LA “P” IN USCITA, MOLOSSI CINGUETTA ANCORA: “SPERO DI SBAGLIARMI”. PER BIABIANY SI RIAPRE LA PISTA CINESE? INCONTRO TRA GHIRARDI E LIPPI JUNIOR

Tweet mio (2)(gmajo) – Il nostro Federico Ranauro, direttamente dall’Ata Hotel, ci riferisce di un “incontro Ghirardi-Davide Lippi, figlio di Marcello. Si parla nuovamente di Biabiany. Se i cinesi alzano l’offerta almeno a 7 milioni si può fare. Tweet MolossiInoltre si torna a parlare della cessione di Paletta”. Che abbia ragione Giuliano Molossi, che già ieri si sentiva che una “P” importante potesse lasciare Parma? Il collega Matteo Billi ha twittato al Pludirettore del Gruppo di Via Mantova il nostro articolo di un’ora fa, al che Molossi gli ha replicato: “Spero di sbagliarmi. Aspettiamo le 23”. Aspettiamole…

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

IL PRESAGIO CINGUETTATO IERI DA MOLOSSI: “UN COLPO IN USCITA. E INIZIA PER LA LETTERA P”

image

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 57 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

6 pensieri riguardo “LA “P” IN USCITA, MOLOSSI CINGUETTA ANCORA: “SPERO DI SBAGLIARMI”. PER BIABIANY SI RIAPRE LA PISTA CINESE? INCONTRO TRA GHIRARDI E LIPPI JUNIOR

  • 31 Gennaio 2014 in 16:41
    Permalink

    biabiany è stato convocato per roma parma!…ora c’è la conferenza di donadoni..cosa dirà in merito?

  • 31 Gennaio 2014 in 16:54
    Permalink

    Nn facciamo scherzi,sto mercato ci sta guastando!senza mezzo saponara e zac nn molleremo biabya.forza leo

  • 31 Gennaio 2014 in 18:06
    Permalink

    I numeri parlano chiaro : Okaka media gol , 1 ogni 6,37 partite
    Pozzi media gol , 1 ogni 3,47 partite
    Bel colpo Direttore !!!!

    Enzo Dallai

  • 31 Gennaio 2014 in 18:19
    Permalink

    La vendita ai cinesi è l’unico modo che ha il Parma di avere del cash senza contropartite.
    La Roma non ha già preso Toloi in difesa?
    Con Leonardi alle prese con il mercato “grande”, di quello minore chi se ne occupa? Preiti?

    • 31 Gennaio 2014 in 18:25
      Permalink

      Suppongo di sì, dal momento che non c’è più Imborgia. Nella squadra del Leo, però, sia pure con altri compiti, ci sono anche il direttore operativo Di Taranto e il segretario generale Alessio Paini, i quali si smazzano il lavoro di tesseramento non solo della prima squadra, ma anche dei satelliti.

      Cordialmente

      Gmajo

  • 31 Gennaio 2014 in 19:28
    Permalink

    probabilmente c’e stato un malinteso era piapiany e lo volevano i tedeschi

I commenti sono chiusi.