ANGELLA CHIOSA LO SFOGO DI GHIRARDI: “LA PIAZZA HA SEMPRE RICONOSCIUTO I SUOI SFORZI E GLIENE E’ GRATA: LAMENTARSI DELL’AMBIENTE PARMA E’ FUORI LUOGO”

image(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – Il presidente Tommaso Ghirardi fa preoccupare i tifosi. “Godiamoci quest’anno poi per il futuro si vedrà. C’é una crisi economica forte”. Le dichiarazioni rilasciate ieri sera dal patron crociato, hanno già sollevato un polverone e sono destinate a far discutere a lungo. Ghirardi si lamenta per le polemiche presenti sulla piazza, fa capire di non sentirsi apprezzato in toto e poi invita a guardare il futuro senza troppe certezze. Già in passato lo stesso numero 1 aveva definito Parma città provinciale e aveva rimarcato uno scarso appoggio da parte dell’imprenditoria locale.

DSCF8371Il “Leone” di Carpenedolo è persona seria, non è un avventuriero, ha fatto indubbiamente sforzi importanti per il Parma, ma crediamo che la piazza glielo abbia sempre riconosciuto e gliene sia grata. Non capiamo dunque di quali polemiche si lamenti Ghirardi. Forse pretende di essere applaudito e riverito sempre e comunque?  Lamentarsi dell’ambiente di Parma appare francamente fuori luogo e forse, come ha scritto un tifoso in un commento su internet, basterebbe che il presidente, prima di esprimere il proprio disappunto nei confronti di Parma, facesse una telefonata all’amico ed ex socio Diego Penocchio, attuale presidente del Padova, che nella città veneta è stato minacciato dagli ultrà ed è stato costretto a vivere per un certo periodo di tempo sotto scorta.

(di Michele Angella, dal TG di Teleducato del 21.11.2013)

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

GHIRARDI: "SUBISCO DELLE CRITICHE DA PERSONE CHE NON SO NEANCHE CHE QUALIFICA ABBIANO. LEONARDI? DOPO QUESTE POLEMICHE NON SO SE RIUSCIRO’ A TRATTENERLO"

GHIRARDI: “LEONARDI E’ UN LUSSO PER IL PARMA. IO L’HO TRATTENUTO TANTE VOLTE: NON SO SE RIUSCIRO’ A TRATTENERLO”

GHIRARDI: “C’E’ UNA CRISI ECONOMICA FORTE: PERCIO’ GODIAMOCI QUESTO ANNO, POI IL FUTURO SI VEDRA”

CALCIO & CALCIO PIU’ – Il video integrale della puntata di ieri sera del talk show di Teleducato e la fotogallery amatoriale dal backstage

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

17 pensieri riguardo “ANGELLA CHIOSA LO SFOGO DI GHIRARDI: “LA PIAZZA HA SEMPRE RICONOSCIUTO I SUOI SFORZI E GLIENE E’ GRATA: LAMENTARSI DELL’AMBIENTE PARMA E’ FUORI LUOGO”

  • 21 Novembre 2013 in 14:00
    Permalink

    ci ricasca sempre puntualmente …appena le cose non vanno…e oggi con l aggravante che nessuno ha ancora apertamente contestato …..sembra propio mettere le mani avanti stavolta quasi a voler giustificare cessioni illustri a gennaio vedi sansone byabiani sansone benalouane parolo( secondo me questo è l unico partente sicuro insieme a sansone e benalouane …gli altri si vedrà) e udite udite …sembra pure cassano ma non ci credo…..se nn ce la fà più ad andare avanti perchè ha già venduto argenteria auto immobili e svincolato titoli distato in banca per fare il presidente del parma-….lo dica e se ne vada …senza cadere anzi scadere, in queste polemiche inutili e inopportune…..quando ci ha rilevato E A QUANTO SPESO PER RILEVARCI A PARMA LO SANNO TUTTI CMQ ma aldilà di questo ha ricevuto i giusti ringraziamenti e tributi …adesso il creditro è finito e non può sperare di vivere di rendita ……nessuno se lo può permettere a questo mondo

