IL “TIFO DA CONTRATTO” DEL MILANISTA-CROCIATO BERTELLI E IL “TIFO GENUINO” DI CARLO CHIESA DEL GOL DEFINITIVO DI CRESPO…

Caro Gabriele
in questi giorni di gazzarra e polveroni, dove si sono visti i più arditi esercizi di agrimensura per misurare la distanza tra punto dell’avvenuto fallo su Sansone e punto di battuta della punizione di Parolo, io ho preferito guardare e riguardare la punizione di Parolo che entra in rete. Un vero capolavoro balistico (per come fa rimbalzare la palla davanti al portiere) nonché un disastro della barriera che si apre come neanche in parrocchia. Grazie a Parma Channel (e alle condivisioni degli amici su Facebook) mi son potuto godere la prodezza con la telecronaca di matrice parmigiana. Quel “se segna Parolo divento matto” del telecronista Bertelli, sentito e risentito, mi ha però anche fatto sorgere qualche interrogativo che voglio condividere con te e, soprattutto, con i lettori del tuo sito: ma Bertelli non “nasce” milanista? Mi pareva di averlo letto in estate proprio dalle colonne di
stadiotardini.it. Ora, che il Bertelli (comunque un ottimo professionista, va detto) tifi Milan, Juve, Brescia, Catanzaro o Lumezzane non è il nocciolo della questione. Fa riflettere come Pellegatti abbia fatto proseliti negli anni: ogni squadra ha il suo telecronista, il Parma si è accodato. Però lasciamelo dire: in taluni casi mi sembra una forzatura, mi sembra un “tifo da contratto” (uso un’espressione forte, ma credo riassuma ciò su cui intendo confrontarmi). Allora credo che la telecronaca di parte (anche se non smaccata, come la preferisco) abbia più senso se fatta da un tifoso vero, come ad esempio poteva essere Carlo Chiesa, che commentò in modo del tutto verace e spontaneo il “gol definitivo” di Crespo alla Juve. Speriamo, se non altro, che il buon Bertelli debba esaltarsi sabato prossimo per altri gol alla Signora.
Saluti
Alberto Dallatana

Ciao Alberto, e grazie per l’interessante spunto di discussione. Personalmente, per indole e formazione, sono contrario alle radio-telecronache “da tifosi”, essendo cresciuto a pane, Martellini, Ciotti e Ameri. All’epoca delle cinque radiocronache diverse del Parma Calcio, prima che Michele Uva sancisse la fine dei pirati e codificasse che ogni club potesse avere una unica radio ufficiale (e ora siamo persino arrivati al punto che la radio ufficiale, a Parma, non solo paghi per avere i diritti di trasmissione, ma addirittura utilizzi come cronisti personale a libro paga del club), il radioservizio confezionato dal sottoscritto, con partner Gianni Barone (e diffuso a reti unificate da Radio Elle, Radio Emilia e Lattemiele) voleva distinguersi non per il tifo, ma al contrario per l’equidistanza, l’equilibrio, l’obiettività, la sportività oltre che per la competenza tecnica (di Barone) e per lo spirito giornalistico libero e indipendente (il mio) di un cronista di cronaca, prestato (e poi regalato…) al calcio, ma di tutt’altra formazione professionale.

Anni e anni dopo, anche se per forza di cose da anni ho dovuto appendere il microfono al chiodo, cerco di promulgare, in forma diversa, gli stessi valori attraverso questo quotidiano on line. Ai decibel che tanto vanno di moda (ma è una moda che non finisce mai?) ho sempre preferito il ritmo. E gli urlatori – come ho sempre detto anche al mio amico Claudio Raimondi, con il quale avevo condiviso l’esperienza nella redazione sportiva di Mediaset – non mi sono mai piaciuti. Uno bravo non ha bisogno di alzare la voce. E anche l’esaltazione del prodotto – tipico delle odierne telecronache – mi pare roba da piazzisti e non da professionisti dell’informazione.

Mi fa davvero piacere che un giovane collega come te, sostanzialmente, la pensi alla stregua di un veterano nostalgico come il sottoscritto. Ma io penso che al di là dei Crudeli e dei Corno (quest’ultimo, prima della trasformazione ad hoc per il piccolo schermo era un serio capo-redattore…) gli stessi Caressa & C. non abbiano fatto il bene del calcio, una volta sport amato e popolare, e ora strumento da salotto.

