CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO INCENDIARIO-POMPIERE SUL CASO TEP. LO SFOGO DI CARMIGNANI: “MI SENTO UN DIMENTICATO”. E BONI RIBADISCE: “A GENNAIO ARRIVA QUAGLIARELLA”

DSC07834(Evaristo Cipriani) – CASO TEP-PARMA, MAJO GIUSTIFICA I RITARDI – In apertura della nona puntata di Calcio & Calcio Più, Michele Angella ha voluto soffermarsi qualche minuto sulla questione che ha sollevato un autentico polverone politico, ossia il debito di oltre 100mila euro da parte del Parma Fc nei confronti di Tep, l’azienda di trasporto locale a controllo pubblico (Comune e Provincia). In studio c’erano Gabriele Majo direttore di stadiotardini.it, il Saltimbanco  Enrico Boni e il collaboratore di parmalive.com oltre che di calcionews24.com  Daniele Longo. La questione del debito Parma-Tep era emersa attraverso l’intervista-scoop concessa a stadiotardini.it dal dirigente Tep Mauro Piazza, recentemente sospeso DSC07844dall’incarico e in odore di licenziamento. Ebbene Gabriele Majo, nel rispondere alle preoccupazioni di un tifoso che temeva ripercussioni sull’attività sportiva per eventuali difficoltà finanziarie del club crociato, ha indossato i panni del pompiere, dopo che il giorno precedente aveva, invece fatto, l’incendiario rivelando il retroscena sulla misteriosa sospensione dei due dirigenti apicali Tep: “Io credo che Tep abbia fatto bene ad aspettare il Parma e a non interrompere il DSC07841rapporto nonostante il ritardo nel pagamento. Se hai un cliente che ti porta cifre simili, va tenuto stretto anche se paga in ritardo. Oppure – ha aggiunto lo stesso direttore di stadiotardini.it – vogliamo che il Parma si rivolga per il servizio di trasporto ad un’azienda di fuori? Allora, però, non lamentiamoci poi della scarsa parmigianità della società che fa lavorare aziende bresciane!”. Ipotesi, quella dell’alienazione del servizio trasporti ad altra società diversa dalla Tep, tra l’altro, DSC07828concretizzatasi proprio oggi, giacché come ha scritto parmaonline.info prima, con successiva verifica e approfondimento poi di parma.repubblica.it, il club avrebbe inviato formale disdetta alla Tep. Ma torniamo a ieri sera: Boni ha stigmatizzato la società per la mancata emissione di un comunicato stampa ufficiale sulla vicenda: “I tifosi devono essere messi al corrente di questa vicenda, il Parma deve far sentire la propria voce con un comunicato, la società è stata sbattuta per questa cosa su tutti i giornali, che figura ci fa?!”. Il club avrebbe deciso di affidare le proprie DSC07822argomentazioni al gruppo amico della Gazzetta di Parma, che ha riportato i numeri dati da Ghirardi (asserisce di aver pagato fatture Tep per 850 mila euro) e la curiosa tesi dell’assessore allo Sport Marani, secondo cui non ci sarebbe il Parma all’origine della sospensione dei due dirigenti. Peccato, però, che altre testimonianze ed elementi concreti emersi dalla riunione secretata sembrano dimostrare il contrario. Per farsene un’idea basta leggere il resoconto su stadiotardini.it dello stesso Majo sulla conferenza stampa di ieri delle minoranze, dal nostro portale documentata in esclusiva con tanto di video.

DSC07838CARMIGNANI DIFENDE DONADONI, MA SI SENTE “DIMENTICATO” – Passando alle questioni di campo, per analizzare il momento del Parma è intervenuto al telefono Pietro “Gedeone” Carmignani, l’allenatore eroe dello spareggio salvezza del 2005, ma protagonista anche di altre importanti pagine della storia gialloblu. Carmignani, che ogni settimana tiene una rubrica sul sito sportparma.com, ha difeso l’operato di Donadoni, ma ha anche specificato che la squadra può fare meglio: “Mi sarei aspettato più punti, però il campionato è lungo e penso che alla fine il DSC07842Parma potrà arrivare in una buona posizione, dopo le grandi, al settimo o ottavo posto”. Carmignani ha ribadito il suo amore per la piazza e i tifosi (“alla festa del Centenario lo scorso 13 ottobre mi sono davvero emozionato”) raccontando il gustoso e romantico aneddoto di aver fatto credere al nipotino di 4 anni, che il pubblico del Tardini lo stesse applaudendo (“Sanno che vuoi fare il calciatore…”), ma si è anche definito un “dimenticato”. “Questa è la prima DSC07846dichiarazione televisiva che faccio da quanto c’è stata la separazione con il Parma, nessuno mi ha più cercato dal 2007, mi sono sentito un dimenticato. Quando il rapporto con il Parma è finito ci sono rimasto male – ha poi proseguito il Gede – non l’ho accettato e non l’accetto tuttora, anche perché per questa società ho fatto tanto. Da allenatore avevo giocatori che guadagnavano 40 volte più di me, io avevo ancora il contratto da tecnico delle giovanili, ma non ho mai fatto problemi, vivevo per il Parma 24 ore su 24”.

DSC07861LA TABELLA DI ANGELLA – Michele Angella ha proposto durante la puntata una tabella relativa al percorso del Parma di qui a Natale, ossia Napoli, Inter e Samp fuori alternate a Bologna e Cagliari in casa. Secondo il giornalista di Teleducato il Parma se vuole veramente iniziare a dare un senso a questa stagione e dunque cambiare marcia deve cercare di incamerare 8 punti (6 in casa e almeno due fuori tra Inter e Samp, ha specificato Angella). “Se facciamo cinque punti è tanto, tu hai bevuto o ti sei drogato” lo ha assalito il Saltimbanco, rimarcando che tutto dipenderà da quale allenatore ci sarà in panchina, visto che lui reputa imminente l’esonero di Donadoni. Scettico sugli otto punti Gabriele Majo, secondo cui, però, determinante sarà la partita di Napoli, che il Parma ha dovere di provare a vincere se davvero vuol stupire i propri tifosi. Impresa improba, certo, ma che con altri allenatori (da una parte e dall’altra) era già riuscita nel recente passato.

