CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO E IL FATTORE C DI DONADONI. I VOTI DEL PAGELLONE DEL PROFESSOR ANGELLA E IL CASO CASSANO ACCENDONO LA DISCUSSIONE

DSC00026(Lorenzo Fava) – DONADONI E IL FATTORE C – Subito da censura, o almeno non da fascia protetta, in avvio di trasmissione, il Saltimbanco  Enrico Boni, che di solito, al di là delle trovate un po’ stravaganti, cerca di esprimersi in modo pittoresco, ma non volgare, ma ieri sera sul trainer, da lui messo nel mirino da inizio stagione, si è espresso così: «Donadoni c’ha un culo che meriterebbe solo per questo una big…». Durante la 20^ puntata di “Calcio & Calcio”, in onda come sempre nella prima serata del lunedì, il conduttore Michele Angella ha, al contrario, elogiato il tecnico Donadoni, sia perché ora si vede la sua mano, dal momento che cambiando gli interpreti la resa rimane alta per tutti e poi per la coraggiosa scelta di lasciar fuori il massimo talento della compagine, distratto dall’affaire Samp: «Bravo Donadoni nella gestione del giocatore. Ma domani contro la Lazio (stasera, nda), in Coppa Italia, Cassano si gioca il suo futuro a Parma: è la partita decisiva».

DSC00005LA LOVE STORY CASSANO-SAMP – La seconda panchina consecutiva di Cassano a Livorno non poteva che lasciar aperta l’ampia parentesi, che si era spalancata circa un mese fa quando il Discolo fece insospettire il pubblico di Parma facendosi ammonire contro il Cagliari per saltare la partita seguente contro la Samp, e dichiarare pochi giorni dopo il suo amore sconfinato per la causa blucerchiata. Antonio Boellis, corrispondente del quotidiano Tuttosport e anima del sito Sportparma.com, ha smentito ogni interesse da parte della società blucerchiata per il 99 crociato: «Io ho parlato con il DS della Sampdoria Carlo Osti e mi ha assicurato che la società ligure non ha mai avanzato alcun tipo di richiesta al Parma per avere Cassano. E non penso che Cassano possa avere mercato». Come per dire: “qualcuno ha buttato l’amo per DSC00094vedere che pesci abboccavano”. Rispondendo al redivivo Tullo Baroni, plenipotenziario de Il Mattino di Parma, che aveva lanciato la seguente provocazione «E chi mi dice che non avesse firmato in estate un accordo per rimanere fino al 31 gennaio?!», Gabriele Majo, direttore di Stadiotardini.it, ha asserito che probabilmente la volontà della società era proprio quella di “sbarazzarsi” della ciliegina della centenaria torta crociata, ora poi che il pasticciere Donadoni ha capito che il dolce impasto riesce bene anche se il tocco di qualità finale: «Cassano in estate aveva firmato per un accordo triennale. L’esclusione di Cassano contro il Torino e a Livorno, secondo me, è tutta dell’allenatore, e non è stata concordata con la società, che comunque era disposta anche a cederlo: il giorno della famosa “conferenza teatrino” io ho visto un DSC00029Leonardi che rodeva come se l’affare fosse saltato perché si erano tirati indietro!». Il Saltimbanco Enrico Boni, presentatosi in studio con un barattolo di Nutella (che tanto ama Cassano…), prendeva le difese del Discolo, accusando i tifosi di averlo reso un mostro: «La società civile e la società Parma Cassano lo stanno demonizzando!!! Il suo campionato è al di sopra delle aspettative. Chi contesta Cassano non deve andare in Curva con gli Ultras gemellati della Samp. In fondo, lui non ha detto di amare la Reggiana o la Juve, ma i nostri adorati cugini blucerchiati… Piaccia o no, lui deve andare via. Non ce lo vedo più a Parma». Punitivo il giovane giornalista di Calcionews24 Daniele Longo: «Un altro calciatore della rosa, con un’uscita come quella di Cassano, avrebbe ricevuto un altro trattamento… E’ giusto dargli il messaggio che è uno come tutti gli altri»

