giovedì, Luglio 25, 2024
Calcio & CalcioIn EvidenzaNewsTG Teleducato

L’APPELLO DI ANGELLA A GHIRARDI: “A GENNAIO QUESTA CREATURA NON VA INDEBOLITA: BISOGNA AVERE LA FORZA DI TRATTENERE I PEZZI MIGLIORI”. ALLE 21 SE NE PARLA A CALCIO & CALCIO

slide angella(Michele Angella, dal TG di Teleducato) – Il Parma avrebbe meritato di vincere ieri sera a San Siro contro l’Inter, ma alla squadra di Donadoni non possiamo rimproverare nulla. Sul 3-3 nei minuti finale i crociati hanno cercato di andare in vantaggio e ci hanno provato in tutti i modi. Ora, dopo il successo di Napoli e il pareggio meraviglia contro l’Inter, chi si azzarderà ancora a parlare di salvezza come obiettivo stagionale? Chi di fronte ad una squadra che riesce a brillare, nonostante la serata no di Antonio Cassano, continuerà a sostenere che il Parma è una formazione da metà classifica e più di così non può fare?

Il Parma, una squadra esperta, che ha giocatori importanti e impreziosita dal diamante Cassano, in un campionato con valori mediocri al di sotto della Juve, può e deve invece lottare per posizioni di alta classifica che potrebbero portare all’Europa League. A patto naturalmente che questa creatura a gennaio non venga indebolita con le ventilate cessioni di Biabiany o Parolo. Ghirardi e Leonardi dopo aver avuto la forza di trattenere tutti i pezzi migliori la scorsa estate e elevare il tasso tecnico e di esperienza della truppa, ora, nell’anno del centenario devono avere la forza di mantenere intatto il gioiello Parma fino al prossimo giugno. Benalouane, Valdes o Amauri possono anche partire, ma i titolari devono essere blindati, non avrebbe senso tirare fuori il petto in agosto e poi abbassare le braghe in inverno. Per carità, la società non ha ancora svelato le proprie intenzioni, ma di fronte alle tante voci di mercato, consentiteci di mettere le mani avanti!

Di questo si discuterà stasera nella 16esima puntata di Calcio & Calcio, in onda, come ogni lunedì, alle ore 21. Con in più una domanda che riguarda l’eroe di san siro Nicola Sansone: perché per tre mesi Donadoni ha lasciato fuori un giocatore così, un giocatore che da quando è stato inserito titolare è risultato decisivo e che rischiava di deprimersi in panchina? Davvero un mistero.

di Michele Angella, dal TG di Teleducato del 09.12.2013

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

3 pensieri riguardo “L’APPELLO DI ANGELLA A GHIRARDI: “A GENNAIO QUESTA CREATURA NON VA INDEBOLITA: BISOGNA AVERE LA FORZA DI TRATTENERE I PEZZI MIGLIORI”. ALLE 21 SE NE PARLA A CALCIO & CALCIO

  • Luca Russo

    Il Parma non è da Europa League non perché non sia da Europa League, ma perché le prime cinque posizioni mi sembrano già occupate da formazioni che difficilmente se le lasceranno scappare. Tolte Juventus, Napoli e Roma che si giocheranno lo scudetto fino alla fine del campionato, non credo che Inter e Fiorentina riescano a finire dietro di noi. Dai nerazzurri ci separano dieci punti che sarà difficile recuperare da qui a Maggio. E la Fiorentina, per quanto discontinua che sia, ci è superiore. E allora, se veramente si vuol rientrare in Europa, si punti tutto sulla Coppa Italia. Sono anni che lo scrivo: è la nostra unica porta d’accesso alle coppe. E arrivare in finale, senza manco vincerla, potrebbe bastarci per ritornare ad occupare i nostri giovedì sera.

  • Se il Parma cedesse Biabiany ci guadagnerebbe sicuramente.

  • E chi ci mette i soldi da qui a fine campionato?
    Ragionevolmente qlc bisogna cederlo e qlc di importante. In questo contesto siamo onesti: rimanere in A e’ gia’ un vanto

I commenti sono chiusi.