AMAURI AI TIFOSI CROCIATI, MENTRE FIRMAVA GLI AUTOGRAFI: “IO VIA DA PARMA? MA CHI MI VUOLE…”

DSC03300(Lorenzo Fava) – Prima sgambata ufficiale dei Crociati dopo le vacanze natalizie. Al centro sportivo di Collecchio erano presenti tutti i calciatori della rosa a disposizione del mister Donadoni, ad eccezione del cileno Valdes, assente giustificato, come specificato nel comunicato stampa della società, che ha informato che è ancora in Cile. Il “Pajarito” (33 anni), re-inventato nella posizione di regista davanti alla difesa durante la gestione Donadoni, nonostante le richieste di molte squadre italiane (Catania e Torino su tutte), stando alle indiscrezioni di mercato, a giorni DSC03286sottoscriverà un contratto triennale (si dice da 400.000 euro a stagione) con la squadra cilena del Colo Colo, dove chiuderà la carriera. Lo stesso Alessandro Lucarelli, capitano e bandiera della squadra, appena entrato in campo per la seduta di allenamento, chiacchierando con alcuni compagni e membri dello staff tecnico, ha detto: «Non c’è, va al Colo Colo». Lavoro differenziato, sempre sul campo, invece, per Antonio Cassano, Daniele Galloppa e  Josè Mauri, mentre hanno lavorato in palestra Gargano, Paletta e Pavarini. Dunque DSC03308FantAntonio, che sembrerebbe essere molto vicino al suo grande amore, la Sampdoria, era regolarmente sul campo, e anche abbastanza sorridente. Il numero 99, tuttavia, è stato uno tra gli ultimi a fare il proprio ingresso in campo e nella fase di riscaldamento è rimasto isolato dal resto del gruppo, dando l’impressione di non aver troppa voglia di correre. Chi, invece, era voglioso di tornare a giocare era Daniele Galloppa, che ha svolto un lavoro a parte seguito da un preparatore, il centrocampista ex Siena DSC03313(reduce dalla terza rottura in altrettante stagioni del crociato anteriore) ha proseguito il suo programma di allenamento, per poi tornare a calciare verso la porta. Lo stesso Galloppa – a cui ho chiesto una foto come cimelio in quanto “compagni di crociato” (siamo entrambi reduci da un’operazione estiva al ginocchio, riuscita perfettamente grazie al lavoro del dottor Paolo Adravanti) – ha confidato, in via informale, che nel giro di un mese sarà di nuovo abile e arruolabile. Un recupero a tempo record. In bocca al lupo!

PARMA allenamentiNel frattempo Donadoni concedeva ai suoi la classica “partitella”, dividendo bianchi contro blu. A imporsi sono stati i primi con il risultato di 5-2: Biabiany ha aperto le marcature, poi Cassano ha pareggiato il conto, con un gol dei suoi, per quelli con la pettorina bianca. Amauri con un bel colpo di testa, una goffa autorete di Gobbi, dopo un malinteso col portiere Bajza, e Palladino hanno allungato le distanze per i bianchi. Per la squadra avversaria il secondo gol firmato Acquah, prima del 5° gol per quelli con la pettorina grazie al sinistro di Mesbah.

DSC03312Il franco-algerino, ex Milan, è stato fermato da alcuni giovani tifosi per uno scambio di battute e alla domanda «Resti a Parma, vero?» ha risposto, senza troppi fronzoli, con un sibillino «Eh, forse..». Lo stesso interrogativo è stato posto all’italo-brasiliano Amauri – che secondo il Saltimbanco Boni è destinato all’esotica meta dei turchi del Trabzonspor –, davvero disponibile ad autografi e foto ricordo con i tifosi presenti a Collecchio: «Ma chi mi vuole?!  ha scherzato, per poi aggiungere, poco dopo, più serio  – La gente scrive scrive che devo andare via: mi vogliono DSC03310mandare via…». Come dire: “Io a Parma ci sto bene. Qualcun altro non mi vuole”. Altro incerto della sua permanenza in Emilia Yohan Benalouane, che comunque si regolarmente allenato con il resto del gruppo. E così sarà, fino alla sua probabile partenza (si parla dell’Atalanta, ma non è da escludere la pista inglese).  Particolare il differenziato riservato a Cassano, rimasto tutto solo di fronte agli sguardi indiscreti dei tifosi, al termine della “partitella”, mentre gli altri Crociati completavano il cosiddetto “test di Cooper”. Buona l’affluenza di pubblico. Da sottolineare il gradito ritorno dello storico tifoso Corrado Marvasi, abbracciato e salutato DSC03315affettuosamente da tutti i componenti del Parma, dopo un periodo sicuramente non facile. Inoltre, era accorsa addirittura dalle Marche, precisamente da Porto San Giorgio (in provincia di Fermo), una squadra della Serie D di calcio a 5, la Futsal Cobà. Ospite a carico del Parma FC, per una vecchia amicizia che legava un componente della società a Sandro Melli – che ha chiuso nel 2000-2001 la propria carriera all’Ancona – abbiamo fatto conoscenza della simpatica compagine e del suo gruppo DSC03316musicale ufficiale, la “ContrabbanD”, formata da giovani adolescenti, che hanno composto l’inno ufficiale per la squadra, all’insegna della musica folk-popolare tipica delle Marche.  Domani il Parma si allenerà sempre a Collecchio dove sarà impegnato in una doppia seduta: al mattino squadra divisa in due gruppi. Il primo inizierà alle 9.30 e il secondo alle 10.30. Al pomeriggio crociati di nuovo tutti insieme per l’allenamento in programma alle 14.30. Lorenzo Fava

 

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOVIDEO GALLERY DA COLLECCHIO DI MARCO REPETTI

image

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

5 pensieri riguardo “AMAURI AI TIFOSI CROCIATI, MENTRE FIRMAVA GLI AUTOGRAFI: “IO VIA DA PARMA? MA CHI MI VUOLE…”

  • 29 Dicembre 2013 in 22:51
    Permalink

    Eh appunto caro ama… Ma chi ti vuole ?

    • 29 Dicembre 2013 in 23:30
      Permalink

      Lo compra Boni e lo fa giocare nel Boni Team! Ahahahah

      • 29 Dicembre 2013 in 23:40
        Permalink

        Il Saltimbanco fa progressi… Dal Boni Channel al Boni team…

        Altro che cinesi: lo comprerà lui il Parma 🙂

  • 30 Dicembre 2013 in 13:44
    Permalink

    non denigratelo nonostante non stria facendo assolutamente bene………amauri per il parma è cmq un centravanti che va bene …una cosa è certa nel modulo nuovo di donadoni ora non c entra niente con sansone in campo per lui è tutto penalizzante e se sei già cmq in crisi ..hai una certa età …e nonsei cmq mai stato un bomber implacabile…..perdere il posto è un attimo ….magari con un 4 2( i medianacci) 3( sansone cassano byabiani) 1 (amauri) potrebbe fare bene ….chissà …visto che donadobni ha capito che sansone deve giocare dopo 12 giornate…magasri ora dela fine prova anche sto schieramento

    • 30 Dicembre 2013 in 14:06
      Permalink

      Nessuno ha denigrato Amauri. Personalmente ho solo lanciato l’idea di mandarlo alla Samp al posto di Cassano. In fin dei conti cosa ha in meno di Rolando Bianchi? E così i soldi non risparmiati o non entrati col ritorno di FantAntonio (che non piace a Mihailovic) potrebbero arrivare con il trasferimento di Amauri…

      Cordialmente

      Gmajo

I commenti sono chiusi.