martedì, Luglio 23, 2024
News

SU FACEBOOK DALLA SUA BARI UNA PAGINA PER “CASSANO IN NAZIONALE”. MA ALBERTO COSTA DEL CORSERA, ALLA DS, INSINUA CHE FANTANTONIO NON SIA BEN VOLUTO NEL GRUPPO

(Lorenzo Fava) – Gli ultimi due gol del Parma portano la firma dello stesso artista: Antonio Cassano, eroicamente rimasto in campo, sabato sera, malgrado la frattura del setto nasale, dopo lo scontro fortuito con Nicola Sansone, frattura subito ridotta ieri, domenica, per sua esplicita volontà, all’ospedale maggiore, sperando possa recuperare per domenica sera con l’Inter, magari protetto da una mascherina. Le reti segnate contro Napoli e Bologna – oltre al fatto di aver avuto lo stesso comune denominatore, cioè di essere reti di ottima fattura tecnica – sono valse alla squadra di Donadoni ben 4 punti. Tanto da far riaccendere la Cassano-mania. A livello nazionale ne ha parlato anche la Domenica Sportiva: la conduttrice dello storico talk show sportivo domenicale della Rai, Paola Ferrari, iersera si chiedeva come sia possibile che un giocatore del livello di Cassano non rientri nei piani del ct Cesare Prandelli. “Da luglio Cassano ha perso 20 kg, e forse è anche un po’ esagerata questa dieta” ha asserito la Ferrari, che poi ha aggiunto “un giocatore come lui o come Totti lo porterei sempre al Mondiale”. Alberto Costa, penna sportiva del Corriere della Sera  ha insinuato: “forse se Prandelli non lo ha convocato per un anno, qualcuno del gruppo non lo voleva…”. L’istrionico Gene Gnocchi, tuttavia, lo costringerà nella prossima puntata – che andrà in onda subito al termine del posticipo Inter-Parma – a rivelare i nomi di chi non vuole il Discolo a Coverciano…

Chi, invece, vorrebbe far indossare a FantAntonio la maglia della Nazionale è Edoardo Frasso, giovane ventenne originario e residente a Bari, che nella giornata di oggi ha creato un gruppo sul social network Facebook intitolato “Antonio Cassano in nazionale”. (Clicca sul collegamento ipertestuale per vederla). La pagina dedicata al “Pibe de Bari” vanta già quasi un centinaio di iscritti, in meno di 12 ore di vita, ed è destinata a crescere.

“Dove va Antonio, vado io”, ha detto a stadiotardini.it il creatore della pagina FB che, tramite questa petizione, coronerebbe il sogno suo e di molti altri, di provare a portare il 99 crociato in Brasile: “penso che l’unico modo per fare qualcosa sia far sentire la presenza dei tifosi (anche con l’aiuto dei social), perché la Nazionale dovrebbe rappresentare le idee tutti”.

Edoardo Frasso non solo è un fan sfegatato del Discolo di Bari Vecchia, ma anche un appassionato del Parma: infatti, nella stagione in corso si è già organizzato per andare a seguire la squadra per cui simpatizza, partendo dalla Puglia, nelle trasferte di Firenze e Napoli, e nella partita interna contro la Roma. Lorenzo Fava

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “SU FACEBOOK DALLA SUA BARI UNA PAGINA PER “CASSANO IN NAZIONALE”. MA ALBERTO COSTA DEL CORSERA, ALLA DS, INSINUA CHE FANTANTONIO NON SIA BEN VOLUTO NEL GRUPPO

  • Se sul piano tecnico-tattico convince, non fa altrettanto sul piano comportamentale e gesti come quelli di sabato (la spinta a Perez, anche se con caduta accentuata) non lo aiutano.

I commenti sono chiusi.