giovedì, Giugno 13, 2024
In EvidenzaNewsVideogallery Amatoriale

PIZZAROTTI A STADIOTARDINI.IT: “NON E’ NOSTRA INTENZIONE ENTRARE NEL PACCHETTO AZIONARIO DEL PARMA CALCIO”

Intervista esclusiva a Michele Pizzarotti, di Gabriele Majo

SLIDE MICHELE PIZZAROTTIIl rapporto tra la famiglia Pizzarotti e il Parma Calcio dura già da diverso tempo, grazie alla partnership di Monte delle Vigne, ma quest’anno c’è la novità con l’ingresso istituzionale di questa storica azienda, di tre anni più anziana del Centenario Parma, tra gli sponsor del club.

Michele Pizzarotti, qual è significato di questa sponsorizzazione che si è implementata e che immagino soddisfi Tommaso Ghirardi che anche in passato aveva auspicato che le famiglie storiche imprenditoriali di Parma lo affiancassero e gli potessero stare vicino?

“Il rapporto è nato da una collaborazione con Tommaso Ghirardi, da una stima reciproca, che nasce dal momento in cui si è insediato come presidente. Noi abbiamo sempre cercato un modo di collaborare proficuo per entrambe le società; lo abbiamo fatto con Monte delle Vigne, per quattro anni; quest’anno abbiamo pensato di investire direttamente con il marchio dell’impresa Pizzarotti, con scritto fondata nel 1910, più di cento anni di storia: questo è appunto l’anno dei 100 anni del Parma Calcio, quindi, appunto, veniva bene unire due marchi importanti, che hanno voglia di vincere e che si augurano di avere una storia altrettanto lunga”.

Diceva prima il presidente Ghirardi che il Parma Calcio è un valore per la città e dietro questa sponsorizzazione, immagino, ci sia anche questo tipo di valutazione anche da parte vostra: ci potranno essere, anche, magari, degli sviluppi futuri, al di là della sponsorizzazione? Che scenari ci potranno essere? Gli sportivi, tante volte, auspicano una componente parmigiana nella compagine societaria: Pizzarotti cosa ne potrebbe pensare?

“Diciamo che se avessimo voluto investire nel Parma Calcio, come società, saremmo diventati azionisti, anche in piccola parte, ma questo non è nelle nostre intenzioni: quello che prospettiamo è che sarà possibile continuare un rapporto commerciale, di partnership importante, sia come Monte delle Vigne, che come Impresa Pizzarotti, con progetti futuri che magari potranno anche essere ampliati, però non un ingresso nell’azionariato”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

6 pensieri riguardo “PIZZAROTTI A STADIOTARDINI.IT: “NON E’ NOSTRA INTENZIONE ENTRARE NEL PACCHETTO AZIONARIO DEL PARMA CALCIO”

  • Se fosse l’impresa pizzarotti ad essere scelta per fare i lavori al Tardini?

      • Marcello

        Il settore invalidi, no? :/

        • No, quello è appannaggio dell’ing Forleo di Brescia e della stessa compagnia di Collecchiello. E comunque non è che sia un gran investimento…

  • Claudio.

    No non mi riferivo a quello, ultimamente scrivo peggio del solito. Casualità vuole che proprio quando si vocifera che la legge sugli stadi dorrebbe essere approvata arriva come partner istituzionale una ditta di costruzioni edili, quindi ci può essere una piccola possibilità che all’orizzonte ci sia una ristrutturazione dello stadio?

    • Con gli attuali chiari di luna tenderei ad escluderlo. Poi si vedrà. Ma Pizzarotti sono anni che – con Monte delle Vigne – è partner di Ghirardi…

      Cordialmente

      gmajo

I commenti sono chiusi.