domenica, Luglio 21, 2024
In EvidenzaNews

CALCIO & CALCIO / SECONDO ANGELLA LA CINA E’ VICINA…

DSC08840(Evaristo Cipriani) – Nelle prossime ore, magari, approfondiremo meglio, ma ci pare doveroso anticipare il consueto report della trasmissione Calcio & Calcio, in onda ogni lunedì sera su Teleducato Parma (e pure ogni mercoledì con la versione “Più”), riferendo quella che era la clamorosa indiscrezione preannunciata oggi da Michele Angella nel TG di Teleducato e poi svelata durante il talk show: la CIna è vicina. Degli investitori dagli occhi a mandorla, infatti, sarebbero interessati ad entrare nel pacchetto azionario del Parma. La redazione dell’antenna cittadina avrebbe raccolto in questo senso alcune voci affidabili di professionisti piuttosto DSC08848informati su questo tipo di trattative, che lo stesso giornalista ha definito affidabili“. Del resto la suggestione potrebbe trovare riscontri negli intrecci economici esistenti tra la Cina e il Parma Calcio (già nel 2008 partì un progetto che aveva a capo Beppe Dossena) e la stessa famiglia Ghirardi, che ha aperto uno stabilimento nella zona di Nanchino. Tra l’altro  Il 23 giugno scorso venne firmato un protocollo d’intesa tra Parma Sports Development srl, Jiangsu Sainty Football Club (di proprietà del Jiangsu Guoxin Investment Group Limited), la Scuola di Lingue Straniere di Nanjing (NFLS) e lo Sports Bureau di Jiangsu, con DSCF8787la nascita della “Jiangsu Guoxin Parma International Football School a Nanjing. “Ci sarebbe l’interesse di un gruppo cinese ad entrare nel Parma Calcio – ha detto il conduttore di Calcio & Calcio – ma è ancora tutto da valutare, per questo utilizziamo tutti i condizionali del caso. Seguiremo l’evoluzione della cosa. Attenzione, però, perché  non stiamo dicendo che Ghirardi vuole vendere le società ai cinesi, stiamo parlando di un possibile ingresso nel pacchetto azionario di nuovi investitori”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / SECONDO ANGELLA LA CINA E’ VICINA…

  • Notizia plausibile. Secondo me i cinesi entrerebbero nel Parma con una quota di minoranza, quindi portando nuovi soldi, solamente per “ricambiare l’aiuto” che hanno ricevuto nel metter su la scuola calcio e per tutte le iniziative mosse in Cina dal club ducale, senza alcuna volontà di entrare nel Parma per investire.
    Ieri a Radio Anch’io Sport Lippi ha sottolineato che i cinesi hanno voglia di investire nel loro paese e non in europa.
    Se l’accordo va in porto, secondo me 1 o 2 calciatori asiatici potrebbero arrivare.

    Ps: solo io trovo ironico che una azienda che si chiama “Parma sports development s.r.l.” abbia sede a Desenzano del Garda?

    • La notizia potrà anche esser plausibile (anche se io non la ritengo tale: sono molto scettico, pur nel rispetto dei colleghi, bravi, a stanarla fuori), ma non penso per le motivazioni che adduce Filippo.
      Io sono un gran romanticone, che vorrebbe il vecchio pullman nel Museo del Parma perché gli sono affezionato, ma non sono così romanticone dal credere che degli imprenditori (i quali per oggetto sociale hanno la moltiplicazione del soldo) per “riconoscenza” (ahinoi: la riconoscenza non è di questo mondo, specie tra gli imprenditori) sputtanino dei soldi per acquistare la quota di minoranza di una decaduta (rispetto alla grandeur) società di calcio di provincia (mica siamo Roma!).
      Nessuno fa niente per niente, a parte gli idealisti come me: secondo lei dei cinesi vengono qui per riconoscenza? Solo perché il Parma ha aperto (immagino per business e non per filantropia) una sede in Cina? Magari il progetto Cina porterà anche quel frutto, ma perché dietro ci saranno altri tipi di interesse. Ma che un magnate si svegli domattina e dica, puntando il dito sulla cartina geografica, “voglio andare proprio qui” mi pare altamente improbabile.

      Cordialmente

      Gmajo

  • ah con me sfondi una porta aperta,la sede del parma e’ rimasta in viale pier maria rossi

  • Secondo me la sede del parma sara’ a shanghai fra un po’..

  • a shanghai ci giocavo da piccolo, per me e’ ancora un gioco da tavolo

I commenti sono chiusi.