martedì, Maggio 21, 2024
Carmina ParmaFotogallery AmatorialeNewsVideogallery Amatoriale

I CROCIATI (PER L’OCCASIONE ANCHE GIALLOBLU’) INCANTATI AL TARDINI PER NON PERDERSI LA PARATA DI STELLE, il diario di viaggio di Luca Savarese

IMG_5649(Luca Savarese) – Si parte alle 10, si sbaglia strada, e non si capisce come ci si ritrova sull’autostrada verso Genova. Il contingente milanese dei Crociati Incantati, tuttavia, non si lascia facilmente scoraggiare e allora con tre navigatori fa gruppo e subito trova la grinta per rimettersi in carreggiata. Hanno voglia, hanno vita. Luca ed Ale sono davanti, dietro il gentil sesso con Maria Teresa, compagna di Luca, Claudia partner di Ale e udite udite l’Incantevole che torna dopo IMG_5768lunghe pause a seguire le res parmensi. Si viaggia veloci, un pizzico di traffico e varie peripezie non tolgono alla combriccola il gusto dell’attesa: non stanno più nella pelle per vedere la pelle dei crociati e dei gialloblù. Noi Barbuti lo avevamo visto solo su youtube. Noi Brolin lo avevamo letto solo sui giornali. Ora, tra poche, ore li vedremo. La musica che pompa dalle casse di Patruno? Un misto dance-rap, con Fabri-Fibra e Derulo a farla da padroni. Poi ad un IMG_5767certo punta dalle casse del portatile di Luca spunta lAida, la sacra musica crociata. La si ascolta in assoluto raccoglimento. Si esce a Parma Ovest,  si vede l’indicazione per Collechio, ma oggi non è giornata di allenamento, ma di partita. E così la strada che porta alla città ducale,sembra il percorso interiore che guardava l’Innominato quando in lui sentiva che una nuova vita stava nascendo. E un po’ di nascita c’è perché Maria Teresa per la prima volta farà il suo esordio per una partita all’Ennio, che aveva visto in passato solo da fuori, vedendo un solo scorcio di campo. Poi c’è Claudia, fidanzata di Ale, è le prima volta non solo che s’avventura al seguito della squadra, ma che mette piede a Parma. La troupe arriva così in via della Vittoria, dove IMG_5766parcheggia la car di Patruno e dove avvista un ristorante: Un posto al sole dice l’insegna. Dentro gagliardetti ed un paio di maglie del Parma. Il tempo di gustarsi dei buoni tortelli alle erbette e via, la partitissima incombe. Dritti verso il Tardini. Crociati o Gialloblù? Entrambe le tinte ovviamente, ma sempre Incantati. Luca sceglie di tifare i Gialloblù, Ale i Crociati. Intanto le ragazze, munite di sciarpe, prendono facilmente confidenza con l’ambiente ed i cori IMG_5665della curva; balliamo e cantiamo all’unisono. Anche loro, i Crociati-Gialloblù Incantati, sono un piccolissimo pezzetto di quel Tutto lo stadio che sale dalla Nord. Chi non salta è un reggiano è! è! Saltano Luca e Ale, ma anche Maria Teresa, Chiara e Claudia saltano. Si alza un solo grande calice, per brindare alle emozioni parmensi. Si vedono i giocatori che sfilano