CASSANATE, CASSANISMI, CASSANEIDE: STORIA DI TANTE FACCE ALLA RICERCA DI UN VOLTO, di Luca Savarese

(Luca Savarese) – Antonio Cassano non è mai stato, non è, e né mai forse sarà, un calciatore come gli altri. Anzitutto è un giocatore, uno che la palla non l’ha mai calciata, come tanti altri, ma solo giocata. Il gioco poi lo ha protratto anche in un extra time tutto suo, nelle sue stravaganti espressioni, al di fuori del campo: uno che non conosce l’adagio che nella sit-com Un medico in famiglia ripeteva spesso nonno Libero, alias Lino Banfi, al quale glielo aveva detto il povero Carmine: una parola è troppa e due sono poche Antonio, pugliese come Banfi, di parole ne ha sempre fatte scorrere a iosa tante, altro che una, altro che poche. Un parolaio, un frasario tutto suo, come quando ad Euro 2012 venne tirato in mezzo sugli omosessuali… Con la lingua non c’è verso non riesce proprio a star fermo, è immarcabile più che con la palla, con la quale quando vuole, è divino. Ha giocato con le parole e con i palloni, mandando gli ultimi sovente in rete e le prime non raramente nello stomaco dei suoi tifosi, che una volta ridono, poi sorridono, quando non la fa fuori dal vaso, ma quando fa capire che in fondo i suoi desideri sono altrove rispetto alla realtà dove vive e che non è che sia la Longobarda di Oronzo Canà, bhé allora il gioco mediatico di Cassano non fa più ridere nessuno, e resta solo quello con i piedi, certo però appesantito dai suoi giochetti linguistici. Perché nel calcio, non solo scripta, ma anche verba manent, e anche azioni: negazioni continue, va bene all’inizio della carriera, va bene per tutte le difficoltà sociali che ha vissuto senza il peso di una figura paterna, ma ora è un padre di famiglia ed un marito,  dovrebbe un attimino uscire da questo stillicidio posticcio e poco serio di parole, azioni brusche e che vanno nella direzione opposta da quello che il buon senso si aspetterebbe ed auspicherebbe.

Ecco la carrellata delle recenti cassanate in salsa crociata: ammonizione apparsa premeditata contro il Cagliari per saltare la Samp, Centenario del Parma al teatro Regio?, lui non pervenuto (e prima era andato via, in anticipo dal Natale Gialloblù, dopo aver fatto lo scocciato con i tifosi che gli chiedevano autografi), conferenza teatrino, si ma dell’assurdo, “Io son qua però non vedo l’ora di andare altrove, alla Samp, che per me è la nutella" e Parma cos’è il Nesquik che ti mette la carica, leggasi i soldi, e basta? Poi contro il Toro non prende parte al saluto sotto la curva e ultima, a Livorno, sabato, conscio di non fare nemmeno un minuto, va via anzi tempo dalla panchina come fosse al parco. Ma perché tutti questi continui cassanismi? Ma al limite per sbaglio, il ragazzo riesce a far qualcosa di normale o questo suo essere scheggia impazzita ad oltranza, non riesce proprio a trovar sosta? Io credevo che potesse dominare gli anni duemila come Baggio ha dominato i novanta, riempendoli della sua classe. Era uno dei pochi, se non l’unico, nato negli ottanta e con la sua fantasia e che aveva dei piedi per così dire baggiani. C’era un momento in cui dare alla luce una palinodia nuovissima e freschissima di se stesso: appena guarito dal grave infortunio cardiaco del 2011, dopo essere scampato a vari pericoli, dopo aver in salvo la vita e dopo aver ricevuto il dono di poter continuare a giocare a calcio a livelli alti, meta, invece, proibita a tanti atleti più sfortunati di lui, poteva e doveva cambiare modus vivendi, magari cercando di essere un pelino più umile, più grato, un altro Cassano insomma. Si è invece perso in altre parole, in fiumi di altre parole a volte tracotanti, che ne hanno decentrato e rallentato i fiumi zampillanti della sua tecnica.

Tra i ragazzi dell’82, Antonio è quello che ha ricevuto di più quanto a classe: Gila è lì che se la gioca, Kakà è redivivo, entrambi si sono riproposti in nuovi abiti, lui non riesce proprio ad uscire da quella veste di giocatore d’azzardo con le parole, le cose e le persone, è li tra coloro che son sospesi, in una commistione tra sarcasmo verbale e scorciatoie pratiche. Infinite facce, i fiori a Sanremo per Michelle Hunziker, le 700 presunte donne, il Milan che per lui era sopra il Milan c’è solo il cielo, e poi l‘Inter che sopra il cielo c’è l’Inter ,ed infine,roba dei nostri giorni, ama la Samp, ma a Parma ammette che lo trattano da re. Una vera e propria cassaneide. La linearità forse in Antonio, non a caso chiamato Fanta (nel senso anche di essere sempre al di là, come fosse una novella sovrapersona di Nietzsche, sempre e comunque al di là degli uomini, e delle convenzioni umane), non la vedremo mai. Fin quando, però, rimarrà nel Ducato, gli chiediamo solo due piccole cose: le prestazioni sul campo, che quest’anno ci sono state: Sassuolo, Milan, Napoli su tutte, e che sia un giocatore del Parma imagenon un corpo estraneo che può fare quello che vuole in qualsiasi momento, come se niente fosse. Le sue residue chance di passare il mese di giungo in Brasile con la nazionale di Prandelli, per il mondiale carioca, passano da queste condizioni. L’ora esatta forse per provare ad essere un volto, è arrivata.  Già da domani, già contro la Lazio, in un match per il Parma e per lui senza altri appelli. Luca Savarese

