IL MAXISCAMBIO / E VASINI DI PARMA REPUBBLICA IMMORTALA SANSONE, MENDES E ROSI AL MAPEI STADIUM

image(gmajo) – Nicola Sansone in panchina al Bentegodi? L’allucinazione (più che altro immagino si tratti di un copia incolla venuto male) è di Alessio De Silvestro di Tuttomercatoweb.com (eh sì che se non le sanno loro le cose di mercato…), che ha inserito nel tabellino pubblicato alle 17.17 (che c’entri la cabala?) il nome di Niki. In realtà, purtroppo per i suoi tanti ammiratori di fede crociata, Nicola imageSansone oggi – assieme a Pedro Mendes ed Aleandro Rosi – era al Mapei Stadium a seguire i nuovi compagni del Sassuolo battuti a domicilio dal Torino di Immobile, sotto gli occhi del Ct Prandelli che era lì per Berardi. Ad immortalare gli ormai ex tre giocatori del Parmaprotagonisti di una maxi operazione che non sta convincendo affatto i supporter crociati, che vedrà  Jonathan Rossini e Ezequiel Schelotto compiere il tragitto opposto – è stato il fotografo di parma.repubblica.it Marco Vasini (clicca qui repubblica hp 16 01 2013per vedere la gallery al completo), portale che in settimana aveva polemizzato con la società ducale, lamentandosi di non essere convocato alle conferenze stampa, giacché da due mesi a questa parte, a loro dire come rappresaglia per alcuni servizi andati di traverso alla società (come vicenda Tep, tettoia disabili, striscione Boys) sarebbero stati depennati dalla mailing list. Il club, ricorrendo persino allo strumento della repubblica conferenza con amnesia“rettifica a mezzo stampa” (Legge 47/1948), aveva replicato parlando di “Un’affermazione falsa, grave e infamante, che poggia oltretutto su presupposti privi di fondamenti certi”.  Ma la redazione di parma.repubbica.it ha ribadito che si tratta di “Elementi che tuttavia non spostano di una virgola la questione: la nostra redazione e il suo fotografo da circa due mesi non ricevono più, a differenza degli altri media, alcuna comunicazione dall’Ufficio Stampa del Parma Calcio”.

CLICCA QUI PER VEDERE LA FOTOGALLERY DI MARCO VASINI PER PARMA.REPUBBLICA.IT CON SANSONE, MENDES E ROSI AL MAPEI STADIUM

image

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

DI MARZIO E LA MAXI OPERAZIONE CON IL SASSUOLO: VIA MENDES, ROSI E SANSONE PER SCHELOTTO, ROSSINI E SOLDI… VOI CHE NE PENSATE?

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

40 pensieri riguardo “IL MAXISCAMBIO / E VASINI DI PARMA REPUBBLICA IMMORTALA SANSONE, MENDES E ROSI AL MAPEI STADIUM

  • 20 Gennaio 2014 in 01:00
    Permalink

    Majo lo fa un articolo su cio’ che ha appena detto zazzaroni? “faccio mea culpa sul parma..grande stagione e grande donadoni che ha trasformato parolo,gestito cassano e inventato marchionni regista..e poi ha un grandissimo dirigente come leonardi”…..parole appene dette alla domenica sportiva! ora fara’ un bell articolo sig majo o fara’ finta di nulla?..

    • 20 Gennaio 2014 in 01:02
      Permalink

      Ha già scritto tutto lei, che ha seguito il programma. Io cos’altro potrei aggiungere di essenziale?

      • 20 Gennaio 2014 in 07:55
        Permalink

        Colpito sul vivo dai

        • 20 Gennaio 2014 in 08:43
          Permalink

          Piu’ che altro quella di gio e’ una polemica sterile, stupida da prevenuto. La segnalazione e’ indubbiamente buona e per certi versi lo zazza andrebbe attapirato. Ma e’il corollario della provocazione che mi fa girare gli zebedei. Perche’ gio voleva insinuare che io condividevo i contenuti della precedente dichiarazione zazzaroniana solo perche’ ne avevo immediatamente edotto la ns community dopo che lo avevo sentito su radio dee jay esporre i suoi oscuri presagi e dopo che lo avevo intervistato, peraltro offrendogli l’opportunita’ non tanto di rettificare il tiro, ma almeno di chiarire un po’ di piu’ il discorso. Quindi ritengo gratuite e lesive della mia professionalita’ le allusioni finali del signor gio, il quale voleva insinuare che se uno getta merda sul parma (getta merda, secondo lui) qui trova spazio, altrimenti no. Quindi, caro zappa, colpito sul vivo una cippa.
          Cordialmente
          Gmajo

