CONSIGLIO COMUNALE, IL CONSIGLIERE VESCOVI: “LA FOTO DEI DISABILI CON L’OMBRELLO AL TARDINI NON E’ SPETTACOLO DA SQUADRA DI SERIE A”. MARANI: “SOPRALLUOGO DOMATTINA”

(gmajo) – La campagna di sensibilizzazione di stadiotardini.it “Un tetto per i disabili del Tardini” è approdata oggi pomeriggio sui banchi del consiglio comunale di Parma, grazie alla comunicazione urgente presentata dal consigliere di minoranza (PD) Maurizio Vescovi, che ha ripercorso l’iter della vicenda del trasferimento del settore riservato ai diversamente abili dal coperto della piccionaia della Tribuna Centrale Ovest, all’attuale sistemazione in sicurezza, certo, ma allo scoperto. In risposta l’assessore allo sport Giovanni Marani ha riferito di un sopralluogo in agenda già domattina…

A seguire la trascrizione della parte finale dell’intervento di Maurizio Vescovi e la risposta dell’Assessore Marani

COMUNICAZIONE URGENTE DI MAURIZIO VESCOVI (PD)

“…Come è capitato chiaramente nell’ultima partita interna Parma-Sassuolo, soprattutto quando piove di stravento, i ragazzi, i tifosi disabili, lasciati alle intemperie, si bagnano. L’ex responsabile della concessionaria marketing e commerciale del Parma Football Club di qualche tempo fa, G SPORT, aveva promesso: ‘alla tettoia ci pensa poi G SPORT’. In realtà G SPORT aveva curato l’allestimento dei salottini e anche degli Sky Box nella Tribuna Centrale Petitot per la così detta Upper Class. Di questa vicenda si è interessato soprattutto il giornale on line StadioTardini.it e il suo direttore Gabriele Majo.

Allora: di fronte a questa situazione io credo che valga la pena porre rimedio in tempi molto rapidi, con un’opera non tanto onerosa come una tettoia. Ma pensare che si sia fatta un’upper class coi salottini, e poi vedere la foto dei ragazzi disabili con gli ombrelli che si bagnano durante la partita, vi assicuro che non è spettacolo da squadra di serie A. Non è spettacolo da serie A.

E io credo che valga la pena porre rimedio proprio rapidamente, anche se qualcuno ha detto che non farà più provvedimenti tampone, però, qui bisogna intervenire al più presto. La figlia dell’ala crociata, che io ricordo, Vitali, alla Gazzetta di Parma, dice: qui, attenzione, capisco che non sia la cosa più importante, ma si gioca una partita di civiltà! Allora, io mi ricordo quando ai tempi della Parmense, negli anni ’70, e la chiudo, andavo allo stadio e quando c’era la pioggia ero un tifoso e mi bagnavo, ma si bagnavano tutti. Adesso vedere questa situazione che permane e ci sono risposte così evasive, mi viene in mente che il Comune di Parma è il proprietario dell’impianto e che il Parma FC ce l’ha in gestione su concessione comunale. E allora è venuto il momento di stringere i tempi su questa cosa”.

LA TRASCRIZIONE DELLA RISPOSTA DELL’ASSESSORE ALLO SPORT GIOVANNI MARANI

“Buonasera a tutti, buonasera consiglieri. Ringrazio il consigliere Vescovi per la segnalazione, in effetti è un tema che è stato sottoposto all’attenzione di questa amministrazione dal giornalista Gabriele Majo, in occasione di una intervista nel mio ufficio pochi mesi fa.

Da quel momento è partita una fase di verifica, che è stata quella, innanzitutto, di chiarire alcuni punti, ad esempio quello che non esisteva una progettualità su questo tema. Dire: la tettoia si farebbe con poco, però non c’era uno straccio di un qualcosa di scritto, nemmeno una progettualità, e quindi anche l’immediata eseguibilità di un’opera nemmeno progettata diventata difficile, come avevo detto anche a lui in quella occasione.

Da quel momento in poi è partita una serie di incontri che hanno portato al sopralluogo che verrà effettuato domani mattina, per mettere in calendario la realizzazione della tettoia.

Il fatto di parlare di non fare delle opere tampone non vuole dire che ci dobbiamo aspettare chissà quale opera fantasmagorica: il problema è, per esempio, che per fare una tettoia in quell’area dello stadio, per come sono adesso, provocherebbe dei problemi di visibilità. Quindi è opportuno identificare un luogo, che sia appropriato, che sia accessibile, e che dia la soddisfazione di godere la partita ai nostri concittadini, di godere della sicurezza, potendo evacuare lo stadio nel momento in cui ce ne fosse bisogno, e di poter ospitare anche la tettoia senza che questa vada a danneggiare la visibilità di quanti, allo stesso modo, sono lì per vedere la partita.

Quindi la volontà è sicuramente quella di voler realizzare la tettoia: siamo di fronte a una volontà forte, che spero porterà alla realizzazione in tempi brevi. Viviamo, comunque, in un modo imperfetto, questo lo dico con tristezza, perché per riuscire a mettere in piedi due torri faro ci abbiamo messo nove mesi, quindi cercherò di fare di tutto, l’amministrazione si impegna, affinché ci siano i tempi celeri per riuscire a portare avanti questa opera.

Se la forma è quella provvisoria va bene, poi durante i sei mesi di tempo, magari si metteranno a posto gli atti per qualcosa di permanente: l’importante è che l’opera venga fatta e che venga fatta cum grano salis e non semplicemente per inseguire una esigenza che c’è, ma magari siccome adesso è stata esplicitata a mezzo stampa, allora si pensa sia più urgente. Era urgente già prima, lo è diventata di più adesso, e con la stessa serenità di due mesi fa, quando avevo fatto l’intervista, rispondo ora che la facciamo. La faremo assieme al Parma Calcio, nel minor tempo possibile”.

REPLICA DEL CONSIGLIERE VESCOVI

“Solo una battuta molto rapida, solo per dire che come si sono fatti i salottini e gli Sky Box in tempi rapidissimi, credo che una tettoia riusciremo a vederla per la prossima di campionato, eh?”

(Comune di Parma, consiglio comunale del 08.10.2013 – Video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.it)

LA TRACCIA DELLA COMUNICAZIONE PRONUNZIATA DA MAURIZIO VESCOVI

Qualche tempo fa i tifosi diversamente abili erano ospitati-allo Stadio- nella cosiddetta”piccionaia”,in alto nella Tribuna Centrale Petitot ed erano al coperto.Il problema era che dovevano salire su un montacarichi monoposto per raggiungere – ciascuno e tutti – la propria postazione per assistere alla partita. In caso di evacuazione dello Stadio non sarebbero stati in grado di allontanarsi celermente dal proprio posto e di lasciare lo Stadio in sicurezza. Comprensibile perciò l’idea di trasferimento in luogo più agevole. I Disabili sono -così- stati trasferiti sotto i Distinti nella Tribuna centrale Est dove sono esposti alle intemperie. Ovviamente peggio è se piove di ”stravento” (come nel caso di Parma-Sassuolo). Sappiamo che l’ex responsabile della concessionaria marketing e commerciale del Parma F.C.”G Sport” aveva promesso ”Alla tettoia ci pensa G Sport”. Della questione si è interessato a più riprese-con grande impegno-il giornale on-line stadiotardini.it con il suo Direttore Gabriele Majo. Val la pena di ricordare che G Sport aveva curato gli allestimenti dei salottini e degli Sky box nella Tribuna Centrale Petitot per la ”upper class”.

Riteniamo – dunque – che un’opera semplice e non eccessivamente onerosa come una tettoia possa essere realizzata in tempi brevi. Vedete, in epoca ormai lontana mi sono bagnato anch’io molte volte allo Stadio,faceva parte del tifo! Ma ci si bagnava tutti! Adesso vedere da una parte la ”upper class” e dall’altra i ragazzi disabili che si bagnano per tutta la partita non è spettacolo da Serie A.Hanno ragione Fabio Giarelli – che ha sollevato la questione – e Simona Vitali – figlia dell’indimenticata Ala crociata che ci giochiamo anche la partita della civiltà!

Non va sottaciuto – poi – particolari di non poco conto – che il Parma F.C. è proprietario dell’impianto e che la Società Parma F.C. ce l’ha in gestione su concessione comunale.

Maurizio Vescovi

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA FOTOGALLERY DI PARMA.REPUBBLICA.IT: “TARDINI, CONTINUA A PIOVERE SUI DISABILI”

DISABILI, ACCORATA LETTERA SULLA GAZZETTA DI PARMA DI SIMONA VITALI, FIGLIA DELL’EX ALA CROCIATA LUCIANO: “PARMA E COMUNE, AVETE IL DOVERE DI GIOCARE LA PARTITA DELLA CIVILTA’”

CALCIO & CALCIO / MAJO: “SE GIARELLI E’ L’UNICO TIFOSO IN CARROZZINA CHE HA ESPOSTO PUBBLICAMENTE IL PROBLEMA, CIO’ NON SIGNIFICA CHE PIOVA SOLO ADDOSSO A LUI”

SIMONA VITALI TRA IL 97° ED IL NATALE

LETTERA DI MAJO PUBBLICATA DALLA GAZZETTA DI PARMA: “PROTEGGERE I DISABILI ALLO STADIO E’ UN DOVERE CIVICO CUI PARMA FC E COMUNE NON POSSONO PIU’ SOTTRARSI”

MODENA QUI: “IL PARMA DEDICA LA GARA AI DISABILI DELLA TANZANIA. INTANTO I SUOI…”

FERRAGUTI A “CITTA’ SERA” RILANCIA “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”, MA IL SINDACO E’ FUMOSO: “STIAMO DIALOGANDO COL PARMA CALCIO PER MIGLIORARE IL SISTEMA STADIO NEL COMPLESSO”

IL TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI NON PUO’ ASPETTARE LA RIQUALIFICAZIONE DELL’ENNIO – editoriale di Gabriele Majo, direttore di stadiotardini.it

LA TETTOIA PER I DISABILI DEL TARDINI NON E’ UN “RATTOPPO” E VA FATTA IL PRIMA POSSIBILE

CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO E LA TETTOIA PER I DISABILI DEL TARDINI: “NON E’ UN RATTOPPO, MA UNA PRIORITA’”

PARMA-SASSUOLO DEDICATA ALLA TRAVERSATA IN HANDBIKE DELLA TANZANIA DI NORBERTO DE ANGELIS. Il video della conferenza stampa di presentazione

GHIRARDI PROMETTE LA TETTOIA DEI DISABILI, SVELA CHE BARILLA FORNISCE LA PASTA AL PARMA E SPIEGA LA FILOSOFIA DEL MERCATO MINORE DA RECORD

INAUGURAZIONE PARMA BRAND / GHIRARDI: “ABBIAMO INIZIATO A METTERE MANO ALLE STRUTTURE DEL TARDINI. IL RESTO DELLA RIQUALIFICAZIONE DIPENDE DA UN MIX DI SITUAZIONI”

L’APERITIVO CROCIATO NELLA PALAZZINA MARIA LUIGIA PER LA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA LINEA ABBIGLIAMENTO CASUAL GRIFFATA PARMA FC E IL ROMPETE LE RIGHE–Video e fotogallery amatoriale

E ANCHE IERI I DISABILI SENZA TETTO AL TARDINI HANNO DOVUTO ZUFOLARE SOTTO LA PIOGGIA. Nuova video testimonianza del tifoso in carrozzina Fabio Giarelli

PIZZAROTTI RIVORREBBE IL PARMA IN CITTADELLA. E A ME PIACEREBBE CHE IL SINDACO PENSASSE ANCHE AL MUSEO DEL TARDINI E ALLA COPERTURA DEL SETTORE DISABILI

GRANDI PULIZIE DI FERRAGOSTO AL TARDINI

DEGRADO TARDINI / REPORTAGE FOTOGRAFICO DAL “SECONDO STADIO PIU’ BELLO D’ITALIA”

E SE GIORNALISTI E DISABILI VENISSERO DELOCALIZZATI NEL “SETTORE BORTOLON” DEL TARDINI?

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / CASSANO: “FAREI VOLENTIERI QUALCOSA, MA NON E’ IL MIO CAMPO…” – Il video della prima parte della conferenza stampa

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI / MAJO: “LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE NON PUO’ ESSERE SOLO NOSTRA: GRAZIE A CHI CI HA RIPRESO, MA ALL’APPELLO MANCA QUALCUNO…”

UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI /MARANI: “PRIMA DI TUTTO SERVE UN PROGETTO. L’OPERA SIA FINANZIATA DAGLI STESSI CALCIATORI”. L’ASSESSORE PARLA ANCHE DELLA COPERTURA DELLA NORD…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

“UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI” – L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI A “CALCIO & CALCIO ESTATE” RIPRESO DAL TG DI TELEDUCATO (video)

MAJO, AL TG DI TELEDUCATO, RILANCIA: “UN TETTO PER I DISABILI DEL TARDINI”. L’APPELLO DEL TIFOSO IN CARROZZINA FABIO GIARELLI STASERA ANCHE A CALCIO & CALCIO

L’APPELLO DI FABIO GIARELLI AL SINDACO, A GHIRARDI E A CASSANO: “PER IL CENTENARIO PROTEGGETE I DISABILI DEL TARDINI DALLE INTEMPERIE”

FABIO E L’UPPER CLASS AL TARDINI PER I DISABILI

DISABILI, ALLA TETTOIA CI PENSA G SPORT

DISABILI, LA TETTOIA SI FARA’ ANCHE SENZA I G LUX. E I SEGGIOLINI NON ERANO FINITI A LEVICO…

GIOVANNI PAOLO BENEDICE L’IDEA “G HANDICAP”

