venerdì, Luglio 19, 2024
In EvidenzaNewsVideogallery Amatoriale

DONADONI: “UN CALCIATORE CON LA C MAIUSCOLA TROVA MOTIVAZIONI PER FARE BENE IN COPPA ITALIA ANCHE SENZA RIPENSARE ALLA STORIA”– Il video della seconda parte della conferenza stampa

Gabriele Majo (www.stadiotardini.it) – Sulla parete di fianco alla sua scrivania, c’è un poster con una Coppa Italia sollevata da Minotti. Proprio da quel trofeo era partita l’epopea del Parma, culminata con la conquista della Coppa delle Coppe a Wembley e via via tutti gli altri trofei (otto, complessivamente) che impreziosiscono il palmares del Parma. Sentite l’impegno morale, nella stagione del Centenario, di onorare la Coppa Italia anche per gli sbocchi che potrebbe eventualmente dare?

“Io credo che i giocatori con la G maiuscola, o i calciatori con la C maiuscola, non abbiano bisogno di trovare questo tipo di motivazione. Chi va alla ricerca di motivazioni all’esterno vuol dire che è un insicuro. E questo non mi piace. Mi piace avere gente che abbia questo tipo di mentalità: che pensi a quella che è l’attualità, anche perché l’attualità può dare presupposti importanti per il futuro, non collegandomi alla Coppa dei Campioni vinta o al Mondiale giocato. Quella è storia, è finita. Bisogna trovare motivazioni sempre nuove e non è legandosi, o pensando a quello che è stato il passato, che puoi trarre dei vantaggi o responsabilizzarti di più. Uno si deve sentire responsabile proprio perché fa una professione importante e da questa deve cercare di ricavarne il meglio possibile”.

Gabriele Majo (www.stadiotardini.it) – A proposito di storia: da ex milanista volevo chiederle come ha vissuto questi giorni un po’ turbolenti in casa Milan con l’affaire Galliani…

“Li vivo con la speranza che le cose si possano sistemare per il meglio: che ci sia quanto prima chiarezza, perché il Milan ha soltanto bisogno e necessità di questo, secondo me. I personaggi che hanno fatto la storia del Milan, negli ultimi 25 anni, sono questi, e quindi vuol dire che sicuramente hanno dimostrato grandi attitudini e qualità. Mi auguro che raggiungano la tranquillità necessaria per fare sì che questo ventennio, o venticinquennio, possa di nuovo ripetersi e continuare”.

Roberto Donadoni, estratto dalla conferenza stampa del 02.12.2013 nella sala media del Centro Direzionale Parma FC di Collecchio – Video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.it

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “DONADONI: “UN CALCIATORE CON LA C MAIUSCOLA TROVA MOTIVAZIONI PER FARE BENE IN COPPA ITALIA ANCHE SENZA RIPENSARE ALLA STORIA”– Il video della seconda parte della conferenza stampa

  • filippo1968

    che palle ste perle di saggezza di donadoni…..ma non ha ancora capito che non allena van basten gullit baresi e maldini..???qui deve gestire amauri parolo gobbi e byabiani???…..dailà donadoni…..un pò di sano realismo e concretezza spiccia…..che se ti atteggi così solo perchè sei stato ct…..ti dico lesa ster !!!che lo sei stato solo per scaldare la panchina mentre la federazione pensava già a lippi….domani cerca di motivare fortemente la squadra perchè..già ci saranno 4 gatti allo stadio e .. il pericolo di lassismo in campo in un impegno di questo tipo … è altissimo!!…..miga i dzugador… con la g ..con la c ….

I commenti sono chiusi.