          • 20 Gennaio 2014 in 12:25
            Permalink

            Sul “gestito Cassano”,io ne riparlerei a fine stagione

  • 20 Gennaio 2014 in 01:24
    Permalink

    Beh, quello che dice il menagramo che ci dava per retrocessi mi pare davvero di scarso interesse. Ricordo invece ai posteri quello he nessuno poteva pronosticare ovverosia il trentasettenne capitano coi suoi gol tutti decisivi e con la difesa che quando han giocato lui e Mendes non ha mai preso goal. Persino con la Juve abbiam perso appena è su entrato Felipe.

  • 20 Gennaio 2014 in 07:57
    Permalink

    Che impressione vedere Sansone e Mendez al Mapei

  • 20 Gennaio 2014 in 08:38
    Permalink

    bè majo quando zazza diede il parma in B fece un bell’articolo mentre ora si accontenta del mio trafiletto?non me l’aspettavo..o forse si…

    • 20 Gennaio 2014 in 08:49
      Permalink

      Ecco appunto la conferma di quanto stavo scrivendo ad alfredo. La sua era una stupida e sterile provocazione da prevenuto.

  • 20 Gennaio 2014 in 08:53
    Permalink

    Volevo dire la mia sulla maxi operazione col sassuolo!…parto dal fatto che faccio fatica a capirla, ma sn piu dispiaciuto per la cessione di Mendes che del resto!..provo però a mettermi nei panni di Leonardi e nel portafoglio di Ghirardi e penso che l’operazione sia stata fatta per questi motivi:
    1-serviva liquidità immediata e quindi si è preferito dar via tre panchinari,(o 2 e mezzo visto la corrente alternata di sansone),invece che i big parolo cassano biabiany e paletta
    2- ok il prestito di rosi chiuso da cassani, ok la comproprietà di sansone visto che finora ha fatto solo 2 gol ed era chiuso oltre che dalla conferma di cassano anche dal buon palladino,ma la cessione di mendes mi lascia perplesso!
    3-credo che con paletta e lucarelli,mendes avrebbe giocato poco ed il sassuolo l abbia richiesto fortemente per questo credo che il Parma pensi di valorizzarlo facendolo giocar di piu
    4- rosi sansone e mendes sono stati presi a parametro zero e quindi vendere la metà per piu di 4 milioni sia vitale per il bilancio
    5-schelotto penso sia un discreto giocatore e se torna quello dell’atalanta può essere molto utile in un tridente(ricordo che anche all’inter jonhatan all’inizio fallì);mentre credo che questo rossini andrà via in prestito
    6- andato via mendes prendiamo vergara dal milan,altro giovane interessante; ora però serve un’alternativa all’ottimo Cassani, un’alternativa al buon Marchionni ed un centravanti da alternare ad Amauri(colpaccio Quagliarella?)
    Mi scuso per essere stato lungo ma era il mio pensiero da tifoso e da persona che prova a vederla secondo la testa di Leonardi ed il portafoglio di Ghirardi.

  • 20 Gennaio 2014 in 08:55
    Permalink

    stupida?..majo io scrivo con piacere nello spazio commenti senza essere mai volgare, quindi definire stupida una mia considerazione mi sembra un po troppo eccessivo,presuntuoso e poco rispettoso.

    • 20 Gennaio 2014 in 09:04
      Permalink

      Lei ha mancato di rispetto per primo, venendo qui ad insinuare sulla mia buona fede e io mi sono semplicemente difeso.

      E quindi ribadisco: la sua era una inutile, stupida e pretestuosa provocazione. Si sarebbe dovuto limitare al suggerimento, che è buono, senza permettersi di aggiungere altro.

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 09:15
    Permalink

    Direttore quando imparerai a gestire con “professionalità” anche il dissenso senza vedere prevenzione, insinuazione,malizia,provocazione, ed allusioni nei post non conformi alla “linea editoriale”?? Capisco il disagio ma le risposte offensive non sono consone alla professionalità spesso sbandierata e a volte “accantonata” per rispondere ai “presunti” detrattori.