Carlo Chiesa sa – ma anche i lettori, giacché ogni volta che parlo di lui lo ricordo – che “da purista” anche la famosa radiocronaca del “gol definitivo” di Crespo alla Juve non gliela posso perdonare, anche se ammetto di emozionarmi ancora ascoltandola (… di nascosto, da me stesso…). Quella di Bertelli – mi perdonerà Luca, che con me è sempre stato squisito, sin da quando gli dedicai il primo pezzo, non appena scritturato dalla struttura comunicazionale del Parma FC –, in confronto, è però un surrogato, proprio per le ragioni da te, Alberto, sintetizzate nell’espressione “tifo da contratto”.

Sarò demodé ed antico, ma io ai vari Carlo Zampa e Carlo Alvino – con la loro bocca spalancata e ugola in evidenza – non riesco ad abituarmici: sarà per quello che appena posso faccio un salto nella cabina di Radio Rai, dove i cronisti di Tutto il Calcio Minuto per Minuto continuano ad operare in ossequio a una sana imparzialità. E non posso che condividere il punto di vista, pronunciato fuori onda ieri da Giorgio Gandolfi, durante una pausa di Calcio & Calcio, per cui egli prova un immenso fastidio nel vedere chi esulta in modo smodato in tribuna stampa al Tardini, manco fosse in Curva Nord. Gabriele Majo

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

RADIO BRUNO, NELLA STAGIONE DEL CENTENARIO CROCIATO, TOGLIE IL MICROFONO A CARLO CHIESA, LA VOCE DEL “GOL DEFINITIVO” DI CRESPO DEL 9 GENNAIO 2000

MARINO E QUELL’INCENDIARIO DI CHIESA

FACCE DA WEMBLEY / CARLO CHIESA, QUANDO ANCORA NON CONDUCEVA ‘PRONTO CHI PARMA?’ E NON SI ERA ANCORA SGOLATO COL GOL TOTALE DI CRESPO ALLA JUVE

PICCOLO SCHERMO / CARLO CHIESA SU FACEBOOK ANNUNCIA LA CONFERMA A TV PARMA DI “PRONTO CHI PARMA”

CARLO CHIESA E IL RITORNO AI MICROFONI DI RADIO BRUNO

CLAMOROSO A RADIO BRUNO: FATTO FUORI IL SALTIMBANCO, TORNA CHIESA

BONI SI SFOGA DOPO IL SILURAMENTO: “CHIESA CAVALLO DI TROIA DELLA CONCORRENZA A RADIO BRUNO?”

PARMA, SOGNI D’EUROPA. UN UFFICIO STAMPA DI SAPORE INTERNAZIONALE: INGAGGIATI L’EX AIRONE MATTEO PIA E UNO STAGISTA TEDESCO

PIA PROVA IL MICROFONO. IL VICE ADDETTO STAMPA DOMENICA FARA’ LA RADIOCRONACA DI CATANIA-PARMA SU RADIO BRUNO – Fotogallery amatoriale

MATTEO PIA, PARMIGIANO DEL GIORNO SU REPUBBLICA, NON FA PIU’ PARTE DELL’UFFICIO STAMPA CROCIATO

ECCO CHI E’ LA VOCE DI PARMA CHANNEL… E’ IL BRESCIANO LUCA BERTELLI IL SOSTITUTO DI MATTEO PIA ALL’UFFICIO STAMPA?

MAJO ELETTO NEL NUOVO CONSIGLIO DIRETTIVO DEL GRUPPO EMILIA ROMAGNA GIORNALISTI SPORTIVI

SU LE ANTENNE, IL CENTENARIO FA ACCENDERE “RADIO PARMA F.C.”, LA WEB STATION CROCIATA

RADIO PARMA F.C., INTERVISTA DI GABRIELE MAJO A PAOLO ARCIVIERI: “VIVREMO IL CENTENARIO DEL PARMA CALCIO E IL BICENTENARIO DI VERDI”

IL ‘BENVENUTO’ DI ANGELLA AL ‘CAMERATA’ ARCIVIERI: “LASCI LA POLITICA LONTANO DAL CALCIO: LA SANA TIFOSERIA DEL PARMA NON HA BISOGNO DI CONTAMINAZIONI IDEOLOGICHE” (video)

RADIO PARMA FC, NOTA DEL CLUB: “CON ARCIVIERI ALCUNA COLLABORAZIONE EDITORIALE. CONSULENZA SOLO DI CARATTERE TECNICO STRUTTURALE” – I fatti secondo Majo

MERCOLEDI 27 IL PARMA PRESENTA IL LOGO DEL CENTENARIO (CHE NON ENTUSIASMA I CONSERVATORI), IL NUOVO SITO E LA WEB RADIO. CI SARA’ ARCIVIERI?