DSC07832IL PARMA DOPO GENNAIO – Ampio spazio al mercato nella diretta di Calcio & Calcio Più di ieri sera. “Del resto – ha spiegato Angellaè proprio questo il momento in cui i dirigenti iniziano a delineare le strategie per il mercato invernale”. In grafica è apparsa una possibile formazione del Parma come uscirà dalle trattative di gennaio: Mirante; Cassani, Paletta, Lucarelli; Padoin, Gargano (Radosevic), Bouy, Nocerino; Floccari e Cassano. Ipotizzate, dunque, dalla redazione di Teleducato, le partenze di Biabiany, Parolo e forse Gargano, con Amauri e Marchionni destinati alla panchina. Puntuale l’analisi del Pedullà di Parma Daniele Longo (il Di Marzio di Parma, come noto, è invece Guglielmo Trupo, detto Pupo, la cui anima dannata si sarebbe impossessata, secondo il Saltimbanco, del corpo di Longo: DSC07858“Pupo, Pupo… esci da questo corpo", dal momento che a parere dello stravagante opinionista, il giovane cronista avrebbe emulato il collega): “Non credo che a centrocampo partiranno tre giocatori e poi Nocerino è diretto verso Torino, mentre Floccari potrebbe essere una pista praticabile, da escludere invece il ritorno di Belfodil”. “Una cessione ci sarà – ha pronosticato Boni ma arriverà un top player e questo si chiama Quagliarella, l’ho già detto e lo ribadisco”. “Non vendiamo fumo, non illudiamo i tifosi” ha invece frenato il Grillo Parlante  Gabriele Majo sostenendo che il Parma dovrà vendere vendere almeno un pezzo importante con il quale fare cassa e non certo proporre nuovi costosi investimenti dopo il mercato da nababbi estivo. Evaristo Cipriani

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA WEB REGISTRAZIONE DI ALEX BOCELLI DELLA PUNTATA DI IERI SERA DI CALCIO & CALCIO PIU’

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

CASO TEP / BUZZI DISSECRETA LA SEDUTA SECRETATA, SVELANDO UNA SUA BATTUTA AL PRESIDENTE RUBINI: “MA LEI CE L’HA COSI’ TANTO COL PARMA CALCIO PERCHE’ E’ BOLOGNESE?” (Video)

BUFERA TEP / IL DEBITO DEL PARMA CALCIO ALL’ORIGINE DELLA KAFKIANA SOSPENSIONE DI DUE DIRETTORI

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

4 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO PIU’ / MAJO INCENDIARIO-POMPIERE SUL CASO TEP. LO SFOGO DI CARMIGNANI: “MI SENTO UN DIMENTICATO”. E BONI RIBADISCE: “A GENNAIO ARRIVA QUAGLIARELLA”

  • 14 Novembre 2013 in 14:30
    Permalink

    Buongiorno,
    vorrei capire come mai mettete GARGANO fra i possibili partenti??
    L’unico bell’acquisto fatto lo vendiamo a gennaio???
    Allora vogliamo proprio festeggiare i 100 anni tornando in B…..
    Saluti

  • 14 Novembre 2013 in 15:15
    Permalink

    Un posto per Carmignani dovrebbe esserci sempre. Non sarebbe un regalo ma un giusto riconoscimento ad un vero uomo di sport, di calcio, che ama parma e il parma.
    Sulle tabelle ci credo poco a fine stagione figuriamoci ora. Quella di napoli è comunque una trasferta proibitiva, si sono ulteriormente rinforzati e dopo la juve non vorranno sbagliare. Secondo me più che caricare le partite con le grandi squadre, quando l’impegno e la concentrazione non mancano mai, bisognerebbe essere più “cattivi” nelle gare contro squadre di pari livello.
    Il mercato di gennaio è lontano ed è meglio pensare al presente. In ogni caso stravolgere la squadra ed inserire “scarti” delle big sarebbe a mio avviso un errore.
    Sul caso parma-tep. che ovviamente non conosco, mi limito a dire che pagare in ritardo non significa automaticamente essere in crisi economica, lo fanno imprese ben più grandi del parma calcio. E’ spesso un malcostume che in italia viene purtroppo tollerato, soprattutto se con il debitore ci sono rapporti commerciali considerati importanti

  • 14 Novembre 2013 in 19:18
    Permalink

    Buonasera Gabriele.complimenti x il blog sempre molto interessante.secondo me vendere giocatori come Gargano,parolo,bibbiany sarebbe un suicidio.non si può sempre stravolgere una squadra.a parer mio sono giocatori fondamentali x l ossatura della squadra.cè poco da fare il mercato estivo per quello che stiamo vedendo ora è decisamente al di sotto le aspettative.non é neanche un quaglierella che ti può risolvere una stagione.forse altre scelte tecnico tattiche potrebbero migliorare il non gioco del Parma.mi spiace x Donadoni ma ci sta capendo molto poco.saluti da Luca.

  • 14 Novembre 2013 in 21:07
    Permalink

    se giocano nel parma non penso siano dei fenomeni,stiamo parlando di una delle 7-8 squadre piu’ brutte a vedersi che giocano in serie a,il nostro progetto e’ “io speriamo che me la cavo”

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI