LEONARDISMI DA CENTENARIO: “EMOZIONI, NON SFARZO” / Il video della prima parte della conferenza stampa odierna sulla tre giorni crociata del secolo

(gmajo) – Ci perdoneranno gli altri interlocutori intervenuti stamani nella sala stampa del Tardini per la presentazione della tre giorni di grandi eventi per celebrare il centesimo compleanno del Parma FC, ma, dopo averlo ascoltato e web-video registrato, abbiamo deciso di omaggiare l’amministratore delegato del Club Pietro Leonardi, del quale trascriveremo parola per parola gli interventi fatti. Iniziamo da quello “istituzionale”, di cui sotto potete trovare il video amatoriale (relativo alla prima parte della conferenza, poi, via via, seguiranno gli altri).

“Buongiorno a tutti, arriviamo con molto entusiasmo alla data fatidica del compleanno del Parma, nel quale ci sarà il concentramento di tutti gli ultimi eventi in riferimento a ciò. io, In particolar modo, per quanto riguarda la mostra, volevo ringraziare tutti questi appassionati, tifosi, il gruppo degli ex gialloblù, i collezionisti, e gli storici che hanno realizzato questo. Noi, volutamente, come società abbiamo lasciato lo spazio a loro per l’organizzazione, anche se, naturalmente, ci siamo messi a sostegno, dando il nostro supporto: a questo proposito, sempre per la mostra, vorrei ringraziare anche G Sport, che ha dato altre possibilità in più per gli allestimenti, e tutta la loro esperienza in tal senso. E’ stata molto apprezzata la scelta del luogo, nel cuore della città, e anche questo ha un significato molto particolare.

Per quanto riguarda la giornata della gara, vista anche l’esperienza avuta in occasione dei festeggiamenti di Wembley nella partita con il Bologna, il giorno della partita c’è la partita. Io lo comincio a chiarire, se no si divaga troppo. Ci sarà una festa sugli spalti, ci saranno tanti bambini. Abbiamo apprezzato, anche, l’intervento di chi fornirà tutte queste bandierine crociate. Perciò, come ho sempre detto, sarà una festa nella festa, ma in quella giornata l’unico utilizzo che si farà dei nostri calciatori sarà quello di indossare la maglia storica, poi devono pensare alla partita, perché per noi è fondamentale ottimizzarla.

Poi, invece, il 16, ci sarà una giornata completamente dedicata, perché è proprio la giornata del compleanno, che inizierà alla mattina, con l’andare in ospedale per andare a fare un omaggio, come poi vi spiegherà Carra, ai nati proprio del giorno 16 dicembre, e finirà con la serata del Teatro Regio. E anche qui voglio essere molto chiaro: siccome ho detto che lo stile, e l’immagine di questi festeggiamenti deve essere caratterizzato anche dal momento, noi festeggiamo a tutti gli effetti il compleanno del Parma, poi non so se qualcuno si aspettava qualcosa di molto più pomposo, di molto più costruito, visto che qui c’erano tante abitudini di sfarzo, e di voler far vedere chissà che cosa, noi vogliamo festeggiare il Parma e lo faremo in un modo lo stesso, secondo me, molto elegante, ma con la nostra emotività, e questo significherà che tutti quelli che parteciperanno a quella serata dovranno considerarsi i partecipanti a un compleanno. E’ come quando si fa una festa, si invitano tutte le persone e tutti gli altri che partecipano saranno lì come quando si spengono le candeline. Non è che ci sarà chissà che cosa e lo abbiamo fatto veramente con tanto amore, con tanta voglia di dar soddisfazione e penso che, indipendentemente da tutto, con quello che sono i momenti e le situazioni ritengo che questa società abbia fatto quello che doveva, perciò ringrazio, per questo tipo di discorso, il presidente Ghirardi e tutto il CdA e soprattutto ci tengo a ribadire a tutte quelle persone che stanno fuori a guardare e giudicare, coloro che  – non facenti parte del Parma FC, si sono messi a disposizione a disposizione, e li ringrazio volentieri per l’opera che hanno dato e che stanno dando. Veramente encomiabili”.

Pietro Leonardi, estratto dalla conferenza stampa del 10.12.2013 nella sala stampa dello Stadio Tardini di Parma – Video registrazione amatoriale e trascrizione a cura di Gabriele Majo per www.stadiotardini.it

IL VIDEO AMATORIALE DELLA PRIMA PARTE DELLA CONFERENZA STAMPA

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “LEONARDISMI DA CENTENARIO: “EMOZIONI, NON SFARZO” / Il video della prima parte della conferenza stampa odierna sulla tre giorni crociata del secolo

  • 10 Dicembre 2013 in 17:27
    Permalink

    Gentile dott. Majo, stando alle parole di Leonardi devo presumere che il giorno della partita, e più precisamente allo stadio, non ci sarà la presenza di calciatori che hanno fatto la storia recente e passata del Parma calcio. Lei conferma? Le chiedo questo perché ho intenzione di venire a Parma (sono un “crociato” della Basilicata) e mi sarebbe piaciuto vedere dal vivo quei giocatori, o alcuni di loro, che hanno giocato per il Parma.
    La ringrazio in anticipo per l’attenzione e la risposta.

    • 10 Dicembre 2013 in 18:27
      Permalink

      Credo che abbia inteso correttamente.

      Cordialmente

      Gm & C.

  • 10 Dicembre 2013 in 17:28
    Permalink

    Il mio professore di italiano al tema di Leonardi qui sopra gli dava 2: questione di sintassi

I commenti sono chiusi.