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DONADONI A STADIOTARDINI.IT: “CASSANO E’ GIUSTO CHE TORNI AD ESSERE TITOLARE. PUNTIAMO SU DI LUI E CREDIAMO CHE POSSA FARCI FARE UN GRANDE SALTO” – Il video dell’intervista

L’OPINIONE DI MAJO DOPO LIVORNO-PARMA 0-3: “IL PASTICCIERE DONADONI E’ RIUSCITO A DIMOSTRARE CHE LA TORTA E’ BUONA ANCHE SENZA CILIEGINA”

L’OPINIONE DI MAJO DOPO IL CASSANO ATTAPIRATO: “SI TRATTA DI UN NUOVO AUTOGOL COMUNICAZIONALE O E’ UNA STRATEGIA PER CONVINCERE LA SAMP A RIPRENDERSELO?”

E SU TWITTER CAROLINA METTE TRA I SUOI PREFERITI L’ARTICOLO SU CASSANO E STAFFELLI DI STADIOTARDINI.IT

IL CASSANO ATTAPIRATO RIBADISCE: «SONO INNAMORATO DELLA SAMPDORIA. GARRONE, ANCHE SE NON HA IL MIO NUMERO, PUÒ SEMPRE TROVARLO…» Guarda le foto

L’ESCLUSIONE DI CASSANO / CAROLINA CINGUETTA: “WHY?”. E DONADONI SPIEGA IN CONFERENZA STAMPA: PREMIATO AMAURI. SI VA VERSO UN DUALISMO?

E ADESSO CAROLINA E’ FELICE DI RESTARE A PARMA…

BUONE VACANZE A FANTANTONIO E CAROLINA

CALCIO & CALCIO / IL SALTIMBANCO NON CREDE ALLA CONFERENZA-TEATRINO: “CASSANO VIA A GENNAIO”, E PROVOCA LA GONI: “SE AMAURI VA IN DOPPIA CIFRA FAI LO STRIPTEASE IN DIRETTA!”

IL COLUMNIST / IL MATRIMONIO TRA CASSANO E IL PARMA STA VIVENDO LA CRISI DEL SETTIMO MESE. I CROCIATI POSSONO FARE A MENO DI FANTANTONIO SE GIOCANO COL GIUSTO ATTEGGIAMENTO

E LA GDS PUNZECCHIA CASSANO PER LA NUTELLA…

OGGI IL RINNOVO DEL MATRIMONIO CASSANO-PARMA, E INTANTO LA GAZZETTA DELLO SPORT IPOTIZZA AMAURI IN BLUCERCHIATO (BENEDICENDO IL TEOREMA DI STADIOTARDINI.IT)

COLPO DI SCENA / CASSANO AMMETTE CHE VOLEVA ANDARE DAVVERO ALLA SAMPDORIA: I GIORNALISTI, DUNQUE, NON SONO DEI MENA RUDO… I primi due video della conferenza-teatrino

MA LE DIRETTE TWITTER FALSANO LA REALTA’ ? Riflessioni su come la “conferenza teatrino” di Cassano & Leonardi sta apparendo sul web…

IL COLUMNIST / MA DAVVERO SI PUO’ ESSER FELICI PER UNO SCAMPATO ADULTERIO?

LA CONFERENZA TEATRINO DI IERI IN TRE TITOLI DAI QUOTIDIANI IN EDICOLA OGGI (TROVA LE DIFFERENZE…)

IL COLUMNIST / LEONARDI SOSTIENE CHE IL PARMA GIOCA IL CALCIO PIU’ BELLO D’ITALIA. IO NO…

PIERLUIGI PARDO, SU RADIO 24, PROTEGGE IL ‘SUO’ CASSANO: “I TIFOSI DEL PARMA GLI POSSONO PERDONARE QUESTA QUESTIONE DI CUORE CON LA SAMPDORIA”

Ménage à trois: sorridiamo rivedendo questo imperdibile sketch con Vianello e la Mondaini, di stretta attualità nonostante abbia 40 anni…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

One thought on “CASSANATE, CASSANISMI, CASSANEIDE: STORIA DI TANTE FACCE ALLA RICERCA DI UN VOLTO, di Luca Savarese

  • 13 Gennaio 2014 in 18:23
    Permalink

    “Io son qua però non vedo l’ora di andare altrove, alla Samp, che per me è la nutella” e Parma cos’è il Nesquik?

    Per me questa frase è fantastica! Complimenti! Alla prossima intervista bisognerebbe chiedere a Cassano se il Nesquik gli piace.

I commenti sono chiusi.