DSC00046MIRANTE E LUCARELLI DA AZZURRO – Come di consueto, al termine del girone di andata, il temibile professor Angella, ha tracciato un parziale bilancio della stagione del Parma, proponendo ai suoi ospiti e ai telespettatori il “pagellone” dei calciatori crociati. Per il portiere Mirante è arrivato un bel 7, che secondo gli opinionisti in studio avrebbe meritato qualche ritocco verso l’alto: «E’ la sua stagione più brillante al Parma – ha detto Antonio Boellise lo vedo meglio di molti altri portieri italiani. Dopo Buffon c’è lui; sicuro tra i pali, bravo nelle uscite. Da nazionale». Gabriele Majo – stavolta senza il luccicante farfallino verde DSC00020fosforescente sfoggiato sette giorni or sono, ma con pullover color pesca –, opinion maker del parterre, avrebbe alzato di un voto la valutazione al guardiano del Parma: «Con Parolo e Lucarelli è senz’altro il migliore della stagione. Sta vivendo il suo miglior momento da quando e qui, Sul sito Stadiotardini.it, nei giorni scorsi, avevo lanciato una provocazione dicendo che Mirante, proprio per la sua crescita, potrebbe risultare un tesoretto da valorizzare qualora arrivassero offerte dal mercato».

DSC00050Si è arrivati presto ai difensori. La tabella di Angella presentava le seguenti valutazioni: Cassani 6; Lucarelli 8; Felipe 5; Gobbi 6,5; Mendes 6,5; Rosi 6. Spicca l’8 al capitano Lucarelli – rinominato dall’anchor man “il nuovo Beckenbauer” visto che «si permette anche preziosismi di tacco in area di rigore» – che la scorsa settimana era risultato il vincitore del sondaggio indetto da Teleducato “il Crociato del 2013”. Votazione ritenuta esagerata da Boni: «Se diamo un 8 a Lucarelli, allora vorrebbe dire che dovrebbe andare dritto in Brasile ai Mondiali! A Lucarelli massimo diamo un 7: non scordiamoci i gol subiti, che sono tanti…». DSC00038Rispondendo al variopinto opinionista di Sant’Ilario, Angella ha replicato: «Enrico, se non fosse per l’età avanzata, Lucarelli, per la stagione che sta disputando, dovrebbe essere veramente convocato in Nazionale. Il mondiale è un torneo che dura un mese e ci va chi è più in forma». Per Boellis, il 37enne capitano sta vivendo una seconda giovinezza: «Ricordo che, secondo qualcuno, quest’anno doveva essere l’anno della panchina per Lucarelli. Invece si è conquistato il posto da titolare sul campo a suon di prestazioni. E’ il migliore della stagione».

DSC00071BOCCIATO GARGANO – Tra i voti assegnati ai centrocampisti ha fatto sicuramente discutere l’insufficienza di Gargano. Gargano 5; Marchionni 7; Parolo 8; Acquah 7; Valdes 5. Il Saltimbanco Enrico Boni ha dissentito in merito alla questione esposta nel consiglio di classe dal Preside Angella, cercando di gonfiare DSC00015il voto dell’uruguaiano: «Dei centrocampisti, su cinque voti ne hai azzeccato uno, Preside AngellaNon si può dare 5 a Gargano! Ha giocato poco, e per un iniziale ritardo di condizione e per problemi fisici!». D’accordo con il conduttore il Pedullà di Parma Daniele Longo, penna del sito Calcionews24: «Di partite veramente buone di Gargano si conta quella contro il Sassuolo e forse un’altra…». Il decano Tullo Baroni, invece ha puntualizzato il giudizio su Parolo: «Nonostante l’ottima stagione, c’è da dire che Parolo, dopo la convocazione in Nazionale, s’è leggermente adagiato. Gli abbasserei l’8 a un 7,5».

