVANDOLO DAL ROSSO…”

MORRONE, 15.000 EURO DI MULTA PER IL “CAPITANO DI MERDA”

MORRONE DEFERITO PERCHE’ OFFESO DA ROMEO !

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

4 pensieri riguardo “PER DONADONI E’ EQUA LA SQUALIFICA DI AMAURI (“CI SONO REGOLE DA RISPETTARE”) E PER SOSTITURLO A FIRENZE PENSEREBBE A PALLADINO

  • 29 Settembre 2013 in 16:31
    Permalink

    @ Majo
    Sansone a Firenze cosa farà? Panchina, tribuna, posteggio?
    Spero questa mia domanda non turbi la serenità del Mulino Bianco.

    • 29 Settembre 2013 in 16:32
      Permalink

      Per me va in panchina. Però questa è una mia sensazione. Non una notizia.

      Ciao

      Gmajo

      • 29 Settembre 2013 in 16:55
        Permalink

        in luglio tutti in piazza xchè volevano darlo via, adesso tutti muti ke nn gioca più. così qnd lo daranno via nn diremo più niente? E’ la dieta del Mulino Bianco?

        Cambiando argomento, secondo me il documentario sul Parma sarebbe una buona idea, magari lei potrebbe tirarci fuori qlc di nuovo/diverso/originale, per non renderlo la solita cassetta/dvd cm le altre volte. io cmq lo immaginavo come qualcosa da vedere al cinema, o almeno insieme. non a casa.

        Anche l’idea dello strip tipo Ferelli a Roma secondo me è valida. O anche tipo miss Centenario con sfilata. Se lei vuole estromettere le mamme ok 🙂 speriamo poi però non ci sia da fare delle rettifiche come in altri casi di attualità 😉

  • 30 Settembre 2013 in 15:19
    Permalink

    Se si dovesse scegliere sulla base degli spezzoni giocati, rispettivamente, contro Catania, Roma e Atalanta, tra Okaka, Palladino e Sansone forse varrebbe la pena iniziare con Palladino.
    Poi c’è sempre l’ipotesi di avanzare Biabiany: intrigante ma con il rischio faticare a uscire dalla nostra metacampo.
    Speriamo che il mister scelga bene, non mi pare che la crociata pro Sansone lo stia influenzando molto..

I commenti sono chiusi.