  • 21 Novembre 2013 in 14:56
    Permalink

    A me Ghirardi è sempre stato abbastanza simpatico. Però con queste uscite ciclike ha veramente fiaccato. Sempre a lamentarsi, in particolare della città e dei tifosi. Che un imprenditore si lamenti dei propri clienti (xkè siamo anke quello, oltre ke tifosi) è particolarmente fastidioso. Da quando è arrivato il disco è sempre lo stesso: vi ho pagato l’ira di dio (si bau), se non c’ero io eravate falliti, se mi rompo il cazzo vado via.
    Per cui noi dovremmo sempre osannarlo, senza mai dire un cavolo. Secondo me confonde la figura di presidente con quella di un messia. Ecco: è un presidente, mica un messia.
    Di presidenti ne abbiamo avuti anke altri, ad esempio Ceresini e Tanzi. E se abbiamo criticato loro (!!!!!!) penso possiamo criticare anche lui.
    Se poi nn gli piace Parma perchè è “provinciale”, i tifosi del Parma xchè sono dei rompipalle, e i giornalisti di Parma perchè nn gli danno sempre ragione, si può sempre comprare un’altra squadra. Come faremo? Faremo senza!
    Dalle altri parti sono i tifosi che contestano i presidenti, qui sono i presidenti che contestano la città e i tifosi!? Qualcosa non mi torna.
    Mi dicono che in Nord domenica sarà tirato fuori questo striscione:
    GHIRARDI: PARMA NON SI DISCUTE, SI AMA!
    Si bau… certi slogan valgono solo x zittire i tifosi.

    • 21 Novembre 2013 in 15:42
      Permalink

      i boys che protestano?

  • 21 Novembre 2013 in 16:12
    Permalink

    BASTA CON GLI PSEUDORICATTI

    Non mi pare che qualcuno abbia mai puntato la pistola alla tempia di Ghirardi per fargli comprare il Parma e fare investimenti nel calcio (credo che il Ghiro qualche vantaggio dalla visibilità procuratagli dal pallone lo abbia avuto).

    Se non è contento, dica che cosa vuole fare apertamente, non lanci il sasso e poi magari nasconda la mano.
    Non ci sono più risorse? Lo si dica, anzichè parlare di danno di immagine come nel caso Tep.
    Non si faranno più investimenti? Lo si dica chiaramente e poi magari si spieghi il perchè. dato che ci è sempre stata glorificata la gestione virtuosa di Leonardi!

    Comunque mi viene difficile pensare a Ghirardi non apprezzato in città: il Parma è entrato dentro l’Unione Industriali, la Gazzetta e Tv Parma sono a sua immagine e somiglianza, il tifo organizzato è genuflesso…

  • 21 Novembre 2013 in 18:33
    Permalink

    Mi scusi Direttore.
    Segnalo questo articolo per la lettera ke contiene, scritta da un grande tifoso del Parma.
    http://www.settorecrociatoparma.it/caro-tom-togliti-quel-velo-di-tristezza-e-vai-in-curva-a-cantare-per-il-centenario-i-veri-tifosi-sono-con-te/
    Ghirardi sarà triste, ma sono triste anch’io dopo aver letto qst lettera. Chi avanza delle critiche NON è più tifoso del Parma? Chi ritiene che si stiano sbagliando delle cose NON vuole il bene del Parma? Chi fa il proprio lavoro è un nemico?
    Sn molto amareggiato. Dopo aver seminato odio, criminalizzando ki ha opinioni diverse, ecco i risultati. La tifoseria è divisa, xkè qlc l’ha divisa.

    • 21 Novembre 2013 in 18:36
      Permalink

      Appunto: c’è chi si è divertito a dividere la lavagna in buoni e cattivi. Ma il tempo è galantuomo.