    • 20 Gennaio 2014 in 09:23
      Permalink

      Il linguaggio che utilizzo nello spazio commenti è consono ai contenuti di chi sfrutta uno spazio messo a disposizione per venire qui ad infangare il mio operato. E te l’ho già spiegato più di una volta: non è una questione di dissenso, ma appunto di prevenzione che taluni utenti, tu compreso, avete con me. E allora trovate pane per i vostri denti, perché certo non porgo cristianamente l’altra guancia.

      Gmajo

      • 20 Gennaio 2014 in 10:22
        Permalink

        Impara dagli altri, guarda i blog di successo e studiati come gestiscono i commenti avversi od offensivi senza insultare il prossimo, è una materia con molta letteratura ed applicata da ai 4 angoli del mondo, questo non è un giornale, se no chiudi i commenti e fai dei monologhi ne hai il diritto, però io vedo che qui ci sono rudi scontri mooolto frequentemente ed un motivo ci sarà, non può essere sempre e solo colpa degli altri.

        • 20 Gennaio 2014 in 10:46
          Permalink

          Grazie dei consigli, ma gli scontri ci sono nel minuto in cui qualcuno offende la mia onorabilita’ professionale. Patrimonio che difendo con i denti. E appunto il ricorso ad un certo tipo di linguaggio (peraltro ho parlato di sterili e stupide provocazioni, e visto che le sono c’e’ ben poco da offendersi. Come dice cinquini chi va al mulino si infarina) e’ per rispondere con gli stessi mezzi. Non c’e’ bisogno che lei o angioldo mi veniate ad insegnare l’educazione. Preciso che questo non e’ un blog, ma un quotidiano on line che ospita spesso e volentieri opinioni diverse dalle mie. E questo perche’ credo che il dialogo arricchisca. Appunto esiste uno spazio commenti per questo scopo. E non per fare i furbi per venire qui a gettar fango sul mio lavoro. Scusi la presunzione, ma su come gestire il forum non credo di aver bisogno di consigli di chi ha meno esperienza di vita del sottoscritto, ma solo e sempre del buon senso. Saluti
          Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 09:20
    Permalink

    mi sembra un po troppo astioso!!io ero curioso di vedere ciò che avrebbe fatto dopo le dichiarazioni della Zazza..fine. se questo le crea disturbo amen. me ne farò una ragione.

    • 20 Gennaio 2014 in 09:27
      Permalink

      Glielo ripeto. Non è una questione di essere astiosi o di essere d’accordo o non d’accordo su un argomento, che anzi il dialogo arricchisce, e pure l’analisi da diversi punti di vista, né sono un maniaco del consenso assoluto, come Leonardi. MA NON ACCETTO CHE UN UTENTE SFRUTTI UNO SPAZIO CHE TROVA GRATUITAMENTE (E CHE IO PAGO) PER VENIRE AD INFANGARE IL MIO ONESTO LAVORO E LA MIA PROFESSIONALITA’ CON INSINUAZIONI DI BASSO RANGO.

      La ringrazio per la sua preziosa segnalazione, ma si risparmi le stupide sterili provocazioni. Anche perché mi scoccia tremendamente spendere il mio tempo per ribattere ad argomenti futili.

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 09:22
    Permalink

    grazie Angioldo.
    majo lei vuole che non la definiamo prevenuto contro il Parma, quindi non lo sia pure lei se non tutti la vedono con il suo punto di vista.

    • 20 Gennaio 2014 in 09:28
      Permalink

      Io non sono prevenuto contro nessuno. Ma se lei viene qui a fare il provocatore trova pane per i suoi denti. E poi non si offenda se reputo le sue provocazioni sterili e stupide quali sono.

      Saluti

      Gmajo

    • 20 Gennaio 2014 in 09:32
      Permalink

      E poi quale sarebbe la mia prevenzione? Mi scusi, eh: lo ha scritto lei che era sicuro che non avrei scritto niente, o sbaglio? E ha scritto lei “o farà finta di nulla?” O sbaglio?

      E allora se lei deve venire qui a mettere in dubbio la mia onestà professionale e la mia buona fede (giacché, tra l’altro, non è la prima volta che lo fa), trova le risposte che merita. E senza che lei si indigni tanto.

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 09:40
    Permalink

    io ho espresso anche un analisi tecnica sul maxi scambio col sassuolo. avrei preferito dibattere con lei su quell’argomento..non su altro.

    • 20 Gennaio 2014 in 09:47
      Permalink

      Anch’io preferirei investire il mio tempo dibattendo di argomenti come il maxi scambio, piuttosto che perder tempo a ribattere a stupide e sterili provocazioni.

      All’argomento maxi scambio dedicherò parte dell’Opinione. Comunque la sua mi pare una analisi piuttosto oculata, anche se non partirei dal presupposto che sono andarti via due panchinari e mezzo. Intanto perché Sansone non lo era (più), e poi perché Mendes avrebbe meritato di essere titolare in luogo di Felipe. Anche Rosi è un calciatore di valore, ma, quale “scontento” è giusto che vada in prestito altrove. Tuttavia la cessione dei due prospetti (non illudiamoci: non torneranno mai più a vestire la maglia crociata, a meno di non augurabili flop), pur al lume delle impellenti necessità economiche, non la trova conveniente né dal punto di vista tecnico, né economico.

      E non mi convince affatto l’arrivo di altri due candidati scontenti, che comunque sono altre due bocche da sfamare.

      Bastava cedere Sansone, come programmato, in estate, e far allora la ricca plusvalenza per quella metà, con una cifra in ingresso superiore al mega scambio attuale.

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 09:43
    Permalink

    mi sa che qualcuno soffra di “prevenzione precoce” in giro per parma e non ,in realta’ trattasi di memoria breve…come pipino,
    o se vogliamo di memoria volatile come un nador

  • 20 Gennaio 2014 in 09:49
    Permalink

    vorrei sentire urgentemente spiegazioni da leonardi..a meno che non si abbiano dei colpl inattesi dell’ultimo secondo! chissà..

    • 20 Gennaio 2014 in 09:52
      Permalink

      Se, ad esempio, dovesse arrivare Saponara, allora si potrebbe anche giustificare (sia pure parzialmente) il sacrificio di Sansone. Ma al momento è un’operazione che lascia molto perplessi, nonostante l’immediata esigenza di liquidità.

      Saluti

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 10:03
    Permalink

    penso anche io arrivi saponara al posto di sansone..o almeno spero

  • 20 Gennaio 2014 in 10:04
    Permalink

    riporto parole della gazzetta dello sporto di oggi:
    “tutto ok per Aleandro Rosi (26) – Ezequiel Schelotto (24), va trovato l’accordo per Nicola Sansone (22) e Pedro Mendes (23) al Sassuolo in cambio di Jonathan Rossini (24). Il Parma chiede un conguaglio di 4,2 milioni per dare il via libera e la trattativa va avanti.”

    ieri erano gia allo stadio cmq..non ci sto capendo nulla..

    • 20 Gennaio 2014 in 10:08
      Permalink

      Speriamo che ci stia capendo qualcosa il Pleniopotenziario…

  • 20 Gennaio 2014 in 10:18
    Permalink

    secondo me centra anche la metà di belfodil che passerà al sassuolo..

  • 20 Gennaio 2014 in 10:35
    Permalink

    Si bum dai poi con Belfodil li mandiamo in Champions! Il Parma ha succursali in serie B,può permettersi di averne una anche in serie A? per me no,perchè rafforzi una concorrente,diverso se la cessione avviene ad una big.
    Mi sembra logico che l’accordo per uno scambio di prestiti(Rosi Schelotto)possa essere trovato velocemente,mentre quello di cessione di comproprietà a fronte di conguaglio un pò meno,comunque sia il ritorno economico e le pedine in cambio che sarebbero solamente in prestito secco per me non sono congrui.
    Immagino Leonardi che dirà che Shelotto può fare 3 ruoli,quello di Rosi,quello di Sansone e il centrocampista e che quindi non verrà nè Saponara nè nessun’altro per sostituire Sansone.
    Secondo me si vuole insistere nel far giocare Amauri con Cassano e Biabiany come ieri, perchè di denari non ce ne sono, nè per prendere prime punte,nè per prendere sostituti.
    Io mi chiedo,proprio in virtù di una buona classifica,perchè rifare la squadra a gennaio,via Benalouane Valdes Rosi Mendes Sansone,si parla di Mesbah etc…quando invece c’era bisogno di riconfermare e fare un sacrificio in questo senso per provare a scalare l’Europa,anche se rimanesse un sogno. Così facendo, depauperi tutto il reparto seconde linee e ci sono ancora 4 mesi davanti,già ieri abbiamo visto elementi palesemente in sofferenza dopo 2 partite ravvicinate.
    Oltrettutto la comproprietà può essere un’arma a doppio taglio,il Sassuolo è terz’ultimo in classifica,se dovesse retrocedere con conseguenti brutte prestazioni,anche le valutazioni dei nostri ne inficerebbero.Se invece il Sassuolo avesse l’astuzia e la volontà di riscattare poi i nostri a Giugno,potrebbe anche limitare il numero di presenze in campo,così come sta facendo con Chibsah ad es.

  • 20 Gennaio 2014 in 11:39
    Permalink

    be dai con belfodil e’ piu’ facile che gli diamo il colpo di grazia per mandarli in serie b,avrebbero bisogno di un paio di difensori di categoria, prendono dei gol da stanlio ed ollio

  • 20 Gennaio 2014 in 11:54
    Permalink

    majo sta percaso verificando se ci sono novità sul maxi scambio e su saponara? senta il suo amico piovanone che di solito qualcosina sa..

  • 20 Gennaio 2014 in 11:57
    Permalink

    Se un’operazione del genere andasse in porto nei termini anticipati dalla stampa sarebbe evidente che la società’ di Ghirardi ha più’ di un impellente bisogno di liquidità’.Non fa star tranquilli nemmeno l’editoriale di un giornalista che fu direttore di un canale televisivo dedicato al calcio ora scomparso dall’etere.Nel pezzo si parla di 2 società’ della massima serie pronte a fare il botto…Società’ che stanno facendo un ottimo campionato nella parte nobile della classifica.Società’ che ieri ha vinto ma che nasconde la polvere sotto il tappeto…Non si fanno riferimenti diretti ma a fondo articolo compare apparentemente senza giustificazioni ,vista la nulla notorietà’ nazionale, un nome di nostra conoscenza.Sappiamo che i giornalisti che fanno scoop vivono di soffiate…Qua mi fermo,sarebbe interessante sapere cosa ne pensa

    • 20 Gennaio 2014 in 12:10
      Permalink

      Al di là degli allarmismi che quell’individuo diffonde, non lo stimo affatto, non mi piace il suo modo di lavorare e se ci fosse un OdG un po’ più sul pezzo, forse si eviterebbero paurosi conflitti di interesse.

      La mia l’ho già detta (da tempi non sospetti, anche se qualcuno mi dava del terrorista visionario): il Parma ha bisogno di liquidità, ma non mi pare sia alla canna del gas. Semplicemente c’è la volontà da parte della proprietà di smettere di gettare denari, ché il club si deve autosostenere.

      Le operazioni di mercato dovranno far sì che entrino le risorse per pagare gli stipendi dei calciatori di metà febbraio. Se quei soldi non dovessero arrivare sarebbe necessaria l’ennesima trasfusione. Trasfusione che la signora Ghirardi vorrebbe evitare. E Leonardi sta lavorando per questo.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 20 Gennaio 2014 in 12:20
    Permalink

    Completamente d’accordo con Majo stavolta!!

  • 20 Gennaio 2014 in 12:45
    Permalink

    Questa vicenda mi porta a pensare che avevo ragione a dire che Sansone aveva bisogno di battere quel rigore:
    1) perché aumentava il suo bottino e dava più spessore alla sua prestazione in quella partita
    2) gli serviva, a lui, per capire se a Parma è considerato un panchinaro o qualcosa di più.
    La conferma di Cassano e la poca considerazione nei suoi confronti, lo hanno portato ad accettare il Sassuolo.
    Ormai sto accettando l’idea di questo maxi-scambio (e di non veder più Sansone a Parma).

  • 20 Gennaio 2014 in 13:40
    Permalink

    la classifica attuale fà si che ghirardi e leonardi possano tenere il coltello dalla parte del manico….io non sono sofddisfatto per quest operazione in particolare per mendes…dispiace anche per sansone….ma una cessione andava fatta ma ….servivano soldi?bene che squinzi si tenga schelotto ( che è pure scontento..manco fosse garrinchia) e rossini e mettesse mano al portafoglio con una cifra consistente ..ci entrano 4,2 milioni dicono …più altre due bocche da sfamare cmq….non vedo propio vantaggi dal fare quest operazione se non interessi commerciali extra calcio ghirardi squinzi

  • 20 Gennaio 2014 in 15:31
    Permalink

    Majo non capisco perchè alcuni tifosi del Parma non ricordano che Sansone era diventato titolare, Mendes aveva giocato bene e ora che il capitano è squalificato, giocherà quel pippone di Felipe, trovo assurdo perdere uno come lui, mentre l’unica operazione sensata è stata il prestito di Rosi.

    • 20 Gennaio 2014 in 15:32
      Permalink

      Al di là del lessico colorito, sono d’accordo su tutto

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI