UN UOMO IN DUE MAGLIE / DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA

(Luca Savarese) – Oggi gioca nelle Grumellese, in Eccellenza Lombarda, squadra di Grumello al Monte, paesino della bergamasca di 7.244 anime, oggi ha 36 anni. Oggi lui è quello che è stato ieri, un giocatore di calcio:stiamo parlando di Damiano Zenoni, nato a Trescore Balneario il 23 aprile del 1977. Non è nato da solo, infatti, ma sin da subito ha provato la difesa a due, si perché con lui è nato anche Cristian Zenoni, suo fratello gemello. Due bei prospetti per la fertile palestra di giovani che è l’Atalanta, e così mangia il duro pane della gavetta con la maglia della Pistoiese e dell’Alzano Virescit, tappe fondamentali prima di tornare alla case madre atalantina, che lo fa titolare del suo condominio. Dopo la cadetteria ad ottobre 2000 in un Atalanta-Lazio esordisce in A: il ragazzo non è male, ha corsa, ZENONI ATALANTA PARMA SLIDEterzino buono e tornante degno. A Bergamo ci resta fino al 2005, per una  somma  di partite notevole, 209, condite da 9 centri. Damiano lascia la Dea per accasarsi all’Udinese. Due anni e poi arriva il Ducato a prelevarlo. Dopo Emanuele Filippini, ecco Damiano Zenoni, per la serie un gemello in gialloblù. Non è un Parma troppo felix quello che accoglie Damiano. Il primo anno finisce con tutta la masnada giù in B, dov’è pianto e stridore di denti. Damiano però rimane, per provare subito a tornare: e ci riesce, grazie anche a due suoi gol. Come al Martelli di Mantova dove si cerca di svoltare dopo un brutto inizio e lui la mette nella rete virgiliana, dando il là ad una grande rimonta con Francesco Guidolin al timone dopo l’incerta iniziale navigazione di Cagni. Come al San Nicola di Bari,dove crea una cosa ibrida tra un tiro ed un cross, che non si capisce tanto che forma abbia, ma che si capisce bene il contenuto: il gol che avvicina ancor di più gli ultimi pezzi per completare il puzzle del grande ed immediato nostos in A, che anche Zenoni vive. Parma, la sua ultima vera magione prima di giochicchiare con il Piacenza e con la Grumellese per dare ancora quattro calci ad un pallone, un attrezzo dal quale Damiano non riesce proprio a rimanere lontano. L’Eccellenza non è l’A ne la B, ma Damiano è sempre lui.  A Grumello al Monte come a Bergamo o Parma. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.