venerdì, Giugno 21, 2024
Carmina ParmaNews

AL GIRO DI BOA, LA DANTESCA GAZZETTA DELLO SPORT METTE IL PARMA IN PARADISO

image(Luca Savarese) – Alla Gazzetta dello Sport la fantasia certo non manca. Quest’oggi, alle pagine 10 e 11, si sono inventati una commistione davvero suggestiva: mettere le venti di A, al giro di boa, nelle tre cantiche dantesche. Un bel giochino, un incontro tra calcio e letteratura (un po’ alla maniera del nostro “Carmina Parma”) che non fa mai male. I tifosi crociati possono tirare un sospiro di sollievo, momentaneo certo, ma pur sempre disteso. La formazione ducale figura infatti in Paradiso assieme alla Juventus (9,5),alla Roma (9), al Napoli (9), al Verona (8), alla Fiorentina (7,5) ed al Toro (6,5). La votazione con la quale la compagine emiliana è stata esaminata da questa analisi dantesco-gazzettara? 6,5. Questo il giudizio: "Ha sconfitto Napoli, Milan, ha pareggiato segnando 3 gol in casa dell’Inter e ha spaventato la Juve. A suo agio con le grandi, segno di personalità che il bravo Donadoni ha coltivato anche con il cambio di modulo. Da quando è passato al 4-3-3 contro il Napoli, il Parma non ha più perso:7 partite utili. Doveva essere il Parma di Cassano,invece è stato il Parma di Parolo che ha meritato il ritorno in nazionale. Virtù: PERSONALITA’ ".  A parte il imagepiccolo refuso, per così, dire fotografico che vede l’immagine di Rudi Garcia affianco al riquadro che parla del Parma (forse un segnale per la prossima stagione?, ovviamente stiamo scherzando…), vien da chiedersi sei i Rosei  han visto l’ultima opaca sfida di Coppa Italia prima di stilare queste parole, che certo, si riferiscono alle gesta di Campionato ma che sono stra-positive .Il Parma è l’unica squadra ad essere nella terza cantica dantesca, in questo fantomatico Paradiso calcistico, pur avendo tre punti in meno rispetto allo scorso anno alla fine del girone d’andata. Milan e l’Inter bruciano all’Inferno, le due genovesi sperano nel purgatorio, bhè, sinceramente, non ci aspettavamo di essere nella luce della Perfezione. Diciamo che fa piacere, ma per essere davvero paradisiaci servono punti e costanza. Speriamo piuttosto di fare un girone di ritorno all’altezza di questo confortante inserimento nel regno dei beati. Luca Savarese

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

3 pensieri riguardo “AL GIRO DI BOA, LA DANTESCA GAZZETTA DELLO SPORT METTE IL PARMA IN PARADISO

  • Ildiavoloincorpo

    Vedi che l’asse Leonardi-Schianchi a qualcosa serve…:)

  • GALLO DI CASTIONE

    Preferisco il Paradiso per il clima ma l’inferno per la compagnia.

I commenti sono chiusi.