CALCIO & CALCIO / IL MAXI SCAMBIO DELLA DISCORDIA: I TIFOSI CONTESTANO LE CESSIONI E LEONARDI (RI)SBOTTA E (RI)CHIAMA IN DIRETTA…

(Evaristo Cipriani) – Sarà interessante vedere quando il “Re Sole” Pietro Leonardi sarà l’amministratore delegato dell’Inter, della Roma, del Manchester United o di uno degli altri top club che, a quanto pare, se lo stanno contendendo a suon di offerte milionarie, interverrà telefonicamente a Telelombardia, Tele Raccordo Anulare o a North West Channel, per controbattere alle critiche via sms o social network dei tifosi sul mercato da lui condotto oppure per cercare la lite con qualche ruspante opinionista.

Glielo sconsigliamo, in un contesto metropolitano, anzi globale, potrebbe, nella migliore della ipotesi, diventare una “macchietta”, oppure, nella peggiore, essere massacrato mediaticamente.

Sta di fatto che ieri sera l’Ad, ci è ricascato e non ha resistito. Già il “Sovrano Gialloblu” doveva essere piuttosto innervosito dalla proteste scatenatesi nel weekend, via web, da parte dei tifosi, sui vari siti locali, per le partenze di Sansone, Mendes e pure Rosi al Sassuolo, figuriamoci quando nel corso della puntata di Calcio & Calcio le critiche sono state amplificate dalla tv, malgrado il successo del Bentegodi, il terzo di fila. Non sarà parso vero al manager cresciuto nel Monterotondo che qualcuno osasse contestare il suo operato a fronte dei risultati che gli stan dando ragione  e avrà  pensato: “Ma come?! Siamo alle soglie dell’Europa e questi qui rompono pure le scatole?!”.

Magari, poi, sarà diventato viola in volto, davanti allo schermo della propria abitazione, il Sommo Dirigente, nell’ascoltare gli sms e i post su Facebook che giungevano dai telespettatori e letti con nonchalance dall’imperturbabile web boy Lorenzo Fava. Avrà, infine, iniziato a prendere fuoco quando anche il conduttore Angella e altri opinionisti hanno mostrato perplessità sul maxi scambio e quando il povero Tullo Baroni si è trovato in difficoltà nel difendere le tesi pro società sulle quali si era così ben documentato nelle ultime ore, tanto da essere citato dallo stesso Leo al telefono…

E allora il “demone telefonico” si è nuovamente impossessato di Lui (curioso: anche l’ultima volta era accaduto dopo una vittoria, quella prestigiosa sul Milan di fine ottobre…), costringendolo a comporre il numero del centralino di via Barilli per intervenire in diretta. “Chiamo io perché lì non mi chiamate mai” ha subito esordito, lamentandosi, il Plenipotenziario. Al che il conduttore Angella, non si è certo lasciato intimorire replicando in modo deciso: “C’é una mail con inviti ufficiali a cui non è ancora stata data risposta”. “Io mi metto a disposizione, posso venire tutte le puntate, il lunedì e il mercoledì per tutto l’anno, ma se disturbo riattacco”  al che Angella  gli ha replicato: “Lei non disturba, qui non disturba nessuno … qui … vada avanti per favore”.

Ma Leonardi, prima di esprimere i contenuti del suo intervento, ha provato a cercare lo scontro con lo studio: “Fatemi domande, perché state zitti?”. In realtà le domande ci sono state, anche se gli sguardi dei presenti erano tra il sorpreso, il divertito e il rassegnato nel vedere l’Amministratore Delegato di una società di serie A chiamare al telefono – caso più unico che raro, tranne che per lui – per polemizzare nell’arena di una tv locale.

Ecco comunque una sintesi delle sue principali argomentazioni : “Io sono qui da cinque anni, meglio di così non so fare. Avete dei dubbi sulla mia gestione? Sono cinque anni che seguiamo questa strada. Se società come il Verona, come il Cagliari o come l’Inter devono necessariamente fare delle operazioni in uscita, possiamo farlo anche noi. Si fanno quelle operazioni che si ritengono le meno svantaggiose a livello tecnico, consapevoli del fatto che si possa sbagliare. Ci siamo messi sempre al vaglio della critica, abbiamo fatto una scelta vantaggiosa. Questa operazione ci permette di risparmiare un milione e sono pronto a testimoniarlo, oltre all’incasso che c’è. E’ un’operazione migliore rispetto a quella estiva, se volete gli elementi ve li porterò. Se vuoi vendere devi anche prendere dei giocatori, Noi li abbiamo presi in prestito cosi da poterli misurare. Poi si dice che sono degli scarponi, ma a me questa cosa stimola. Ricordiamoci quando prendemmo Amoruso, era un vecchio morto defunto, ma alla fine ce lo siamo rivenduto.”

Su Schelotto, bersaglio di non pochi SMS critici (“tutti documentabili”, ha chiarito, a scanso di equivoci, il conduttore): “Arriva in prestito gratuito, con la possibilità di riscatto dell’intero cartellino fissato a due milioni. Rossini arriva in prestito gratuito, perchè in comproprietà tra il Sassuolo e la Sampdoria e quindi non si può dare nessun tipo di diritto. Abbiamo Sansone che è un 91′, Mendes anche, con Schelotto e Rossini che sono 89′, quindi solo due anni di differenza. Con una certezza: c’è una condivisione del rischio con un’altra società. Il conguaglio è importante, noi non abbiamo nessun tipo di investimento su questi giocatori”.

Sui big tolti dal mercato: “Io ritengo che i giocatori importanti si vendono all’inizio non alla fine. Certi giocatori non si prendono a fine mercato, questo non è avvenuto anche per una nostra volontà. Abbiamo venduto Belfodil e abbiamo preso Cassano che ha firmato un contratto triennale. Voi pensate che Paletta, Biabiany non sono stati chiesti?”

Il Saltimbanco, dopo avergli steso il tappeto rosso prima, lodandolo per la maxi-operazione, gli ha chiesto di Macheda: “Macheda non lo abbiamo mai trattato”.

La versione di Leonardi avrà convinto i tanti tifosi contrari alle partenze di Sansone & C? A quando il prossimo sfogo telefonico del Leo? Evaristo Cipriani

(Il telefonino di Leonardi – immortalato nella foto – è stato rubato da quei discoli di Parma Fanzine…)

CLICCA QUI PER VEDERE LA PUNTATA DI IERI SERA DI CALCIO & CALCIO CON LA TELEFONATA DI LEONARDI (web registrazione a cura di Alex Bocelli)

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

8 pensieri riguardo “CALCIO & CALCIO / IL MAXI SCAMBIO DELLA DISCORDIA: I TIFOSI CONTESTANO LE CESSIONI E LEONARDI (RI)SBOTTA E (RI)CHIAMA IN DIRETTA…

  • 21 Gennaio 2014 in 14:26
    Permalink

    Ha un bel da arrabbiarsi Leonardi, doveva aspettarselo che l’acquisto di Schelotto non avrebbe suscitato l’entusiasmo che darebbe l’acquisto di Messi.

  • 21 Gennaio 2014 in 14:30
    Permalink

    Ma basta con queste sceneggiate, cosa pretende Leonardi che tutti gli facciano l’applauso a prescindere? Di certi atteggiamenti arroganti io ne ho piene le scatole, senza nulla togliere alle capacità di mercato di Leonardi, però si dia una regolata e cerchi di tollerare le critiche!

  • 21 Gennaio 2014 in 16:02
    Permalink

    Corre voce che Leonardi, elenco telefonico alla mano, stia chiamando random gli utenti della provincia di Parma per chiedere, minaccioso, cosa ne pensino dello scambio con il Sassuolo e per spiegare i vantaggi dell’operazione. Cazzo, non esco più di casa, spero di essere tra i fortunati!

  • 21 Gennaio 2014 in 17:13
    Permalink

    Majo squilla anche a lei ogni tanto il telefono?
    Speriamo ci siano striscioni anche su questo tema (io li approverei). Speriamo che per far cassa non facciano come a Peggio Emilia che si sono venduti pure il Giglio.

  • 21 Gennaio 2014 in 17:32
    Permalink

    Allora, se il Leo ci vuole convincere che Rossini è = Mendes e che Schelotto = Sansone ma in più ha chiuso i buchi del bilancio siam lontani dal comprendere. Capiamo solo che ha chiuso i buchi del bilancio dopo aver provato a vender il Biabia (alla JUve ma ci davan poco) e Parolo (alla Roma ma ce lo ha detto lui che la proposta era scandalosa).
    Per via dei nuovi arrivati Schelotto son due anni che non gioca e vedremo se il Don lo farà giocare. Per il compositore difensivo se andava bene lo teneva il Sassuolo senza prendersi Mendes. Ma se il Don riuscirà a far le nozze coi fichi secchi lo scopriremo presto. Per domenica intanto speriamo di non rimpianger gli assenti, che come ben sappiamo, han sempre ragione.

  • 21 Gennaio 2014 in 18:02
    Permalink

    Mancano 11 punti e poi possiamo vendere anche l’anima al diavolo. Dai ragazzi dai dai dai!!!!

  • 21 Gennaio 2014 in 18:34
    Permalink

    Tim, Vodafone, Tre e Wind stanno litigando per contendersi il nuovo contratto telefonico di Leonardi. Pare che Wind abbia proposto all’Ad il ruolo di testimonial per la prossima campagnia pubblicitaria, al posto di Panariello.

  • 22 Gennaio 2014 in 11:46
    Permalink

    sì davvero questa telefonata è stata assurda!! è stata inopportuna ed è servita soltanto a dare l’ufficialità di uno scambio che nessun tifoso avrebbe mai approvato… dare via la metà di 2 calciatori super promettenti e mandare anche Rosi in prestito è stato un grande errore, probabilmente leonardi però non si aspettava questa rivolta di massa e ha pensato che telefonando di persona avrebbe convinto tutti quanti che il Parma stava facendo la scelta giusta -.-‘ ma non è così, io per esempio continuo ad essere super amareggiata da questa operazione di mercato e non bisogna farsi ingannare dalla vittoria contro il chievo; sì abbiamo vinto all’ultimo minuto ed è stato bello ma pochi minuti prima abbiamo anche rischiato tantissimo di subire goal e addirittura perdere la partita, non possiamo ancora considerarci salvi soltanto perchè vinciamo da 3 volte di fila, non abbiamo quella rosa super forte che può fare comodamente a meno di gente come Sansone ecc…dare via 3 giocatori così importanti a metà campionato senza dubbio ci indebolisce non poco. spero almeno che arrivi qualcuno di nuovo forte ma lo trovo molto improbabile purtroppo xD

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI