LE RILEVANZE ECONOMICO-FINANZIARIE-PATRIMONIALI DELLA MAXI OPERAZIONE DI SCAMBIO CON IL SASSUOLO SECONDO IL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA

(gmajo) – Mancano poche ore ormai alla presentazione dei due nuovi calciatori crociati Ezequiel Schelotto e Jonathan Rossini (ore 12,30 a Collecchio) provenienti dal Sassuolo, ove sono andati Aleandro Rosi, Nicola Sansone e Pedro Mendes: una maxi operazione incrociata che certo non è passata inosservata, ma che anzi ha suscitato un ampio dibattito nella tifoseria, scontenta per la partenza di alcuni dei propri miti e del più interessante prospetto. Uno scambio che, al di delle valutazioni tecniche che ormai è meglio rinviare al definitivo responso del campo, finisce per avere incidenza sul piano economico-finanziario e patrimoniale delle società coinvolte. Per capirne di più su questi ultimi aspetti ricorriamo ancora una volta alla indiscussa competenza del dottore commercialista Luca Marotta, esperto lettore di bilanci delle società sportive, cui abbiamo chiesto un parere, partendo dalle dichiarazioni rilasciate lunedì sera dall’Ad del Parma FC Pietro Leonardi nel corso della sua telefonata a Calcio & Calcio (Teleducato). In sintesi, secondo il nostro esperto, “l’importo dei riscatti dei prestiti potrebbe rendere ‘neutra’ l’operazione, almeno finanziariamente”.

(Luca Marotta) – Mi attengo al virgolettato dell’AD del Parma F.C.Pietro Loenardi (la trascrizione è tratta da Settore Crociato) che costituisce la premessa del ragionamento.

<<Nicola Sansone, Pedro Mendes e Aleandro Rosi al Sassuolo. I primi due in comproprietà, il terzo in prestito secco. Ezequiel Schelotto e Jonathan Rossini dalla casacca neroverde alla Maglia Crociata in prestito.  Il fluidificante con la formula del diritto di riscatto, mentre il difensore con la formula gratuita, perché è in comproprietà tra la società sassolese e la Sampdoria.

Per una cifra che si aggira attorno “ai quattro milioni e mezzo di Euro, che origina, però, una plusvalenza di bilancio pari al doppio, nove milioni di Euro, perché Sansone e Mendes sono due giocatori che erano stati acquisiti dal Parma Calcio a parametro zero. Con un risparmio sul monte ingaggi di un milione lordo di Euro”.

Questi sono i termini squisitamente economici dell’operazione di mercato con il Sassuolo spiegati da Pietro Leonardi, intervenuto in diretta telefonica alla trasmissione Calcio  &Calcio di Teleducato Parma.>>

Analizzerò, dunque, l’operazione dal punto di vista economico, finanziario e patrimoniale.

ASPETTO ECONOMICO

Da quanto riportato sopra deduco che i prestiti menzionati siano senza corrispettivi. Pertanto, dal punto di vista economico bisogna considerare l’effetto della compartecipazione, che dà luogo ad una cessione a titolo definitivo con realizzo di plusvalenze o minusvalenze, con la simultanea stipula di un contratto di partecipazione.

Inoltre bisogna considerare l’impatto del risparmio in termini di ingaggio non pagati e l’impatto dei nuovi ingaggi. Per gli ingaggi ho fatto riferimento agli ingaggi netti pubblicati da La Gazzetta dello Sport.

clip_image002

Non essendo specificato nel virgolettato, ho ipotizzato un maggiore valore di cessione di Sansone rispetto a Mendes, anche in considerazione dell’ingaggio. Quindi, dal punto di vista formale, il Parma cede a titolo definitivo al Sassuolo Mendes e Sansone per 9 milioni, realizzando una plusvalenza di pari importo, essendo i giocatori acquistati a parametro zero.

In termini di ingaggio il Parma risparmierebbe, per i tre calciatori, € 1.230.000, ipotizzando che il costo lordo sia pari al doppio del netto. Tuttavia, acquisendo due calciatori dal Sassuolo, il Parma si dovrebbe assumere l’onere di pagare i relativi ingaggi, per circa € 900.000.

clip_image003

Dal punto di vista economico, rimane da calcolare l’impatto fiscale sull’operazione.

Considerando l’aliquota IRAP del 3,9% e IRES del 27,5%. Infatti, tale operazione genera dei componenti reddituali positivi e negativi, che determinano un impatto sulla tassazione. Ai fini IRES è possibile diluire l’impatto delle plusvalenze in cinque esercizi, calcolando le imposte differite.

Sull’esercizio 2013/14, l’impatto fiscale dovrebbe ammontare a € 923.880, di cui € 338.130 per IRAP ed € 585.750 per IRES. Ovviamente, tali maggiori componenti reddituali ,che determinerebbero un imponibile fiscale, possono essere neutralizzati dall’impatto di eventuali perdite della gestione corrente.

clip_image004

Riepilogando il tutto, il Parma, dal punto di vista economico, realizzerebbe dall’operazione, un utile netto di € 6.426.120.

clip_image005

ASPETTO FINANZIARIO

 

Dal punto di vista finanziario, il Parma evidenzierebbe un credito verso il Sassuolo di € 10.980.000, dovuto alla cessione a titolo definitivo per l’importo di € 9.000.000 + IVA al 22% pari a € 1.980.000. Simultaneamente sorgerebbe un debito verso il Sassuolo di € 4.500.000, dovuto all’acquisto della partecipazione del 50% dei calciatori ceduti. Tale operazione è senza IVA.

Il risparmio in termini di ingaggio produrrà minori uscite di cassa per € 330.000. Non avendo dati sulle modalità di pagamento della compartecipazione non posso ipotizzare la variazione positiva delle disponibilità liquide derivante dall’operazione. Ovviamente, è molto importante l’incasso immediato almeno dell’IVA, che dovrà essere versata in sede di liquidazione, a seguito della fatturazione di vendita.

 

ASPETTO PATRIMONIALE

Dal punto di vista patrimoniale tra le immobilizzazioni finanziare saranno allocati i diritti di partecipazione ex art 102 bis NOIF. L’utile netto relativo all’operazione dovrebbe contribuire positivamente sul risultato dell’esercizio che confluisce nel Patrimonio Netto.

clip_image006

Nel caso in cui il Sassuolo conservasse la titolarità delle prestazioni sportive dei calciatori ed il corrispettivo della risoluzione della partecipazione fosse minore del 50% del prezzo dell’originaria cessione, il Parma dovrà rilevare gli oneri da partecipazione come differenza tra il precedente valore della partecipazione e il prezzo stabilito all’atto della risoluzione.

Non essendo specificati i termini economici dei riscatti dei prestiti, è molto probabile che l’operazione diventi “meno profittevole” di quanto esposto. Si può presumere che per Schelotto ci sia un obbligo di riscatto, che pareggi l’esborso finanziario del Sassuolo, ma è solo un’ipotesi. Luca Marotta

ARTICOLI E CONTRIBITI MULTIMEDIALI CORRELATI

L’OPINIONE DI MAJO DOPO LA TELEFONATA DI LEONARDI A CALCIO & CALCIO: “ DOVEROSO CHIARIRE I DETTAGLI DELLA MAXI-OPERAZIONE, MA ERA MEGLIO EVITARE LA CONSUETA UBRIS”

DELLO STATO PATRIMONIALE DEL PARMA FC DAL 2005 AD OGGI: “I DEBITI HANNO SEGUITO IL PERCORSO DELL’ATTIVO, SENZA MAI SUPERARLO”

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 58 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società.

3 pensieri riguardo “LE RILEVANZE ECONOMICO-FINANZIARIE-PATRIMONIALI DELLA MAXI OPERAZIONE DI SCAMBIO CON IL SASSUOLO SECONDO IL COMMERCIALISTA LUCA MAROTTA

  • 22 Gennaio 2014 in 10:34
    Permalink

    Analisi molto utile! Anche se penso che qualcosa non sia stata detta, perché se no, con gradi giri di parole e bei numeri, non si è raccontato la verità ai tifosi!

    Nella speranza che il commercialista legga lo spazio commenti, la presenza di una clausola come il diritto (NON l’obbligo) di riscatto come viene messa a bilancio? Con la creazione di un fondo rischi-oneri futuri?

  • 22 Gennaio 2014 in 14:12
    Permalink

    Come giustamente segnala il gentile Lettore non esiste l’obbligo di riscatto.
    Infatti, l’articolo 103 delle N.O.I.F., non prevede l’obbligo di riscatto, ma solo la possibilità a favore della società cessionaria di esercitare il diritto di opzione per trasformare la cessione temporanea del contratto in cessione definitiva, a determinate condizioni.
    Dal punto di vista contabile, l’argomento è trattato dalla Raccomandazione Contabile n.4 della FIGC.
    La raccomandazione contabile n. 4 della FIGC, riguardante la “Cessione Temporanea”, afferma quanto segue: “gli effetti economici in capo alla società cedente derivanti dalla cessione definitiva del diritto, per effetto dell’esercizio dell’opzione da parte della società cessionaria, dovranno essere imputati nell’esercizio in cui viene depositato il contratto di cessione definitiva.
    Nell’ipotesi di rinnovo della cessione temporanea per la stagione successiva, la società cedente e quella cessionaria dovranno rilevare tra i conti d’ordine l’impegno assunto in relazione al sopracitato diritto di opzione.” Luca Marotta

    • 22 Gennaio 2014 in 14:40
      Permalink

      Grazie!

I commenti sono chiusi.