IL FIORETTO DI LEONARDI PER IL CENTENARIO: “NON RISPONDERO’ PIU’ ALLE CRITICHE”. DI CHIARA E’ IL DIRETTORE DI RADIO PARMA FC. CONVINCE IL RESTYLING DEL SITO, FA PIU’ DISCUTERE IL LOGO DEL SECOLO – Foto e video

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “IL “TIFO DA CONTRATTO” DEL MILANISTA-CROCIATO BERTELLI E IL “TIFO GENUINO” DI CARLO CHIESA DEL GOL DEFINITIVO DI CRESPO…

  • 29 Ottobre 2013 in 18:30
    Permalink

    Per me la cosa inaccettabile è che uno che lavora nel settore comunicazione del Parma Calcio sia anche il telecronista ufficiale di Radio Bruno (che è, fino a prova contraria, un’emittente libera e indipendente). Che credibilità può avere la telecronaca del pur bravo Bertelli?
    Fin che fa le interviste per Parma Channel o scrive sul sito del Parma ok, ma in veste di commentatore per Radio Bruno penso che rappresenti un conflitto di interessi evidente.
    Ve lo immaginate l’addetto stampa della Barilla che scrive un articolo su una rivista di alimentazione? Potrà mai scrivere che la pasta Barilla non è buona?
    Ve lo immaginate se l’addetto stampa del sindaco Pizzarotti fosse al tempo stesso un collaboratore della Gazzetta e scrivesse i resoconti dei consigli comunali?

    • 29 Ottobre 2013 in 18:34
      Permalink

      Beh, nella parte conclusiva del suo intervento, Vladimiro, si parla di situazioni tutt’altro che fantascientifiche…

  • 30 Ottobre 2013 in 07:43
    Permalink

    Le telecronache urlate sono, purtroppo, diventate la regola, mentre quelle dai toni un po’ meno epici e un po’ più equilibrati costituiscono l’eccezione di un’offerta televisiva che pretende di attirare e tenere desta l’attenzione del pubblico in un solo modo, e cioè alzando la voce, ma senza proporre dei contenuti che siano veramente interessanti. Gli scienziati della comunicazione o del marketing o di chissà quale altra bizzarra materia, giustificano le prime dicendoci che urlare, drogare prodotti di scarsa qualità – come le sono le gare della nostra massima serie – facendone dei pezzi di altissima fattura, serve a vendere meglio ciò che, ricorrendo a tecniche di vendita un tantino più eleganti, solo in pochi comprerebbero. Ci raccontano anche che alla gente piace il calcio urlato, mica quello dei Ciotti, dei Carosio, degli Ameri, dei Cucchi e dei Forma. Non so se alla platea di telespettatori piacciano i telecronisti urlatori (a me, in tutta franchezza, nemmeno un po’), ma so che i ‘padroni del vapore’ hanno fatto o stanno facendo di tutto perché a quegli spettatori finiscano per piacere quei telecronisti. Con me, lo ripeto, non ci riusciranno: meglio un solo Bizzotto che cento Caressa.

    • 30 Ottobre 2013 in 12:48
      Permalink

      Io Bizzotto lo ascolterei per ore. Per lui mi sono messo a guardare anche una partita di hockey.

  • 30 Ottobre 2013 in 08:18
    Permalink

    Il “commento tifato” va molto di moda in questi ultimi tempi, perché è un tifoso come chi guarda la partita (e per quanto appena letto, almeno si spera). A me non dispiace ascoltare dei “tifosi” perché mi diverto, anche se è fatto pro-squadra avversaria (quello del Napoli su Sky lo è veramente); tuttavia preferisco un commento pacato (che però aumenta con l’intensità dell’azione se no risulta monotono e noioso).

  • 30 Ottobre 2013 in 11:20
    Permalink

    Di conflitti di interesse tipo quelli che diceva Vladimiro ce ne sono tanti nel mondo del calcio, andatevi a vedere chi gestisce la comunicazione di Udinese e Novara per esempio.

I commenti sono chiusi.