venerdì, Luglio 19, 2024
NewsUbi Majo

“UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI PARMA-BOLOGNA

(Luca Savarese) – Ben trovati con il direttore per il consueto Ubi Majo… Tu come li vedi?, due parole per introdurci al derby vespertino di stasera. Vamos.

Gabriele cosa significa Parma-Bologna per te?

“Significa parecchio, anche se più nella versione Bologna-Parma, per via dello storico spareggio cuginicida se non proprio fratricida del giugno 2005. Ero, infatti, alla conclusione del mio primo anno da “coordinatore della comunicazione” del Parma FC, quando venni anch’io investito dalla proprietà, dal management e dalla struttura tecnica a curare nei minimi particolari quell’appuntamento decisivo, a cui arrivavamo in condizioni piuttosto menomate. La soddisfazione fu nel vedere che il mio piano su come rapportarsi con gli organi di stampa venne accettato in toto, sebbene fosse in netta contraddizione con quelle che erano le indicazioni della struttura sportiva. A missione compiuta ricordo il salutare bagno, in divisa, nelle docce del Dall’Ara, spinto sotto il getto da Capitan Cardone, che in quella gara – e, dunque, nella storia – avrebbe lasciato una traccia indelebile col Gila. Non ero sul pullman che arrivò trionfante in Piazza Garibaldi: per senso del dovere feci tardi (c’era da aggiornare il sito ufficiale) ed arrivai sulla macchina di servizio, guidata, come sempre, dal fedelissimo Franco Chiastra, a festeggiamenti ormai terminati, con addosso la maglietta fatta preparare dai tifosi per quell’evento:“Onora Parma, non tirarti indietro”.”.

Chi ti piace di più Tra Diamanti e Bianchi?

“Diamanti, senza ombra di dubbio: l’altro mi piace tanto come Amauri a Schianchi… Diamanti esprime un calcio più fantasioso, ma nel contempo sa essere concreto. Tempo addietro era stato accostato ai crociati, e a me non sarebbe dispiaciuto affatto…”

Non pensi che il greco Konè sia sottovalutato? Il ragazzo segnerà poco, ma quando la piazza, sono sempre gol pesanti come colonne greche…

“Il fatto gli è che c’è troppa inflazione di calciatori stranieri (un po’ come c’è un po’ troppa inflazione di tele-radiocronisti, così si smarriscono le eccellenze) per cui, alla fine, non è semplice emergere, specie se giochi in una squadra come il Bologna che non ha alte ambizioni in classifica. Il gol all’Inter, tuttavia, può averne alzato le quote anche in vista di un mercato invernale, che potrebbe comportare uscite eccellenti”.

Lo scorso anno il derby casalingo venne a fine campionato ed eravamo presi per i festeggiamenti per il ventennale di Wembley e si perse. Oggi che tipo di musica potremo ascoltare?

“Lo scorso anno sorridemmo al Dall’Ara, ma la gara al Tardini fu da pianto. Purtroppo la prova sul campo ha disonorato i festeggiamenti per il Ventennale, che come, aveva previsto Donadoni alla vigilia (si vede che conosce i suoi polli) avrebbe finito per distrarre i suoi allievi. Peraltro io avrei invertito la scaletta, senza insistere, cioè che quella gara venisse dirottata in fascia preserale, lasciandola alle 15, come da iniziale programma, e celebrando il 20° della Coppa delle Coppe a partita di campionato terminata. Almeno ci sarebbe stata una degna cornice di pubblico: per il derby, infatti, il colpo d’occhio dell’Ennio risultò gradevole, per l’evento storico precedente decisamente meno. Che tipo di musica potremo ascoltare oggi? Spero non la melodia di Parma-Bologna di questa primavera: mi piacerebbe che il 45 giri si incantasse sulle magiche note di Napoli-Parma, però non sono così ottimista…”.

Grazie Gabriele e buona partita a tutti. Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

3 pensieri riguardo ““UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO DEI CROCIATI PRIMA DI PARMA-BOLOGNA

  • GALLO DI CASTIONE

    Dear Majo. Scommetto una Tassoni che fai male a non essere ottimista
    Felipe permettendo.

  • ROSI

I commenti sono chiusi.