DSC00021MAJO QUOTA PALLADINO – Nella lista degli attaccanti, poche le sorprese in termini di voto. Biabiany 6,5; Cassano 7; Amauri 6; Sansone 6,5; Palladino 6. Il direttore di Stadiotardini.it, Gabriele Majo ha suggerito di alzare il voto di Raffaele Palladino: «Merita 7, ha avuto un rendimento alto e io l’avrei schierato già molto tempo prima, al posto di Amauri. Ora Donadoni ha avuto la dimostrazione che in questo 4-3-3 può giocare chiunque là davanti. Sansone ha fatto un paio di belle partite, però rispetto ai livelli dell’anno scorso è stato molto discontinuo, gli do meno di 6,5, facciamo un 6+». Il Grillo Parlante ha poi giudicato il girone d’andata dei 2 top player, Amauri e Cassano: «Sul 6 di Amauri devo essere abbastanza DSC00090d’accordo. Noi abbiamo negli occhi le sue due ultime splendide partite in cui ha realizzato 3 gol ma, se si giudica l’intero girone, il voto sarebbe potuto essere anche più basso. Quanto a Cassano io avrei dato un 7,5 perché, fino a prima del suo innamoramento verso la Samp reiteratamente manifestato anche ai microfoni di Striscia la Notizia (per il quale io l’ho anche stigmatizzato), il suo profitto era stato elevato». In imbarazzo il Tullosauro sul giudizio dell’italo-brasiliano: «Amauri per l’impegno 7,5! Come punta però 5…». Il Saltimbanco ha difeso strenuamente il suo pupillo, il Discolo Cassano: «6 gol, 3-4 assist, comportamento ineccepibile… Almeno un 7,5 lo merita tutto! Per Biabiany invece DSC00034ci vorrebbe uno psicologo!». Sul voto dato a Sansone si è lamentato con il conduttore: «E’ come a scuola: non si può dare a un ragazzo che hai interrogato appena due volte lo stesso voto che hai dato ad un altro che hai sentito 4-5 volte… Sansone 6!». Antonio Boellis era d’accordo con i voti del Preside Angella, ma non soddisfatto del rendimento di Biabiany: «Deluso dal suo rendimento: il 6,5 è troppo alto».

DSC00066DONADONI SPACCASTUDIO – La vera dialettica riguardo i voti si è scatenata su quello assegnato da Angella al mister Donadoni un distinto 7 in pagella: «si consideri il percorso, il fatto che il Parma non subisce mai imbarcate, la gestione del gruppo e l’imbattibilità che dura da 2 mesi». Gli opinionisti del DSC00078parterre, tuttavia, non sono stati altrettanto indulgenti. Gabriele Majo – accusato dal Saltimbanco di essere un “baro” che gli ha letto le carte, avendo espresso in anticipo le stesse cose che avrebbe voluto dire lui – ha sottolineato che il Parma a questo punto della stagione avrebbe potuto aver più punti in classifica: «Il 7 a Donadoni gli va dato solo se si guarda il 2014! Non scordiamoci che il Parma arriva da 2 vittorie consecutive, una contro il Torino che è una squadra alla portata, l’altra contro l’ultima in classifica… Se mancano dei punti – e la DSC00072cosa l’ha ammessa anche l’allenatore – lui ha senza dubbio delle responsabilità. E poi, suvvia, un briciolo di coerenza. In questo studio è stato demolito fino a due puntate fa, e gli stessi tifosi, per tutta l’andata, lo hanno contestato. Suvvia, non esageriamo…». Anche Boellis ha rimarcato gli errori in passato dell’ex CT della Nazionale, che a lungo aveva insistito col 3-5-2: «Donadoni finché ha usato la difesa a 3 era indifendibile… Avrà fatto 10-11 punti». Angella, scherzando (ma non troppo), ha ricordato al corrispondente di Tuttosport che per questa esternazione entrerà “nel libro nero”, nella lista di proscrizione dei giornalisti che frequentano il centro sportivo di CollecchioLorenzo Fava

CLICCA QUI PER RIVEDERE LA PUNTATA DI CALCIO & CALCIO CON IL PAGELLONE (web registrazione a cura di Alex Bocelli)

image

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY AMATORIALE DAL BACKSTAGE

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO E IL FATTORE C DI DONADONI. I VOTI DEL PAGELLONE DEL PROFESSOR ANGELLA E IL CASO CASSANO ACCENDONO LA DISCUSSIONE

  • 14 Gennaio 2014 in 16:25
    Permalink

    Sempre accattivante il “gioco” dei voti.
    A mio parere Rosi non merita la sufficienza.
    Feliper invece 10, come (più o meno) i goal che ha regalato agli avversari

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI