LEONARDI, L’ANNO SCORSO MEDAGLIA D’ARGENTO AL TMW AWARDS, ORA E’ SOLO SESTO. POCHI VOTI PER CERRI NELLA CATEGORIA UNDER 21. IL CONCORSO TERMINERA’ IL 9 DICEMBRE

(gmajo) – Tutte le big vogliono Pietro Leonardi – l’ultima che si è aggiunta, stando, naturalmente, alle fresche voci, sarebbe la Lazio, ma è in pole position soprattutto il Milan di Barbara Berlusconi, e sempre calde sono le piste Inter e Milan – che in estate era stato ribattezzato “Il Re del Mercato”, e il Parma “la Regina del Mercato” dagli esperti del settore (tipo i Di Marzio e i Pedullà, quelli originali, e non le loro  imitazioni locali Trupo e Longo) soprattutto dopo il colpo Cassano, tuttavia, nella classifica dei direttori sportivi del concorso TMW Awards, l’annuale hit-parade di Tuttomercatoweb.com, il Plenipotenziario crociato figura solo sesto. E dire che il Sommo Dirigente, la stagione precedente, era salito perfino sul podio come medaglia d’argento, alle spalle del vincitore Daniele Pradè della Fiorentina, che ora è al secondo posto (con l’8,42% dei voti) alle spalle del capoclasse Walter Sabatini della Roma (9,31%, che sta beneficiando dell’ottima partenza dei giallorossi, benché in estate fosse tra i dirigenti più contestati dalla tifoseria). Davanti a Leonardi (sesto, 6,59%), ci sono non solo Giuseppe Marotta della Juventus (terzo con 8,39%) e Riccardo Bigon del Napoli (quarto con 8,16%), espressioni di due autorevoli candidate nella lotta tricolore, ma anche Giuseppe Ursino del Crotone (!), quinto con il 7,40%. Alle spalle del Plenipotenziario figurano Daniele Faggiano del Trapani (settimo, 5,48%), Stefano Antonelli del Siena (ottavo, 5,45%, che qualcuno considera come erede dello Zar al Parma la prossima stagione), Pierpaolo Marino dell’Atalanta (nono, 5,40%) e Sean Sogliano dell’Hellas Verona (decimo, 3,77%). Via via tutti gli altri ds di A e B. I tifosi crociati, se vogliono spingere in alto nella classifica Pietro Leonardi, possono votarlo cliccando qui: si aprirà la pagina del concorso – curato dal Alessio Calfapietra – e una volta individuato il nominativo di Leonardi, basterà cliccarci su (comparirà un apposito form o scheda elettorale). Ancor più bisogno di voti li ha Alberto Cerri, portacolori crociato nella sezione “Under 21”, che langue lontanissimo dalla top 20, avendo appena lo 0.36%. Naturalmente trattandosi di un classe 1996, e giocando solo in Primavera – nonostante abbia già esordito in serie A, e collezionato una certa esperienza internazionale (sia pure a livello giovanile) come capitano della Under 17 agli Europei e ai Mondiali – potrà consolarsi nelle edizioni successive, potendo ancora iscriversi. In ogni caso per votare Cerri basterà cliccare qui (sempre entro le ore 16 del 09.12.2013): comparirà direttamente il form o scheda elettorale con la sua scheda. Per la cronaca guida la classifica provvisoria (sono ammessi i nati dal 1° gennaio 1994 al 31 dicembre 1998) Domenico Berardi del Sassuolo (classe 1994) con il  7.51%, dei voti. Sul podio, per ora, anche Federico Bernardeschi del Crotone (classe 1994), secondo con il 6.52% dei voti e il terzo, Leonardo Capezzi della Fiorentina (classe 1995) col 6.44%.

TMW AWARDS – CLASSIFICA PROVVISORIA DIRETTORI SPORTIVI

1 – Sabatini Walter (Roma) 9.31%
2 – Pradè Daniele (Fiorentina) 8.42%
3 – Marotta Giuseppe (Juventus) 8.39%
4 – Bigon Riccardo (Napoli) 8.16%
5 – Ursino Giuseppe (Crotone) 7.40%
6 – Leonardi Pietro (Parma) 6.59%
7 – Faggiano Daniele (Trapani) 5.48%
8 – Antonelli Stefano (Siena) 5.45%
9 – Marino Pierpaolo (Atalanta) 5.40%
10 – Sogliano Sean (Hellas Verona) 3.77%
11 – Braida Ariedo (Milan) 3.28%
12 – Sartori Giovanni (Chievo) 2.94%
13 – Zanzi Roberto (Bologna) 2.75%
14 – Capozucca Stefano (Livorno) 2.24%
15 – Foschi Rino (Cesena) 2.13%
16 – Branca Marco (Inter) 1.68%
17 – Salerno Nicola (Cagliari) 1.67%
18 – Perinetti Giorgio (Palermo) 1.64%
19 – Osti Carlo (Sampdoria) 1.47%
20 – Giaretta Cristiano (Udinese) 1.18%

