mercoledì, Luglio 24, 2024
In EvidenzaNewsTutto il Calcio minuto per minutoVideogallery Amatoriale

SCARAMUZZINO (RADIO RAI) A STADIOTARDINI.IT: “PER LA BELLEZZA DEL CALCIO, LA COPPA ITALIA NON SI DOVREBBE GIOCARE IN CASA DELLA PIU’ FORTE. MA LO HANNO DECISO I SIGNORI DEL CALCIO ITALIANO…”

Al microfono del direttore di www.stadiotardini.it Gabriele Majo il radiocronista di Radio Rai Giovanni Scaramuzzino, che ha curato la diretta di Parma-Varese 4-1 di Coppa Italia con il collega Antonello Brughini, ha profondamente criticato l’attuale formula della Coppa Italia che prevede la disputa delle gare a turno secco di Coppa Italia alle formazioni meglio piazzate negli ultimi campionati. “E’ profondamente ingiusto, ma lo hanno deciso i signori del calcio italiano 10 anni fa per avere le più forti che si scontrano nei turni finali”. Il giornalista ha anche spiegato perché non ci sia stata la copertura radiofonica della gara Bologna-Siena (“Zona Cesarini, che ci ospita, inizia alle 21”) che invece ha avuto la precedenza sul piccolo schermo (“Loro hanno seguito tutte le gare, inclusa quella: siccome è andata ai supplementari hanno finito quella diretta, prima di passare la linea al Tardini”). Scaramuzzino si è anche espresso sul piccolo dramma di Amauri, gratificato con la fascia da capitano, ma incapace di trovare la via della rete, nonostante la vendemmia di gol dei suoi compagni: “In effetti i nostri pezzi successivi alla diretta li abbiamo impostati proprio su questo, che l’uomo che più cercava il gol non lo ha trovato. Io credo, però, che Donadoni abbia trovato alternative”.

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".