lunedì, Luglio 22, 2024
In EvidenzaNews

A NAPOLI IL RITORNO “UFFICIALE” IN TRASFERTA DEI BOYS?

boys pullman(gmajo) – Tessera gialla o tessera blu: questo è il dilemma. Fatto sta che per tornare a seguire la propria squadra del cuore in trasferta – le leggi vigenti non transigono – in un qualche modo bisogna esser tesserati. E nel caso specifico del Parma FC la differenza tra la Y-Blu, la Tessera del Tifoso, che è di colore giallo, e la tanto anelata card imagefidelity AWAY, che potrebbe essere blu, è sostanzialmente la stessa che intercorre tra zuppa e pan bagnato, giacché i controlli di polizia sono identici, e nessuna delle due è in correlazione con circuiti bancari. Se non ci fosse stata l’ideologia di mezzo (cioè l’avversione tout court alla Tessera del Tifoso, per essere in linea con gran parte dell’universo Ultrà, anche se non va dimenticato come ci siano ultras regolarmente tesserati, come quelli del Verona o delle strisciate, circostanza, peraltro, che non è servita a evitare episodi di violenza, ergo, pur non essendo notoriamente un ultras io stesso condivido che si tratti di una “defecata” pazzesca) gli obiettori avrebbero potuto – come molti di loro avrebbero voluto – tesserarsi normalmente, anche perché ormai l’avversione alla TdT non è più così di moda come prima, è una sorta di emergenza superata anche nel resto dell’Universo Ultrà, che pensa di aver ottenuto chissà quale vittoria con la breccia aperta dalla Roma. Purtroppo, però, alla fine aveva prevalso la linea del comunque “No alla Tessera”, e così il Parma FC, tirato per la giacchetta, non ha potuto far altro che spender dei soldi anche quest’anno per fare emettere dei voucher non certo andati a ruba  (il 17 settembre scorso Settore Crociato certificava: “E’ diminuita un po’ di più la truppa dei voucher (da 201 a 114, – 87 appunto), prendendo come riferimento la seconda fase del campionato passato”) e per promettere il pan bagnato “Away”. Proprio il fatto che ormai la tessera alternativa pare in dirittura d’arrivo (anche se ancora non c’è la certezza, se ne dovrebbe sapere qualcosa in più entro giovedì, in caso contrario i partecipanti dovrebbero tutti sottoscrivere l’indesiderata Y BLU) ha fatto sì che i Boys organizzassero per sabato 23 a Napoli una trasferta in pullman, che – eccezion fatta per quella di Genova per Sampdoria-Parma del passato torneo, resa possibile grazie alla formula porta un amico, con garanti dei no-tessera dei sì-tessera – sarebbe la prima “regolare” dopo circa tre anni. Ogni tanto qualche aliquota dei Boys era lo stesso riuscita ad accedere in un qualche modo in un qualche impianto, ad esempio a Verona, ma in questo caso, per viaggiare, verrebbero rispettati tutti i crismi. Notizia dell’organizzazione di questa trasferta l’abbiamo tratta dalla fanzine dei Boys distribuita in occasione di Parma-Lazio in cui invitando “Tutti a Napoli in puillman!” informavano che il imageprezzo (“comprende – era specificato – solo il viaggio in pullman. Comunicheremo in seguito come e dove acquistare il biglietto autonomamente”) è di 50 euro per i tesserati (tesserati Boys, of course) e 80 per i non tesserati (non tesserati Boys, of course). Da allora ad oggi non abbiamo notato aggiornamenti, dunque supponiamo che l’offerta sia sempre valida. Chissà chi sarà l’azienda che metterà a disposizione il torpedone: il nuovo vettore del Parma, Val d’Enza, ci aveva confidato che gli piacerebbe trasportare anche i tifosi, oltre che calciatori e staff, ma immagino che non accadrà in questa occasione…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

2 pensieri riguardo “A NAPOLI IL RITORNO “UFFICIALE” IN TRASFERTA DEI BOYS?

  • Ma per comprare i biglietti per il settore ospiti come devo fare? Su internet ci sono solo quelli per i settori napoletani.

  • Gabriele

    Alla fine dei conti i più stupidi sono quelli che, come il sottoscritto, rispettano le regole pur trovandole sbagliate.
    A me, d’altronde, far sapere allo Stato che faccio qualche trasferta non costa nulla, non ho niente da nascondere

I commenti sono chiusi.