IN ATTESA DEL CIVILE CHIARIMENTO DI DOMANI A COLLECCHIO TRA ALCUNI WEB TIFOSI E DONADONI, CE N’E’ STATO UNO AD ALTA TENSIONE A UDINE. PARMA MULTATO PER LO STRISCIONE SU PESSOTTO

image(gmajo) – Come vi hanno riferito ieri, nel report della trasmissione di lunedì sera Calcio & Calcio (stasera alle 21 appuntamento con la versione del mercoledì “Calcio & Calcio Più”) i nostri Evaristo Cipriani e Lorenzo Fava, attraverso Facebook alcuni giovani tifosi gialloblu, delusi da questo inizio di stagione, hanno chiesto un incontro con il tecnico Donadoni, per domani pomeriggio, giovedì 7 novembre 2013 alle 15.30 al Centro Sportivo di Collecchio. “In maniera civile e pacifica senza esaltati che fanno casino chiediamo al mister come mai non puntare su giocatori che meriterebbero il posto da titolare. FATE GIRARE E INVITATE PERSONE”. Questo il testo dell’appello lanciato in rete da Pierpaolo Nulli, trentenne supporter crociato, in passato spesso ospite della tribuna di Teleducato riservata ai tifosi, anche se è bene specificare che con l’iniziativa la redazione dell’emittente televisiva non ha niente a che fare, salvo, da attenti cronisti, riferirne. Secondo Nulli e gli altri interneauti col cuore crociato, non sarà una contestazione, ma solo una legittima richiesta di chiarimenti al tecnico che chissà se sarà disponibile ad incontrarli. Certo è decisamente meglio procedere in questo modo, preannunciando le proprie intenzioni, ed esprimendosi da persone corrette, piuttosto che quello – descritto stamani dalla Gazzetta dello Sportad alta tensione, gds alta tensione a Udinesvoltosi nella pur frigida Udine, con un Di Natale, costretto ad ammettere, per tener cheti gli animi, che i giocatori sono delle m., dando ragione ed annuendo di fronte ai contestatori, tra la meraviglia di Guidolin che riteneva che quella piazza (del resto come Parma)  fosse un po’ diversa dalle altre, e più vicine a un certo spirito estero dove i tifosi lasciano in pace i calciatori. Intanto nella giornata di ieri è arrivata la prevista multa per il Parma (l’esperto di diritto sportivo, avvocato Paolo Malvisi, ospite di Calcio & Calcio, lunedì sera lo aveva preannunciato tenendo presente la presente giurisprudenza in casi analoghi) per via del vergognoso striscione contro Pessotto. Il giudice sportivo Gianpaolo Tosel ha comminato 7.000 euro complessivi alla società di Ghirardi, di cui 5.000 “per avere suoi sostenitori, prima dell’inizio della gara, esposto per alcuni minuti uno striscione dal tenore insultante nei confronti di un dirigente avversario e 2.000 “per avere suoi sostenitori, al 1’ e al 33’ del primo tempo, nel proprio settore, acceso un petardo ed un fumogeno; sanzione attenuata per avere la società concretamente operato con le forze dell’ordine ai fini preventivi e di vigilanza”. Sarà anche stato così, ma striscione e fumogeni sono passati nonostante i controlli. Ora chi rifonderà il povero Ghiro per l’esborso? Assieme alle scuse sarebbe bello se la multa fosse pagata da chi ha commesso le infrazioni e non da chi ne ha la responsabilità oggettiva… E poi chi ne ha la responsabilità oggettiva devolvesse in beneficenza quanto ricevuto dai colpevoli, che non possono essere ancora senza volto e senza un nome. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “IN ATTESA DEL CIVILE CHIARIMENTO DI DOMANI A COLLECCHIO TRA ALCUNI WEB TIFOSI E DONADONI, CE N’E’ STATO UNO AD ALTA TENSIONE A UDINE. PARMA MULTATO PER LO STRISCIONE SU PESSOTTO

  • 6 Novembre 2013 in 18:01
    Permalink

    Il fumogeno può essere pericoloso….lo striscione…per carità! sono sfotto da stadio….tutti questi moralismi inutili finiranno per distruggere quello che resta del calcio e dar sfogo a cose ben più peggiori che un innocuo striscione. LA MULTA E’ UNA BUFFONATA SONO DEI BUFFONI COLORO CHE FINGONO STUPORE PER LO STRISCIONE…E QUELLI DEGLI INSULTI TERRITORIALI…IL CALCIO NON E’ IL RUGBY….O IL GOLF METTETEVELO IN TESTA

  • 6 Novembre 2013 in 18:50
    Permalink

    in merito al chiarimento con i tifosi ….io non credo che donadoni riceverà questa rappresentanza gialloblù…premetto che vorrei essere anch io informato sul perchè di questa gestione dei singoli ,e anche sul perchè della sua cocciutagine nel voler schierare un regista a tutti i costi…sul perchè sansone non merita uno spazio maggiore in una squadra dove fenomeni non ce ne sono (cassano a parte finchè ha birra da spendere in campo)..certo mi piacerebe ma….che piaccia o no donadoni non dà spiegazione agli addetti ai lavori nelle sue conferenze ,dando sempre le stesse risposte noiose e ripetitive,e dovrebbe scomodarsi a spiegarlo ai tifosi??…le scelte sono sue e e il modo di scjhierare la squadra spetta a lui….il fattto che se va bene nessuno ha niente da dire e che se va male prima o poi ci rimette il posto ,dovrebbe bastare ad indurlo a non giustificarsi con nessuno ….mi spiego non vorrei che passasse che sono pro donadoni ma ritengo che così si potrebbe delegittimare ora e in futuro( anche chi verrà dopo di lui) la figura dell allenatore a parma…… in questo modo potrebbe suonare come un segnale di debolexzza anche agli occhi dei giocatori ,perchè alla fine …si chiede di spiegare perchè non toglie tizio a favore di sempronio…o perche caio gioca tropp poco e un qualunque mister x dovrebbe dargli spazio…..secondo me sarebbe meglio che la società ascolti questo grido di….preoccupazione diciamo, da parte della piazza…e riporti il malumore a donadoni che analizzerà e tirerà le sue conclusioni….in una società normale e non assolutista e padronale come questa sarebbe già successo …ma in questo caso io l ho sempre sospettato penso che da arte del ghileo l aver dato totale ed incondizionata fiduci all attuale mister sia diventat un arma a doppio taglio ….ora sono in qualche modo prigionieri di questa loro decisione…eh !!quelle 8 partite vinte nel finale del primo campionato come pesano …. in queste cose

  • 6 Novembre 2013 in 22:22
    Permalink

    Io sarei x difendere bomboni e striscioni, se nn violenti.
    Il problema però è ke si continuano a prendere delle multe, ke paga il Parma. Se le multe le prendessero i responsabili avrebbero già piantato li, xche nn sn cifre enormi ma neppure piccole!
    Poi be i bomboni sono molto belli ma effettivamente anke pericolosi. Ho sentito di recente di un ferito, nn ricordo dove. I fumogeni cmq nn sono pericolosi.
    x lo striscione di domenica i responsabili nn si conoscono (nn credo poi ci siano indagini in merito), ma neppure x bomboni, fumogeni e compagnia? ok dai laviamoci i panni in famiglia e facciamo finta di nn sapere ki sono. Io nn dico di far pagare queste multe a qualcuno, o dare dei daspo, ma dirgli semplicemente di piantare li. Il Parma ha i mezzi x farsi capire. Tipo: qualcuno ha chiesto una tessera x le trasferte ( e x il Parma nn credo sia un grande affare visto ke i suoi abbonati li ha già fatti), te la faccio solo se ti comporti bene e nn mi fai prendere multe. Oppure si vuol far prendere le multe apposta e si fanno queste cose come ricatto? Spero proprio di no (mi è sorto il dubbio solo quando Angella ha parlato dei laziali), io nn credo xche non ho mai sentito di queste storie e noi siamo cmq una realtà molto diversa. L’unica cosa è smettere.

    Aggiungo ke io sono solo uno di me. Non minacciate nessuno pensando possa essere io, non sono io!!!!

  • 6 Novembre 2013 in 23:49
    Permalink

    Intanto Guidolin pare sia venuto quasi alle mani con Allan…e a dividerli son dovuti intervenire gli altri giocatori…nervi tesi ad Udine. In Italia non esistono più le isole felici, purtroppo.

  • 7 Novembre 2013 in 12:30
    Permalink

    Mi sa proprio che oggi non ci sarà nessun incontro, han messo l’allenamento a porte chiuse!!! Si vede che Donadoni deve provare con tranquillità i nuovi schemi tipo il rivoluzionario 3 5 2 con le novità di Gobbi e Biabiany sulle fasce e poi le mosse vincenti in caso di difficoltà: la sostituzione con Sansone in campo al minuto 88 o la sostituzione di un difensore per un difensore… :'(

I commenti sono chiusi.