mercoledì, Giugno 19, 2024
In EvidenzaNewsUn uomo in due maglie

UN UOMO IN DUE MAGLIE / LILIAN THURAM TRA PARMA E JUVENTUS

(Luca Savarese) – Il 13 ottobre ha giocato e con qualità la partita tra le stelle crociate e le stelle gialloblù, difendendo le sorti della formazione crociata, ancora da leader, facendosi ancora valere e sentire. Il numero 21 nel calcio, prima che diventasse il numero di Zidane ed il simbolo di Andrea Pirlo, lo ha avuto lui, nelle sue stagioni parmensi, sulle spalle: lo avete di sicuro capito, stiamo parlando di Lilian Thuram, professione difensore autorevole, una garanzia in campo, garante di un certo ordine di idee, fuori, spiritoso sul terreno di gioco, pieno di spirito e di iniziative controcorrenti nel ring della vita. Amante della matematica e forse non a caso, nato il primo giorno dell’anno:l’1 gennaio del 1972, a Pointe -à -Pitrè, Guadalupa. Se non fosse stato per il trait d’union del pallone, probabilmente ora Lilian sarebbe un signore Guadalupe per bene, non un ex calciatore ed anche intellettuale. Diventa presto un talento francese. Nel Monaco di inizio anni novanta, dove milita anche un certo George Weah,è un fenomeno; in quegli anni i fenomeni finivano sul taccuino del Parma A. C., che spesso se li aggiudicava. Lilian arriva nel ducato per 10,5 miliardi nel 1996  ed è una gioia per tutti: per lui che s’inserisce nella difesa come se in quell’ambiente giocasse da sempre,  per i compagni che con uno così dietro possono dormire sonni tranquilli e provare ad andare ad un passo dal titolo italiano ( si finì a sole due lunghezze dalla Juventus: 63 a 65) e per i tifosi che dove non arrivano le loro preghiere, arriva Thuram. Tra il 1998 ed il 1999, gli accadono delle cose che solo a pochissimi predestinati capitano: va a vincere il mondiale nella sua Francia (memorabile la sua doppietta alla Croazia in semifinale) e poi in cento giorni vince con il Parma tre coppe: Italia, Uefa e Supercoppa italiana. Monsieur Lilian, très bien! A Parma trascina e e si diverte. Ha sul volto un sorriso costante, segno della serenità del luogo e sua propria. Battagliero in campo e anche nel sociale, sempre pronto ad aiutare le minoranze contro i poteri forti. Lui risponde,aiuta e ci mette la faccia. Difensore in campo e difensore fuori. Quando capisce che nella patria verdiana ha dato tutto, fa il grande salto e va alla Juventus che sborsa 70 miliardoni. Anno 2001. Vincerà ancora molto, a livello nazionale però, perché le coppe europee, le ha vinte solo con i colori del Parma. Poi si misurerà anche con la Liga, andando a difendere i colori del Barcellona, dove troverà poco spazio. Scopre nei suoi anni di permanenza blaugrana di avere una malformazione cardiaca e si è così ritirato, con buona pace della famiglia,dall’attività agonistica nel 2008. Il suo cuore però, come ha fatto capire bene dall’entusiasmo con il quale ha preso sul serio la partita del centenario, nel profondo, serba le avventure parmensi. Qui mi sono divertito di più, dirà al termine dell’agone centenario, tutto contento di aver battuto il gialloblù Cannavaro,che sempre a detta di Lilian, sapevo fin dall’inizio di battere. Ecco il ritratto di Thuram: tra sorrisi e palloni, serio nelle sue giocate, sereno nel suo porsi. La sua recente carriera di scrittore, lo mostra pienamente. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LE LACRIME DI THURAM CHE RICORDA GUADALUPE E PER LA PRIMA VOLTA PARLA DELLE ACCUSE DI VIOLENZA ALL’EX COMPAGNA. Il video della serata Rotary “Educazione contro il razzismo”

L’AMABILE CONVERSAZIONE THURAM-PIOVANI, ALLA PRESENTAZIONE DI “LE MIE STELLE NERE” DA FELTRINELLI – Il video integrale

ABBRACCI, FOTO E AUTOGRAFI CON THURAM ALLA PRESENTAZIONE DEL SUO VOLUME “LE MIE STELLE NERE” DA FELTRINELLI – fotogallery amatoriale

THURAM A STADIOTARDINI.IT: “AL TROFEO DEL CENTENARIO CI SARO’ SICURAMENTE. SPERO NELLA FORMAZIONE VINCENTE. UN PAREGGIO? NO, GRAZIE. IO VOGLIO GIOCARE PER VINCERE…”

“UBI MAJO” – TU COME LI VEDI? IL MAJOMETRO GIALLOBLU’-CROCIATO PRIMA DEL TROFEO DEL CENTENARIO

CARMINA CENTENARIO / TRA TANTE STELLE AL TARDINI, ALLA FINE ESCE IL SOLE (Crociati-Gialloblù 7-5) – Fotogallery amatoriale dalla Curva Nord

IL TROFEO DEL CENTENARIO, la cronaca di Orazio Vasta e la foto-video gallery amatoriale di stadiotardini.it

IL TROFEO DEL CENTENARIO, LE VIDEO INTERVISTE AI PROTAGONISTI E AI TIFOSI – Servizi di Orazio Vasta e Luca Savarese

 

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

5. DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA (25.09.2013)

6. SEBASTIEN FREY TRA FIORENTINA E PARMA (29.09.2013)

7. TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA (12.10.2013)

8. ADRIAN MUTU TRA VERONA E PARMA (18.10.2013)

9. ROBERTO MUSSI TRA PARMA E MILAN (25.10.2013)

10. GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA (30.10.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".