come cavalli di un unico pallio, non ci sono più le contrade singole, i solipsismi e gli orticelli di questo è un fenomeno, questo non gira, ma oggi, nel prato del Tardini, sembra esserci la figura retorica della sineddoche: una parte per il tutto. Una parte, un singolo giocatore per dire e mostrare una lunga storia. IMG_5658Sentiamo, prima di accomodarci alle 15 in punto ai nostri posti la voce del presentatore Carlo Chiesa che dice: "Il Parma, se siete qui, è un grande amore per voi! Voi date la vostra testimonianza essendo qui, e, come tutti i grandi amori che si rispettano ha vissuto momenti di felicità e momenti di sofferenza, ma è cresciuto e fa cent’anni". Quelle persone in campo, gialloblù e crociate sembrano la Goccia di Chopin: tante melodie particolari per una nota dominante. Quando esce Lorenzo Minotti seguito IMG_5659subito da Fernando Couto, Luca scoppia in lacrime e subito l‘Incantevole da una parte e la sua fidanzata dall’altra, se ne accorgono e sussurrano: questi erano i suoi idoli da bambino.  Anche se non si gioca per i tre punti, le gesta dei pedatori in campo creano pathos, perché, si gioca per il piacere fecondo di aver contribuito al tasso di gloria del cammino terreno del Parma. Quando Tino fa gol, se potessero volerebbero anche loro a prendergli le gambe e a rifargli fare un’altra capriola. A proposito, grazie Tino per essere venuto. Solo a vederti ci si imageè aperto il cuore. Luca e Ale, Asprilla lo avevano visto da piccoli qualche volta quando il Parma giocava a Milano e Tino fermava di  punizione, certi record milanisti… Al Tardini erano piccoli per vederlo, nessuno li portava  e poi i loro padri sono rispettivamente milanista ed interista. Negli sguardi dei Crociati Incantati ci sono tutti i punti esclamativi di questo big-day che già da poche ore è diventato IMG_5670racconto. Ora il mito è diventato logos, si serba, si vive, si sorseggia, si pensa e si decanta. Nel viaggio di ritorno, dopo un saluto breve ma intenso con il direttore e amico Majo, fuori dall’Ennio, la parte femminile del Comitato Crociato Incantato, una volta risaliti in macchina, se la dorme: si sa, le ragazze hanno bisogno di delicatezza, soprattutto dopo ore di cori e canti da curva. Allora in silenzio e sottovoce, Ale e Luca giocano ad un simpatico indovinello che già sperimentarono durante il viaggio di ritorno da un IMG_5661Parma-Milan di alcuni anni fa. Con la sillaba finale del nome di un giocatore si deve creare il nome di un altro giocatore: tipo Ronaldo-Donadoni-Ninis-Isco-Cozza-Zamorano…C’è un po’ di coda, le macchine sono una dietro l’altra, come le emozioni vissute nelle ultime ore che si sistemano ben bene nella mente, mentre fuori si fa buio. La giornata tutta crociata-gialloblù volge al termine. Dentro splende il sole, come oggi ad un certo punto sul Tardini… Luca Savarese  

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

“CARMINA ASPRILLA” / CARO TINO, FAI UNA CAPRIOLA E GIOCA LA PARTITA DEL CENTENARIO…

CARMINA CENTENARIO / TRA TANTE STELLE AL TARDINI, ALLA FINE ESCE IL SOLE (Crociati-Gialloblù 7-5) – Fotogallery amatoriale dalla Curva Nord

IL TROFEO DEL CENTENARIO, la cronaca di Orazio Vasta e la foto-video gallery amatoriale di stadiotardini.it

IL TROFEO DEL CENTENARIO, LE VIDEO INTERVISTE AI PROTAGONISTI E AI TIFOSI – Servizi di Orazio Vasta e Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “I CROCIATI (PER L’OCCASIONE ANCHE GIALLOBLU’) INCANTATI AL TARDINI PER NON PERDERSI LA PARATA DI STELLE, il diario di viaggio di Luca Savarese

  • Enzo Dallai

    Peccato che la l’Agenzia che aveva in cura l’organizzazione dell’Evento , oltre al bravo imitatore di mister Ranieri , non abbia registrato mini filmati con gli “scontati” auguri di Arrigo Sacchi , Cesare Prandelli , Carlo Ancellotti , e voglio aggiungere solamente ….Enrico Chiesa e Alberto Gilardino,GianLuigi Buffon visto che il maxischermo era in uso .(!!) 6 big , fra i tanti non presenti , dei quali sarebbero bastati dei mini-spot.
    Peccato per la mancanza del pubblico , che avrebbe dovuto essere in ben altri numeri.
    Peccato che al termine di “Parma Voladora”, mi sia sentito sazio di tante emozioni nelle precedenti 2 ore , e me ne sia andato anzitempo dallo Stadio forse piu’ tristemente coinvolto che felicemente soddisfatto . Il mio stupore e’ che il mio gesto e’ stato il gesto di molte altre persone nei diversi settori… , mah , nostalgia canaglia..
    Ho apprezzato il Direttore Leonardi quando si e’ augurato che i giocatori di oggi dovevano/dovranno ricevere una notevole carica dal confronto con il “recente” passato della Societa’ , aggiungo io , facendoli sentire piu’ responsabili della futura sorte della Squadra.
    Grazie ai miei vicini di posto occasionali: una famiglia di 3 persone giunti apposta dalla Svezia , e a 2 settantenni che non hanno lesinato commenti e retroscena ai giocatori degli albori., che mi hanno reso ancora maggiormente orgogioso di essere parmigiano e tifoso della squadra di calcio della mia citta’.
    p.s.: Zola a gennaio…..in attacco con Cassano non si puo’ proprio fare? Grazie Presidente , comunque.
    Enzo Dallai

  • Tra i big mancanti metterei anche Sensini !
    Già, mi sono chiesta anche io perché non abbiano almeno registrato dei video con gli illustri assenti, e pensare che forse alcuni avrebbero potuto mandare un saluto in diretta via skype.
    Nostalgia canaglia comunque.
    Grande anche la mia delusione per la curva semi deserta, dobbiamo aspettare di incontrare i gobbi per vedere ancora lo stadio pieno ?

    Febbredacalcio

  • Enzo Dallai

    Perche’ il giornalista Zagnoli ieri nel back-stage indossava quella improbabile maglia/pull di colore granata ?! Voto : 8 per il coraggio , 4 per lo “stile”. Con simpatia , e faccia tosta come la Sua Zagnoli, saluti Enzo Dallai

    • Salve, Enzo:

      dunque lei, ieri, si aggirava nel backstage? Poteva farsi vivo che scambiavamo due chiacchiere sul progetto “tettoia disabili”. Spero che abbia potuto farle, almeno, con il suo vecchio amico Stefano Perrone…

      Detto questo, mi ero perso la divisa granata di Wanny (io continuerò a chiamarlo così, anche se a lui non piace, ma pazienza. Anche il Plenipotenziario non godeva molto questo epiteto, anche se in tal modo sono spesso stati indicati famosi manager del calcio come Galliani, ad esempio), in quanto ieri lo avevo visto solo all’esterno dell’Ennio e mi pare indossasse un cappotto blu, ma mi ero perso il suo granata da reggiano…

      Comunque la media matematica di 8 + 4 fa 6, quindi lei lo assolve e gli dà la sufficienza…

      Cordialmente

      Gmajo

  • Enzo Dallai

    Gentile direttore , non appartenendo alla Upper Class , non ho visto Lo Zagnoli direttamente , ma e’ comparso in sottofondo in uno dei mini video di interviste ai calciatori….Per quanto riguarda lo scambio di opinioni con Stefano Perrone sul tema “diversamente abili allo stadio , si ma dove?come?” mi impegno a contattarlo i prossimi giorni . Mi conferma che al momento non esite una pianta/planimetria del progetto ?
    P.s. (1) : A proposito di Upper Class : Prima dell’incontro Parma – Sassuolo , io e altre persone che vediamo le partite “appiccicati” al vetro che divide la Nord dalla Tribuna abbiamo pranzato con tortelli d’erbetta debitamente conditi , salame in budello”gentile” con pane e una ottima crostata di frutta direttamente dai seggiolini dello Stadio .
    Buona diretta per dopo ,
    saluti,
    Enzo Dallai

  • Enzo Dallai

    E’ nell’intervista a Boghossian….che appare Lo Zagnoli , che forse in segno di sfida…oltre all’inproponibile pull granata , sotto porta pure una camicia a righe bianco nere. correggo il voto precedente , 10 per la sfacciataggine , 2 per il cattivo “gusto”. Perdincibacco Majo , la media (come piace a Lei ) fa sempre 6…..
    Enzo Dallai

I commenti sono chiusi.