venerdì, Luglio 19, 2024
In EvidenzaNews

LA MORTE DI ROBERTO DORE / IN RICORDO DI UN AMICO, di Gian Paolo Altana

ROBERTO DORE PARMA CALCIO(Gian Paolo Altana) – Un infarto ti ha portato via a soli 53 anni, hai agito d’istinto e velocemente anche questa volta come quando ti trovavi tra i pali, perché per fare il portiere ti allenavi anche per questo: per effettuare una parata non dovevi di certo avvisare nessuno. Io ho avuto la fortuna di conoscerti e frequentarti … sino all’altro giorno, la trafila nelle giovanili del Cagliari, forse una decina d’anni passati insieme (ma poco importa), si era ragazzini,si è cresciuti insieme a tanti altri compagni di squadra e amici con i quali ci trovavamo per continuare a scherzare ed a sfotterci…….. sino all’altro giorno.

Vederti con la tua “mole” e la faccia da bravo ragazzo davi proprio l’impressione della bella persona che eri. Ed eri rispettato da tutti, e sai perché? Perché tu eri rispettoso di tutti.

Qualche giorno fa, al campo, la nostra squadra amatoriale aveva come avversari  (pensa la coincidenza) tanti amici ex calciatori ed ex compagni di squadra ed è stato bello vederti nel ruolo di ” difensore centrale”: è stata una bella festa, purtroppo l’ultima con te in campo.

Ci mancherai, mancherai a tua moglie, ai tuoi figli, ai tuoi colleghi di lavoro, ai tuoi colleghi di corso dove oramai eri arrivato agli esami per diventare allenatore di base Uefa B. Non ce l’hai fatta, ma anche questo poco importa……

Ciao Roberto, spero che il ricordo degli anni passati insieme sia sufficiente per colmare il vuoto che hai lasciato. Gian Paolo Altana

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

PARMA-CAGLIARI PARTE CON UN GRAVE LUTTO, LA MORTE DEL PORTIERE ROBERTO DORE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".