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

7 pensieri riguardo “LEONARDI, L’ANNO SCORSO MEDAGLIA D’ARGENTO AL TMW AWARDS, ORA E’ SOLO SESTO. POCHI VOTI PER CERRI NELLA CATEGORIA UNDER 21. IL CONCORSO TERMINERA’ IL 9 DICEMBRE

  • 27 Novembre 2013 in 16:14
    Permalink

    Io ho votato Sabatini che (“liberatosi” di Baldini) ritengo abbia fatto un lavoro eccezionale assumendo un bravo tecnico, facendo innesti di qualità dove servivano e non facendo pesare cessioni eccellenti (Osvaldo Lamela e Marquinhos non li nomina più nessuno).
    E’ comunque una classifica basata sui voti dei tifosi .. Criscitiello & C. se non erro a fine mercato avevano dato al Parma e quindi a Leonardi voto 7.
    Antonelli possibile successore di Leonardi? Secondo me è bravo, ha dimostrato di saper vendere a tanto e comprare (bene) a poco, credo sarebbe un profilo adatto alle nostre necessità. Sempre che rimanga questa proprietà

    • 27 Novembre 2013 in 18:25
      Permalink

      Di Marzio ha sancito (non ho capito bene in base a cosa) che Ghirardi continuerà a reggere le sorti del Parma e che i cinesi se ne resteranno in Cina, per cui perché dubitare che rimanga questa proprietà? Magari successivamente dedicherò anche un articolo su questo tema, date le preoccupazioni dei tifosi per l’ultimo mal di pancia ghirardiano: ma come ha sottolineato molto bene l’avvocato Paolo Paglia lunedì sera a Calcio & Calcio (stasera, mercoledì, ricordo l’appuntamento con Calcio & Calcio Più alle ore 21) non è che uno dice smetto col giochino e ciao a tutti. Se dovesse anche consegnare le chiavi al sindaco, ci sarebbe un bagno di sangue anche per le proprie tasche, per cui l’unico modo, se proprio vuol salutare la compagnia, è che ceda il pacchetto a un compratore. Forse è anche per via di quel mal di pancia che si sono moltiplicate le ipotesi di un suo addio. Del resto, però – anche se ovviamente verrà a dire che il suo pensiero è stato distorto dai soliti inqualificabili – le sue parole da allarme rosso pronunziate alla Feltrinelli erano belle chiare, c’era mica tanto da girarci attorno…

      Detto questo passiamo a TMW Adwords: il primo posto di Sabatini è assai meritato, ma a me dispiace che Leonardi, nella piazza d’onore l’anno passato, sia così lontano dal podio, proprio dopo le molteplici benedizioni estive dei Criscitiello, Di Marzio, Pedullà & C.

      In realtà il precedente mercato del Leo era stato decisamente più virtuoso rispetto all’ultimo, c’è da dire però che questo è stato decisamente più col botto (Cassano) rispetto a dodici mesi prima. Quello, però, era decisamente più “di prospettiva” rispetto all’odierno, perché consentiva di programmare maggiori plusvalenze. Eupalla, però, sta dando una grossa mano al Parma in questo senso che potrà a breve piazzare, opportunamente rivalutato, Parolo, che è all’alba dei 30 anni e non è più un ragazzino di primo pelo. Insomma: sarà una bella vendemmia tardiva, per la gioia del cassiere (anche se nelle tasche del povero Sani non rimarrà nulla…).

      Antonelli potrebbe essere un’ulteriore scelta nel nome della continuità, dal momento che anche lui appartiene al partito dei “leonardiani”.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Novembre 2013 in 17:03
    Permalink

    Leonardi paga la situazione in classifica del Parma. Cerri paga la poca attenzione mediatica, non vedo come penalizzazione il “giocare in primavera” (Mastour Hachim del 1998 gioca solo in primavera ed è 8).

    Ho letto come successori di Leonardi si son fatti i nomi di Antonelli, come da lei ricordato, Lo Monaco, Corvino e Gasparin. Lei cosa ne pensa? Quale vedrebbe più adatto al ruolo? Io tra quelli in lista non mi dispiacerebbe Corvino che potrebbe tornare con un bel elenco di talenti, anche se Lo Monaco non scherza. Fuori dalla quel gruppetto io valuterei anche Sean Sogliano ed Enzo De Vito (Avellino).

    • 27 Novembre 2013 in 18:09
      Permalink

      Io “voto” per Antonino Imborgia: sarebbe una scelta nella continuità, essendo, attualmente, il braccio sinistro di Leonardi (il destro è Preiti). Ricordiamoci della esperienza di Imborgia quale presidente dell’Eupen: evidentemente è uno in grado di attrarre dei capitali, cosa che al Parma potrebbe non dispiacere. In più potrebbe essere il dirigente più adatto per gestire l’architettura leonardiana della scorsa estate con i 300 movimenti sul mercato.

      Se invece la scelta non dovesse essere nel segno della continuità sono d’accordo con lei che Corvino potrebbe essere la scelta migliore. E come outsider metterei il figlio d’arte Sean Sogliano.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 27 Novembre 2013 in 18:34
    Permalink

    Io sono della stessa idea di Majo,perchè sarebbe coerente e logico con una continuità di progetto,che è troppo complesso e radicato per essere smontato.
    Il discorso delle 300 operazioni estive è stato forse accelerato per questo motivo,per dotare il Parma di una certa struttura e per fare in modo che questa possa reggere anche da sola con un successore,uomo di Leonardi,(che visto il legame col presidente non penso non lo indirizzi) che conosca perfettamente le dinamiche e le scelte effettuate.Sarebbe sicuramente più agevole il compito in un passaggio di mano ad un personaggio già interno alla società che a direttori sportivi italiani magari anche di nome.
    Altri direttori,appunto,anche importanti,non dico non andrebbero bene per il Parma,ma forse avrebbero pretese economiche e tecniche che vista la crisi di cui parla Ghirardi non saremmo in grado di adempere e poi potrebbero essere troppo ingombranti data la struttura attuale del Parma,perchè credo che verrebbero per dettare le proprie strategie,piuttosto che seguire la linea tracciata dai predecessori.
    Saluti

    • 27 Novembre 2013 in 18:52
      Permalink

      Buonasera Marco,

      la continuità del progetto sarebbe preferibile (del resto da sempre, quale conservatore, anche dal punto di vista della costruzione di una squadra sarei sempre per la prosecuzione di un progetto che non per le continue rivoluzioni): per cui se caldeggio la pista Imborgia è anche per questo motivo. Preciso, tuttavia, che l’architettura estiva non mi vede entusiasta: io l’avrei evitata. Ma se ci sono state le buone ragioni per costruirla, mi parrebbe dissennato smontarla dopo pochi mesi.

      La continuità, tuttavia, credo possa esserci in caso di un arrivederci soft del Leo, senza sbattimenti di porta. Mi si dirà: ma come, Collecchio è il Mulino Bianco? E io replico: si, certo è il Mulino Bianco fin che le cose vanno bene, perché poi chi va via è sempre il cattivone di turno. Insomma: quando ci si sposa non si pensa mai al divorzio, no? Tutte le storie d’amore nascono sotto i migliori auspici, nessuno pensa mai alla separazione. E anche durante il ménage, se è felice, chi pensa all’atto d’addio. Poi basta fare un salto in tribunale e si vede come la casistica non offra quasi mai separazioni/divorzi consensuali.

      Imborgia, comunque, è uno che mi pare in grado di gestire l’attuale architettura qualsiasi sia la modalità dell’addio di Leonardi. Egli, con grande umiltà, ha accettato di fare il terzo della nomenklatura, ma ha tutte le carte in regola per essere il primo. E ha un background piuttosto variegato: non sarebbe solo un DS, ma una figura a tutto tondo, con trascorsi persino da proprietario di una squadra, l’Eupen. Come argomentavo prima, poi, potrebbe essere anche un uomo in grado di attrarre dei capitali.

      Antonelli potrebbe essere, diciamo così “per formazione”, un’ulteriore scelta nel nome della continuità.

      Corvino, Lo Monaco & C. sono tutti degli ottimi professionisti, però non credo verrebbero qui per proseguire un discorso intrapreso, quanto per aprirne dei nuovi. E, immagino, si porterebbero, del resto come aveva fatto il Leo, dei propri uomini di fiducia.

      Comunque sia, non dimentichiamoci che non è così scontato che Leonardi lasci davvero a fine anno. Razionalmente è più facile, dopo cinque stagioni, che possa considerare concluso il ciclo, specie a fronte di interessanti proposte come quelle di cui si vocifera ultimamente, però potrebbe anche restare. Come ripeto spesso: ma dove potrebbe stare meglio che a Parma?

  • 27 Novembre 2013 in 23:55
    Permalink

    Il paradosso ė che quest estate sulla questione dei 300 giocatori si poteva dire tutto tranne che non fosse un progetto a medio-lungo termine, ed ora circolano voci -senz altro attendibili- di un addio di chi lo alimenta (Ghirardi) e di chi lo ha ideato e avviato (Leonardi).
    Sono entrambi liberi di andarsene ma, ampio parere, sarebbero incoerenti.
    Potendo scegliere P.Marino (credo non si muova) ma tutti quelli che avete nominato sono validi

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI