lunedì, Maggio 27, 2024
L'OpinioneNews

LE DUE TESSERE DEL TIFOSO (Y BLU E PARMA 100), CON EMISSIONE IMMEDIATA GRATIS, DISPONIBILI DOMANI POMERIGGIO (SABATO 25 GENNAIO) NELL’UFFICIO BIGLIETTERIA DEL TARDINI

image(gmajo) – I siti dei Boys e di Settore Crociato, a reti unificate (potenza del Centenario che ha fatto unire gli intenti, superando le asperità che c’erano all’alba di una idea), hanno diffuso la notizia che “da domani, sabato 25 Gennaio, dalle ore 16.30 alle ore 19.30, come avverrà poi fino al termine della stagione, il giorno precedente di ogni partita casalinga, negli uffici della biglietteria dello stadio ‘Ennio Tardini’, al primo piano del ventre della Tribuna Petitot, potranno essere sottoscritte gratuitamente, con emissione imageimmediata, le Tessere del Tifoso del Parma Calcio, la Parma 100 o la YBlu, secondo le singole esigenze di ogni sostenitore. La Parma 100 serve esclusivamente per acquistare i biglietti dei Settori Ospiti degli stadi in cui la nostra squadra è impegnata in trasferta La YBlu, oltre a dar la possibilità di acquistare i titoli d’ingresso degli stadi in cui la nostra squadra è impegnata in trasferta, è il badge su cui viene caricato telematicamente l’abbonamento al ‘Tardini’”.

imageNei giorni scorsi, dopo che sul sito dei Boys, ripresa da Settore Crociato, era uscita una lunga articolessa esplicativa di quella che nei fatti è stata una conversione alla Tessera del Tifoso da parte degli ex obiettori (“Away card: i motivi di una scelta”) , il nostro lettore (col quale mi scuso per il imageritardo nella risposta, ma era notte fonda e bisognava che andassi anche un po’ a dormire, benché mi avessero tenuto sveglio fino a quell’ora i commenti sulle dichiarazioni del core ingrato Sansone…) Marco aveva postato nello spazio commenti di stadiotardini.it la seguente richiesta: “mi piacerebbe sapere la sua opinione riguardo all’articolo pubblicato oggi dal Boys riguardo la loro presa di posizione sull’Away. imageSo che si è dilungato più di una volta sulla querelle zuppa o pan bagnato, ma spero comunque in una sua risposta!”. In effetti, caro Marco, non è che abbia da aggiunger molto di più sull’argomento, giacché il popolare esempio zuppa e pan bagnato rende chiaro come, di riffa o di raffa, gli ex obiettori si siano convertiti, al di là di tutte le spiegazioni filosofiche del caso, magari arrampicandosi sugli specchi, al progetto ministeriale, pur continuando a combattere, a loro dire, l’articolo 9.

Io penso che, finalmente, abbiano capito che al di là dell’ideologia dell’universo ultrà cui si ispirano, debba prevalere l’amore per la squadra di calcio che si ha nel cuore. Con qualche anno di ritardo – sarà stata la crisi di astinenza da trasferta – ci sono arrivati, piegandosi all’istituzione Tessera, di cui hanno sottoscritto (quasi tutti, a parte alcuni rimasti fedeli ai propri principi) il modulo per l’emissione. Ci si poteva arrivare prima, soprattutto in virtù del fatto che la tessera del Parma Y Blu è sempre stata svincolata da istituti bancari o altre iniziative commerciali: per cui l’opposizione non aveva senso, nel minuto in cui si viene schedati dalla Polizia anche acquistando un semplice biglietto.

Come ho più volte sottolineato la Tessera del Tifoso è un male per il calcio italiano e per chi l’ha sottoscritta fin da principio, continuando a subire angherie (per colpa, però, di chi questa Tessera l’ha fatta partorire come rimedio alla violenza negli stadi). Però era – e resta così anche dopo le spiegazioni – una palese contraddizione l’averla dapprima osteggiata, per poi accettarla, di fatto, tre anni dopo. Tre anni in cui il Parma, lontano dal Tardini, ha dovuto fare a meno – a parte qualche sporadica piratata – dei propri sostenitori più calorosi. Società Parma F.C. che, sia pure sapendo di accontentare una piccola parte, numericamente parlando, del proprio pubblico, non ha mai smesso di ascoltare – spesso avallandole anche in sede istituzionale – le ragioni dei No-tessera. Ingiusto, dunque, a mio modo di vedere, lo striscione che con la scusa del Centenario (anche se sono al corrente che c’è in vista qualche incontro chiarificatore anche su questo tema, dopo il mal di pancia dimostrato per il presunto disinteresse o mancato sostegno del club alle lodevoli iniziative organizzate – e pagate – dal Comitato Popolare) abbia fatto indebite pressioni per una rapida soluzione dei problemi tecnici (peraltro dipendenti dal CEN di Napoli) che impedivano l’emissione delle card. Singolare, poi, che sullo stesso portale che aveva ospitato da anni le tesi del No alla Tessera (sul Sì alla passera noi maschietti siamo tutti d’accordo…), fossero apparse missive di chi si lamentava perché la Tessera non poteva essere sottoscritta fuori dalla campagna abbonamenti. Con la notizia di cui sopra, si nota, come ora la Tessera sia regalata (e il generoso Ghirardi è uno dei pochi che non si fa corrispondere un rimborso spese)  anche al di fuori della campagna abbonamenti, appunto in ogni vigilia di gara interna.

Grazie alla Tessera del Tifoso Parma 100, dunque, gli obiettori possono andare in trasferta, e con piacere riportiamo che i Boys stanno organizzando quella per Roma. Clicca qui per tutte le info per viaggiare con la comitiva ultrà.

ARTICOLI E CONTRIBUTI MULTIMEDIALI CORRELATI

SUL SITO DEI BOYS UN ELOGIO PER CORRADO SANI, RESPONSABILE DELLE BIGLIETTERIE

CONTRO IL CHIEVO CON LA CARICA DELLE 101 AWAY…

I TRE GIORNI DELLA AWAY, LA NUOVA TESSERA DEL TIFOSO CHE CONSENTE AGLI OBIETTORI DI ANDARE IN TRASFERTA. Il video integrale della conferenza di Stefano Perrone e tutte le info

IL PARMA SU FACEBOOK RISPONDE A CHI SCRIVE AI BOYS SENTENDOSI PRESO PER IL C… PER LA MANCATA ENTRATA IN FUNZIONE DELLA TESSERA AWAY

LA MANCATA ENTRATA IN FUNZIONE DELLE TESSERE “AWAY” E’ TRA LE CAUSE DELLO STRISCIONE POLEMICO DI LUNEDI: MA IL PARMA NON HA COLPA

LA TESSERA SIMIL-ROMA PER LE TRASFERTE DEI NO-TDT? IL PARMA STA SOPPESANDO PRO E CONTRO…

A NAPOLI IL RITORNO “UFFICIALE” IN TRASFERTA DEI BOYS?

SAMPDORIA-PARMA, Fotogallery amatoriale

SAMPDORIA-PARMA, VIDEO REPORTAGE DAL FAIR PLAY VILLAGE DEI GEMELLATI, a cura di Luca Savarese

L’ARREMBAGGIO DEL GEMELLAGGIO

L’OPINIONE DI MAJO DOPO SAMPDORIA-PARMA 1-0: “SOLO IL GEMELLAGGIO FA SORRIDERE. DAL CAMPO RISPOSTE CHE FANNO PIANGERE…”

OBIETTORI DELLA TESSERA, LA TRASFERTA CON LA SAMPDORIA E’ SALVA. E’ ARRIVATA L’ATTESA “AWAY”, SI CHIAMA “PARMA 100” E DA DOMANI SARA’ IN DISTRIBUZIONE AL TARDINI

 

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “LE DUE TESSERE DEL TIFOSO (Y BLU E PARMA 100), CON EMISSIONE IMMEDIATA GRATIS, DISPONIBILI DOMANI POMERIGGIO (SABATO 25 GENNAIO) NELL’UFFICIO BIGLIETTERIA DEL TARDINI

  • Direttore, condivido tutto quello che ha scritto.
    ……. ma si è avvicinato Settore ai Boys o i Boys a Settore? Questo qui sarebbe da capire. Chissà se all’eventuale incontro chiarificatore andranno insieme….. o uno forse è già la a lavorare a-macca commuovendosi (come disse il Ghiro).
    Leggendomi il kilometrico comunicato dei Boys su uno dei due siti, che tanto è uguale, in cui i Boys ufficializzano di tesserarsi mi hanno lasciato un pò di stucco alcune cose, che io non ho trovato mica troppo oneste e lineari, al contrario del nuovo Settore.

    ….Dire “No alla tessera” per noi voleva dire “SI alle trasferte”….
    Eh???? Dire No alla tessera ha voluto dire non poter andare in trasferta!!! e infatti l’hanno chiesta e fatta proprio x tornare in trasferta, dove non potevano andare e non andavano praticamente + da anni perchè gli era VIETATO. Altre tifoserie che hanno detto subito SI alla tessera in trasferta ci sono sempre potute andare e ci sono sempre andate alla grande. Bo ma forse avranno sbagliato a scrivere…… o a rifiutare la tessera x anni….

    ….che l’away sarebbe una invenzione delle società per riportare gente allo stadio…
    Ma appena più giù scrivono che sono stati loro a richiederla specificatamente al Parma ad Agosto!!!
    Poi chi era da riportare allo stadio? Tutti noi tifosi non-ultrà avevamo già Yblu e loro le loro tessere vaucher solo x loro. Le tessere x le trasferte servivano solo a loro… mica alla “gente” (non siamo scudi umani x le politiche ultrà). A me pare che il Parma abbia fatto questa tessera blu ai Boys perchè i Boys gli hanno rotto le palle in tutti i modi possibili, non x altro. I numeri lo dimostrano 12.000 Yblu, 110 Away (forse).

    … che grazie alla loro protesta la tessera sia cambiata….
    Noi 10.000 tifosi non-ultrà del Parma non abbiamo mai avuto in tasca una tessera del tifoso con funzione di credit cart o commerciale, perchè Yblu non lo è mai stata. Non è cambiato un fico secco per noi.

    …che i controlli sono gli stessi x biglietti e tessere del tifoso, così tanto vale fare la tessera perchè poi alla fine è una cazzata… un numerino, un codicino, una fotina….
    Detto da chi x un saco di anni ci ha fatto su queste storie una guerra di religione fa molto strano. Ok cambiare idea ma senza esagerare…. o forse lo dicono per convincere a tesserarsi qualcuno di loro ke forse è rimasto contrario???

    …che per fare Yblu ci vogliono tre mesi… quindi meglio la “Boys” 100…
    quando da metà Gennaio tutte le tessere crociate (la gialla e la blu) vengono rilasciate subito. Infatti non si capisce perchè non andasse bene la tessera gialla e ce ne volesse una blu solo per gli ultrà, che tra l’altro da meno cose (così ne devono fare di più!!!)

    A me fa già strano che gli ultrà scrivano comunicati… però almeno fare dei testi in cui le frasi non si contraddicono tra di loro sarebbe meglio….

    Speriamo il favore dell’away ai Boys sia ripagato dai Boys con un tifo caldo ma non violento, responsabile, senza insulti alle forze dell’ordine. Speriamo ci sia civiltà a Roma e così anche Reggio, visto che a breve andremo anche li in trasferta e già si sentono arie non troppo rassicuranti. Speriamo non ci si sia convertiti alla tessera del tifoso per fare teppismo e violenza in giro. Il Parma gli ha fatto il favore della away, adesso gli chieda il favore di comportarsi bene. Tifo si anche tanto, anche contro, ma solo quello.
    Mica violenza per poi scaricare tutta la responsabilità sui……….
    “funzionari “da ufficio” incapaci di gestire l’ordine pubblico”
    La violenza è colpa dei violenti, mica delle forze dell’ordine. Altri scudi umani???
    (eccola qui la “riflessione” dei Boys, che il nuovo Settore ha introdotto come bella e che merita di essere letta…..).
    Chissà se meritano di essere lette anche le scritte digos boia o acab in giro x Parma… io direi proprio di no.

    Buon weekend!

I commenti sono chiusi.