VI SVELIAMO IL PERCHE’ DELL’ASSENZA DEL TOP PLAYER ANDREA SCHIANCHI DURANTE LA SECONDA PUNTATA DI BAR SPORT. E INTANTO HA DEBUTTATO IL BARZELLETTIERE CANTONI, L’ANTI-BONI…

andrea schianchi(gmajo) – Dopo che Tv Parma ha preso il Cassano degli opinionisti, strappandolo assai a fatica alla concorrenza, non vederlo in campo già alla seconda puntata di Bar Sport, ha destato qualche preoccupazione ai telespettatori che si sono interrogati – e qualcuno ci ha pure interrogato – sul perché della gravissima assenza. No, non era infortunato Andrea Schianchi. E neanche è stato chiara montanari e giuseppe milanoescluso per scelta tecnica – anche se nella sua nuova ricca squadra, che vanta una pletora di pari ruolo, tutti molto affiatati tra loro, dovrà probabilmente qualche volta cedere il passo al… Sansone di turno. Diciamo che lunedì sera Schianchi non ha potuto rispondere presente a causa di una convocazione. No, non in nazionale – quello potrebbe avvenire solo se al posto di Prandelli ci fosse il suo amico Carletto (al secolo Ancelotti) – bensì imagequella del suo direttore, quello della Gazzetta dello Sport, Andrea Monti, che per la serata di chiusura di mercato ha voluto tutti i giornalisti della redazione calcio in servizio. In compenso il parterre è stato arricchito nientepopodimeno che dall’abbronzatissimo direttore plenipotenziario di Via Mantova (quello di Collecchio sarebbe poi intervenuto telefonicamente) Giuliano Molossi (che però Milano lo ha presentato solo come imagedirettore della Gazzetta di Parma, pur essendo pure il suo direttore a Tv Parma), poi c’è stato il ritorno dell’altrettanto, se non di più, quasi colored Guido Schittone. Ospite d’onore il vice presidente delle Zebre, nonché consigliere del CdA del Parma FC Arturo Balestrieri; seconda presenza consecutiva, invece, sia per Sandrone Piovani, che per  Carlo Chiesa e per la “valletta” Chiara Montanari, sostituta, per l’ultima volta di chiara andreoli bar sportMonica Bertini (poi Sportitalia, che detiene il suo cartellino, la concederà in prestito al lunedì), e a proposito di Chiare, sprizzava gioia da ogni poro anche l’altra Chiara, la bionda Andreoli. Ha fatto quindi il suo debutto – e noi di stadiotardini.it ve lo avevamo preannunciato in anteprima – il barzellettiere Giampaolo Cantoni, detto anche l’anti-Boni (giacché pare sia stato scritturato per la parte spettacolare della trasmissione, un po’ come il Saltimbanco a Teleducato). Cantoni ha barzellettiereiniziato la sua performance parlando di un satellite, ma anche lui è andato un po’ via satellite (nel senso che era in ritardo di una settimana) avendo dedicato il primo sketch alla arrabbiatura del presidente Ghirardi, da lui parmigianizzato in Gherardi, a proposito della sostituzione di FantAntonio. L’umore del pres era ovviamente nero anche dopo l’Udinese, diremmo anzi di imagepiù, ma per via del risultato finale e non per quel cambio, ormai passato in giudicato. Poi, scimmiottando un evergreen, ha intonato una canzone proprio a Cassano. Successivamente ha celiato sia con Molossi che con Milano sul fatto di quello che poteva dire o non dire in trasmissione (in via Mantova ci tengono al bon ton) e svelato di essere stato in vacanza assieme a Piovani. Dove? In un centro Mességué. “Abbiamo magné anca lù…”.

PER VEDERE L’ULTIMA PUNTATA DI BAR SPORT CLICCA QUI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.