UN UOMO IN DUE MAGLIE / GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA

(Luca Savarese) – Spesso Sky mostra un programma dal titolo I Signori del calcio dove si racconta, in modo vagamente romanzato, di campioni che hanno fatto e fanno la storia del calcio. Signore del calcio lo è stato sicuramente Gianluca Signorini, difensore valente, crociato prima, genoano poi, ma soprattutto un uomo in una sola maglia: la veste stretta di una generosità larga. Su di lui c’è un bellissimo testo di Vincenzo Paliotto dal titolo Gianluca Signorini – il Capitano, edito dalla Urbone Publishing. Il Signo nasce a Pisa il 17 marzo del 1960 e, forse ispirandosi alla torre che pende che pende e mai non vien giù, si iscrive giovane all’università dei difensori rocciosi che non ti lasciano respirare, che piuttosto di lasciarti andar via ti accompagnano nello spogliatoio. Pietrasanta, Prato, Livorno, Ternana e Cavese, la sua gavetta. Arrigo Sacchi lo vuole per farne il suo primo grimaldello del Parma che non vuol più tornare nelle acque pericolose della C, ma cerca solide basi per un futuro da aspirante sorpresa. Gianluca risponde presente, il progetto sembra piacergli fin da subito ed infatti non porta solo la croce, ma prova anche a cantare e gli riesce bene: come quando segna in C alla Carrarese un gol da centravanti puro. Un anno di C, si ritorna in B, Gianluca c’è e mette corpo e spirito per un totale di 70 presenze e 6 centri nel Ducato. Quando Arrigo lascia per i lidi rossoneri, anche Gianluca cambia aria: va a Roma, con la Magggica. Un solo anno prima di iniziare un altro viaggio di calcio e di passione, non nella capitale, ma nel mare di Genova, dove sarà sicuro porto per tanti compagni. gianluca signoriniMarassi lo adotta a proprio beniamino, qui non solo gioca con il cuore in mano, ma con 207 presenze e 5 gol diventa il capitano di un Grifone anche a tinte europee. Nomenclatura che dopo di lui nessuno avrà più tra i grifoni rossoblù. Poi, dopo aver messo gli scarpini al chiodo, Gianluca inizia la sua partita più importante, convocato da una squadra iscritta al campionato del dolore, la formazione della Sofferenza, che con i primi sintomi della Sla, lo spolpa piano piano. Gianluca questa volta non difende più la porta ed il proprio portiere, ma se stesso, ci riesce bene fino a quell’ultimo beffardo gol che lo coglie il 6 novembre 2002. Gianluca Signorini, Un uomo in due maglie certo, ma moltissimo di più, perché a vita può partire in contropiede, ma tu starle addosso fino all’ultimo centimetro, poi se magari ti sorprende, tu te ne vai da signore. Alla Signorini. Luca Savarese

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

5. DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA (25.09.2013)

6. SEBASTIEN FREY TRA FIORENTINA E PARMA (29.09.2013)

7. TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA (12.10.2013)

8. ADRIAN MUTU TRA VERONA E PARMA (18.10.2013)

9. ROBERTO MUSSI TRA PARMA E MILAN (25.10.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “UN UOMO IN DUE MAGLIE / GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA

  • 30 Ottobre 2013 in 12:56
    Permalink

    Flash-memory: Lo ricordo ai campi Stuard allenarsi con una grinta esemplare , sempre con la battuta ironica/sarcastica per i compagni , palleggiava giocando a tennis con i piedi , 2 contro 2 come se fosse un leone.

I commenti sono chiusi.