venerdì, Giugno 21, 2024
In EvidenzaNews

ETTORE, IL NOME PIU’ GETTONATO PER LE LETTERE AL GIORNALE. MA CHE IL SOLITO FINALE AMARO DI CASSANO SIA GIA’ SCRITTO E’ ANCORA TUTTO DA DIMOSTRARE…

(gmajo) – Ettore, il nome più gettonato per inviare le lettere al direttore. In principio fu quello che di cognome fa Guerra, che il 25 novembre scrisse a quello della Gazzetta di Parma Giuliano Molossi per lamentarsi che Paolo Grossi aveva dato solo 6,5 a Cassano dopo la partita del San Paolo, con il direttore-tifoso gialloblù che gli ha risposto che lui a FantAntonio avrebbe dato come minimo 7 e che gli dispiace vedere che i suoi giornalisti siano più severi con i nostri imageportacolori rispetto agli inviati nazionali. Vedendolo così ferrato in materia io cercai, invano, un Ettore Guerra a Parma, per affibbiargli una rubrica del tipo voti ai voti, ma, purtroppo, non riuscii a trovar traccia. Così, anche se ero meno interessato, anche per un altro Ettore, Ollari, che il 7 gennaio imbucò una missiva a Molossi per lamentarsi della pubblicazione di una foto del ricoverato Bersani, quando tutti gli altri quotidiani si astennero. Molossi capovolse il discorso per dire che foto 2 (7)gli altri non è che avessero scelto di non mettere quella immagine, ma non la misero semplicemente perché non ce l’avevano, dato che lo scatto di Annarita Melegari non venne ceduto ai richiedenti. Cambiamo quotidiano, ma non nome di battesimo: stavolta, però, su Linkedin ho trovato tracce parmigiane di Ettore Marconi, il quale ha scritto ad Alberto Cerruti della Gazzetta dello Sport “ha visto quanto è bello il Parma senza Cassano”, con risposta dell’autorevole firma rosa, che parla di solito finale già scritto. Ma ne siamo così sicuri? A FantAntonio, stasera, l’ardua sentenza. Sperando di non dovermi pentire per la fiducia a lui accordata ancora una volta…

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

7 pensieri riguardo “ETTORE, IL NOME PIU’ GETTONATO PER LE LETTERE AL GIORNALE. MA CHE IL SOLITO FINALE AMARO DI CASSANO SIA GIA’ SCRITTO E’ ANCORA TUTTO DA DIMOSTRARE…

  • enzo dallai

    BAJZA voto 4
    CASSANI voto 6,5
    PALETTA voto 6,5
    FELIPE voto 6,5
    GOBBI voto 6
    GARGANO voto 6
    PAROLO voto 6
    MARCHIONNI voto 6 –
    BIABIANY voto 6
    CASSANO voto 6
    SANSONE voto 4,5
    PALLADINO s.v.
    FORTUNA voto 0 !!!!!!

  • Fortuna 0 ??? Ien di nador !!! Il gioco del calcio prevede che la palla gialla debba entrare dentro nel cestone !!! Non è il ciapanò !!! Dalià !!!

  • Enzo Dallai

    DONADONI voto 6 , l’opportunita’ a Bajza era un rischio , ma , direttore , la lisciata di Sansone e’ una pugno nello stomaco allo stesso Donadoni e a chi come me ad inizio campionato si sgolava allo Stadio invocando il Mister di farlo giocare . Le 2 sostituzioni non sfruttate in questo caso , non le farei pesare troppo , perché col senno di poi….

    • Anche col senno di prima, però. Capisco la gestione dei calciatori in vista dei supplementari, però dal 60′ in poi qualcosa in più si poteva fare. Anche se la partita si è persa per le occasioni fallite, su tutte quella da te ricordata.

      Cordialmente

      Gmajo

  • Caro Enzo, la sufficienza a Felipe mi sembra inopportuna guardando il secondo goal. Ma se va bene a lei buona camicia a tutti.

  • Enzo Dallai

    Rispondo a China65 : Rettifico voto DALBELO , FELIPE voto 6.

I commenti sono chiusi.