RADIO RAI CHIEDE A DONADONI DELLA SOSTITUZIONE DI CASSANO CON PALLADINO E LUI: “SE VOLETE VI PARLO DEI CAMBI OBI-PAROLO E ROSI-BIABIANY… CHI E’ FUORI E’ GIUSTO CHE ENTRI”

image(gmajo) – Quello tra Catania e Parma è stato l’unico 0-0 pomeridiano della quarta giornata di serie A. Il radiocronista di Radio Rai Niki Pandolfini (foto a lato) ha dovuto pressare i colleghi dello studio centrale per farsi dare la linea (Filippo Grassia, dallo studio centrale, non la piantava più di chiacchierare con Montella, la cui Fiorentina ha battuto a domicilio per 2-0 l’Atalanta, che mercoledì sarà di scena al Tardini) in quanto, poi, Donadoni – come ha spiegato – doveva scappare per prendere l’aereo.

Su un campo così infelice il bel gioco non si sarebbe potuto vedere comunque: però di fronte c’erano due squadre che, magari non essendo così abituate a stare lì sotto in classifica, sembravano avere un po’ paura. O no?

“Beh, è chiaro che un po’ di tensione può giocare, a volte, scherzi antipatici, però credo che il Parma, oggi, abbia fatto una buona gara, una buona prestazione, su un campo non semplice per il diluvio che c’è stato prima della gara, quindi, era estremamente pesante, ma i ragazzi hanno sempre tenuto il terreno di gioco, cercando di fare la partita, hanno anche creato delle occasioni importanti, che non siamo riusciti per un pizzico a concretizzare. Direi che di grossi pericoli non ne abbiamo mai corsi, se non in situazioni di palle inattiva, tipo i calci d’angoli, dove loro hanno una rosa che può essere pericolosa. Però sono contento per tutti quanti: credo che lo spirito di gruppo, oggi, sia stato estremamente positivo, e questo deve essere il là che ci fa adesso ripartire già da mercoledì”.

La sostituzione di Cassano con Palladino?

“Beh, se volete parlo di quella di Parolo con Obi o di quella di Leo (Aleandro Rosi, nda) con Biabiany… Si cambiano i giocatori: fanno il proprio dovere, si impegnano, consumano e spendono, poi, è giusto anche che chi sta fuori abbia spazio…”

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

MEGLIO IL PARMA SENZA CASSANO. FANTANTONIO, E’ GIA’ UNA BOCCIATURA?

CATANIA E PARMA NON TIRANO IN PORTA, MA MUOVONO LA CLASSIFICA… (0-0)

“UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI CATANIA-PARMA

COLAZIONE A CATANIA PER I DANE’…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “RADIO RAI CHIEDE A DONADONI DELLA SOSTITUZIONE DI CASSANO CON PALLADINO E LUI: “SE VOLETE VI PARLO DEI CAMBI OBI-PAROLO E ROSI-BIABIANY… CHI E’ FUORI E’ GIUSTO CHE ENTRI”

  • 22 Settembre 2013 in 18:03
    Permalink

    probabilmente non se ne e’ accorto nemmeno lui,capita

  • 22 Settembre 2013 in 19:05
    Permalink

    La tattica di Donadoni: non rispondere a domande difficili.

  • 22 Settembre 2013 in 20:19
    Permalink

    Che partidasa !!! Erano anni che non vedevo uno squallore del genere !!! Neanche al Federale al sabato pomeriggio di qualche anno fa !!!
    Luca

  • 23 Settembre 2013 in 13:42
    Permalink

    si sta scavando la fossa da solo donadoni……in un certo senso sembra di sentire marino quando diceva che facevamo un buon fraseggio…..e poi si perdeva però 3 a 0 in casa e si tirava in porta una volta in 90 minuti…………si è trovato cassano in casa senza averlo chiesto esplicitamente….la cosa secondo me gli stà creando parecchi problemi alle sue convinzioni tattichec he lui in base al suo credo non vuole apportare…..lo ha capito ma non sà come porre rimedio …cassano è l investimento principe del mercato del parma….e forse il cambio di ieri ha come motivo quello di pungolare il barese e mandare un messaggio alla dirigenza…tipo “chi non si sbatte ..fuori”…ma poi entra palladino e non sansone ….e lo sbaglio persiste…MISTERO!!i .la sua colpa è questa troppo convinto del suo modulo retaggio del suo passato da “sacchiano”..finirà per pagarla in prima persona

  • 23 Settembre 2013 in 13:43
    Permalink

    NON VUOLE APPORTARE MODIFICHE AL MODULO ….NONLO AVEVO SCRITTO
    SORRY

I commenti sono chiusi.