ANTONINI E I DISABILI AL TARDINI: “INTEGRAZIONE, NON SOLO COPERTURA”

CALCIO & DISABILI: LA LEZIONE DI CIVILTA’ DEL SIENA. SPERIAMO CHE IL PARMA TROVI UNA SOLUZIONE PER LA PIOGGIA SULLE CARROZZINE ALMENO NELL’ANNO DEL CENTENARIO…

MARCO FEDERICI NEL RICORDO DELL’AMICO DI INFANZIA FABIO GIARELLI

IL TARDINI CHE CAMBIA / ADDIO CAMERA OSCURA, ARRIVA IL G GOLD

LEONARDI, LA PROMESSA: “AL TARDINI, PER SEMPRE, INDISCUTIBILMENTE”

NATALE GIALLOBLU’ / IL ‘CONDUCATOR’ LEONARDI STRAVINCE ALL’APPLAUSOMETRO DELLA “NOSTRA GENTE”, MA SUL SOLENNE IMPEGNO CHE AVEVA PRESO DI COPRIRE LE CURVE DEL TARDINI MI E’ PARSO INDIETREGGIARE…

COPERTURA CURVE DEL TARDINI, LA PUNTUALIZZAZIONE DI LEONARDI: “E’ UNA QUESTIONE DI BUROCRAZIA, NON DI SOLDI…”

TARDINI COPERTO O RIFATTO PER IL CENTENARIO? NON E’ UNA MISSION IMPOSSIBLE…

VALENTINI (STS) E’ IL NUOVO AD DEL PADOVA: “AMICI SI’, MA NON SATELLITI DEL PARMA. LA RISTRUTTURAZIONE DEL TARDINI E’ POSSIBILE ANCHE SENZA LA LEGGE SUGLI STADI”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “CONSIGLIO COMUNALE, IL CONSIGLIERE VESCOVI: “LA FOTO DEI DISABILI CON L’OMBRELLO AL TARDINI NON E’ SPETTACOLO DA SQUADRA DI SERIE A”. MARANI: “SOPRALLUOGO DOMATTINA”

  • 8 Ottobre 2013 in 18:18
    Permalink

    Si, sopralluogo domani e lavori finiti per l’inaugurazione della nuova stazione

    • 8 Ottobre 2013 in 18:24
      Permalink

      Beh, a me non piace cullarmi sugli allori, ma che la cosa sia approda in consiglio comunale, e che domani facciano il sopralluogo, lo ritengo un deciso passo avanti rispetto all’insopportabile inoperosità di prima.

      E proprio perché non mi cullo sugli allori (due anni fa ebbi fiducia nella promessa di Martino Ferrari “alla tettoia ci pensa G Sport” e due anni dopo siamo da capo…) che non mi accontenterò delle buone intenzioni, di cui, come noto, sono lastricate le vie dell’inferno, ma proseguirò, imperterrito, con la campagna di sensibilizzazione. Fin quando il mio amico Giarelli, che come è noto è in combutta con me che sono un nemico del Parma e che faccio questa campagna solo per mettere in cattiva luce la società e farmi bello io, troverà riparo dalle intemperie. E con lui anche gli altri 70-80 che settimanalmente vengono accreditati, ma che nella fantasia di qualcuno con il Sassuolo non si sarebbero bagnati, giacché l’unico che rompe è il povero Giarelli…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 8 Ottobre 2013 in 21:34
    Permalink

    La risposta di Marani è sconcertante. La soluzione immediata è li davanti (gli Sky box), quelli costruiti dal Parma (kn il permesso del Comune? sarebbe bello se il Comune chiarisse ste storie, ma è inutile sperarci), ma anche se il Tardini è comunale, evidentemente nn si può mica rompere le palle al Signore ke lo abita. Allora facciamo come Benigni e Troisi, nel film Non ci resta che piange, molliamo il Comune e parliamo direttamente come sudditi al Signore del Castello, implorandolo umilmente se può fare una buona azione, mettersi una mano sul cuore, e nel suo stadio, di sua proprietà, e concedere un posto al coperto agli invalidi. E se non vuole, grazie lo stesso e ci frusti pure se lo desidera. grazie!
    E bello anche vedere cm il tifo organizzato ha preso a cuore questa cosa…..SI BAU. Qui si pensa a far entrare la bandierina, lo striscione, ad aiutare il bambino dall’altra parte del mondo, mica gli sfigati invalidi nostrani. Per il Centenador prevedono bruttino, ancora gli invalidi all’acqua? Eh viviamo “in un modo imperfetto”, però kazzo a guardarlo da uno Skybox second mi al fa meno schifo.

I commenti sono chiusi.