giovedì, Giugno 13, 2024
NewsUn uomo in due maglie

UN UOMO IN DUE MAGLIE / ENRICO CHIESA TRA SAMPDORIA E PARMA

(Luca Savarese) – Prima che Rudi Garcia ordinasse di mettere la Chiesa al centro del villaggio, prima che Santa Romana Chiesa venisse invasa dalla novità di Papa Francesco, il Ducato ha conosciuto le meraviglie footbolistiche di Chiesa Enrico, nato a Genova, comune di Mignanego, il 29 dicembre 1970. In giro per l’Italia nord e centro, sin da ragazzino a segnare strenne di gol. Lui è nato per metterla oltre la linea di porta. Prima se  lo gode la Samp, con la quale – dopo un pellegrinaggio di squadre e gol Pontedecimo, Teramo, Chieti, Modena e Cremonese – si consacra definitivamente nella stagione 1995-1996: le cifre allestiscono una bella Chiesa, resistente, con le navate delle presenze, ben 27 e con gli affreschi dei gol, 22. Il primo Parma del dopo Scala, se lo porta a casa per continuare con lui i imagecari sapori delle notte europee. Con una tripletta ai polacchi del Widzew Lodz spiana la strada al Parma in Polonia nell’andata del preliminare 1997 e consegna ai nostri la certezza della prima e finora unica Champions League. Nel 1999 fa il mattatore, e diventa presto Enrico VIII, con prestazioni di livello e sacchi di reti bucate: in Uefa saranno ben 8 i suoi squilli, che lo porteranno in cima alla classifica dei 100 anni del Parma teatro Regiocannonieri Uefa. Anche nella finale di Mosca la  piazza  al Marsiglia, confermando le piacevoli news dei timbri di Crespo e Vanoli. Con Valdanito, forma una delle coppie gol più belle di tutti i Parma e meglio assortite di tutti i tempi: non a caso i due, assieme all’autoctono Melli, hanno costituito il trio di attaccanti del Parma del secolo, premiato lunedì sera al Regio. Chiesa la porta non la vedeva, la sentiva prima dentro. Riva lo paragonò spesso a se stesso, Capello disse addirittura che Enrico era il giusto mix tra Gigi Riva e Pablito Rossi: caspita che bomber esplosivo Enrico! Se Crespo faceva saltare in area le difese, Chiesa era l’artificiere che preparava la polvere da sparo ed all’occorrenza accendeva anch’egli improvvise micce. Dopo la grande mangiata in maglia crociata va a Firenze, s’infortuna, aspetta, rientra e continua a segnare con una nuova maglia, con il biancoceleste Lazio. Poi breve tour ancora in Toscana, questa volta nella città del Palio, per mostrare ancora le sue prodezze da cavallo buono del gol. Chiude a Figline Val d’Arno, per asciugare gli scarpini in Arno. Oggi è allenatore della primavera doriana, ma il Ducato per lui è sempre aperto. Luca Savarese

 

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

LA TOP 11 DEL SECOLO AL TEATRO REGIO / SCALA E CRESPO RAGGIUNGONO I PICCHI ALL’APPLAUSOMETRO. La cronaca di Luca Savarese, con foto e video amatoriali della serata al Regio

IL CENTENARIO DEL PARMA AL TEATRO REGIO CON LA PREMIAZIONE DEI TOP 11. NEVIO SCALA E’ L’ALLENATORE DEL SECOLO – La fotogallery di Marco Repetti

LE PRECEDENTI PUNTATE DI “UN UOMO IN DUE MAGLIE”, STAGIONE 2013-14

1. ALBERTO PALOSCHI TRA PARMA E CHIEVO (24.08.2013)

2. NESTOR SENSINI TRA UDINESE E PARMA (31.08.2013)

3. DIEGO FUSER E ABEL BALBO TRA PARMA E ROMA (15.09.2013)

4. JOHAN WALEM TRA CATANIA E PARMA (21.09.2013)

5. DAMIANO ZENONI TRA PARMA E ATALANTA (25.09.2013)

6. SEBASTIEN FREY TRA FIORENTINA E PARMA (29.09.2013)

7. TANTE STELLE IN DUE MAGLIE, GIALLOBLU’ E CROCIATA (12.10.2013)

8. ADRIAN MUTU TRA VERONA E PARMA (18.10.2013)

9. ROBERTO MUSSI TRA PARMA E MILAN (25.10.2013)

10. GIANLUCA SIGNORINI TRA GENOA E PARMA (30.10.2013)

11. LILIAN THURAM TRA PARMA E JUVENTUS (02.11.2013)

12. JUAN SEBASTIAN VERON TRA PARMA E LAZIO (08.11.2013)

13. FABIO CANNAVARO TRA NAPOLI E PARMA (23.11.2013)

14. ADAILTON TRA PARMA E BOLOGNA (29.11.2013)

15. NICOLA BERTI TRA INTER E PARMA (07.12.2013)

16. PATRICK MBOMA TRA PARMA E CAGLIARI (14.12.2013)

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".