      Cordialmente

      Gmajo

    • 21 Novembre 2013 in 18:53
      Permalink

      Dimenticavo:

      chiederò a Paolo Conti, se si riferiva per caso (anche) a me con la frase: “Non badare più a coloro che non aspettano altro di trovare il più piccolo appiglio per criticare e spargere veleno gratuitamente sulla tua società nascondendosi dietro a un non capisco quale diritto di cronaca… Quelli sono nemici…”

      Se così fosse gli restituirò, tanto è ancora intatta, la sua grappa “solo per gli amici”, che mi regalò lo scorso Natale (http://www.stadiotardini.it/2012/12/omaggio-al-tardini-nella-grappa-natalizia-di-conti-solo-per-gli-amici.html), poiché immagino si sia pentito. Non so se ha una selezione anche “solo per i nemici”…

      Cordialmente

      Gmajo

  • 21 Novembre 2013 in 18:41
    Permalink

    erano anni che non leggevo una cosa cosi’ patetica,contenuti grotteschi ed infantili…il 25 aprile poi….na roba da asilo infantile 🙂

    • 21 Novembre 2013 in 19:09
      Permalink

      Poi Conti (e anche il suo correttore di bozze, che è poi uno dei due autori del libro del centenario, quello che si commuove a lavorare gratis per il Parma, secondo quanto dichiarato ieri da Ghirardi), dimentica il particolare che Ghirardi ha sempre professato la sua fede (giovanile) juventina: quindi ritengo piuttosto irreale il suo auspicio di vederlo in Curva Nord saltare e cantare “chi non salta juventino è……!!!

      Saluti

      Gmajo

  • 21 Novembre 2013 in 19:02
    Permalink

    Ringrazio Marcello per la segnalazione.
    Lettera pietosa, di solito quelli che si esprimono così sono gli stessi che poi tramano e sparlano alle spalle.
    Ma è sempre il solito discorso, dobbiamo per forza dividere “gli eletti dai reprobi”?
    Qua a Parma il concetto – diffuso in primis dai vari gruppi organizzati – è quello del “tifoso talebano”, ossia il tifoso che deve solo applaudire e non muovere alcun rilievo. Il lambrusco e il salame sono le stupidate di contorno.

  • 21 Novembre 2013 in 19:23
    Permalink

    Ci manchrebbe altro che Ghiradi si recasse in curva a gridare: “il 25 aprile è nata una putt….”
    E’ una cosa da dementi! E chi la domenica insiste ancora a cantarla manco se ne accorge!

    • 21 Novembre 2013 in 19:28
      Permalink

      Oltre al falso storico, giacché la Reggiana non è nata il 25 aprile.

      Comunque io sono contro il tifo contro e pro il tifo pro

      Cordialmente

      Gmajo

      • 22 Novembre 2013 in 08:17
        Permalink

        Nello slogan originale la data del 25 aprile era riferita alla nascita della Repubblica Italiana, nel 1945. Veniva usato alle manifestazioni del M.S.I.
        La versione curvaiola ha sostituito ‘Repubblica Italiana’ con ‘Reggiana’.

        • 22 Novembre 2013 in 12:19
          Permalink

          Grazie mille. Perdonatemi l’ignoranza, ma almeno, finalmente, ho capito perché…

  • 22 Novembre 2013 in 06:41
    Permalink

    Secondo me il pavma lo compra un magnate russo perchè pavma è una citta importante in tutto il mondo e c’è il Bavilla center.
    Il pavma è la squadra piu’ tifata in Italia.
    Il tavdini è lo stadio piu’ bello in Europa e il pubblico di pavma è il piu’ caloroso di tutti anche se poi al centenario erano presenti solo 50 persone e se compri Cassano non è sufficente.
    Dai’ l’eccellenza è bella, i prezzi sono accessibili e le trasferte sono brevi…

  • 22 Novembre 2013 in 14:30
    Permalink

    ti sei scordato qualche V qua e la, chera la me testa quedra

  • 22 Novembre 2013 in 14:53
    Permalink

    Zio canta, kissà com’è giocare e perdere con l’Entella, in casa, per due a zero. No, no, dio bo, non riesco ad immaginarlo. Vacca ragas, mo c’lavor…. Moooolto tifo contro.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI